DIRETTA TOUR DE FRANCE 2020/ Tadej Pogacar vince la 20^ tappa e ribalta Roglic!

- Mauro Mantegazza

Diretta Tour de France 2020: Tadej Pogacar ha vinto la 20^ tappa cronometro Lure-La Planche des Belles Filles e si prende la maglia gialla finale!

Pogacar Tirreno Adriatico
Diretta Tirreno Adriatico 2021: Tadej Pogacar (repertorio)

DIRETTA TOUR DE FRANCE 2020: TADEJ POGACAR VINCE LA 20^ TAPPA E SI PRENDE LA MAGLIA GIALLA

Tadej Pogacar ha vinto il Tour de France 2020! Impresa clamorosa del giovane fenomeno della UAE Team Emirates nella cronometro Lure-La Planche des Belles Filles, che ha ribaltato l’edizione numero 107 della Grande Boucle. Pogacar infatti ha vinto la tappa e ha compiuto l’impresa che sembrava impossibile alla vigilia: scavalcare il connazionale Primoz Roglic, che lo precedeva di ben 57″ alla partenza. Pogacar è stato più veloce di Roglic in ogni settore intermedio, poi ha fatto il capolavoro sulla rampa finale verso La Planche des Belles Filles, per un finale che entra nella storia del ciclismo, ai livelli o forse anche meglio di Greg Lemond su Laurent Fignon al Tour de France 2020. Roglic ha ceduto di schianto, sia di gambe sia di testa, mentre il suo giovane connazionale volava verso la gioia più grande, una di quelle imprese che entrano nella storia dello sport, con il tempo di 55’55”. Alle spalle di Pogacar nella classifica di tappa si sono piazzati con lo stesso tempo di 57’16” Tom Dumoulin e Richie Porte, il quale conquista il terzo gradino del podio scalzando Miguel Angel Lopez, davvero pessimo oggi. In chiusura dobbiamo applaudire anche Damiano Caruso, eccellente settimo nella cronometro e decimo nella generale: applausi anche a lui, ma oggi è il giorno di Pogacar! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME SEGUIRE IL TOUR DE FRANCE (20^ TAPPA)

Per seguire il Tour de France 2020 in diretta tv, ci sarà una amplissima copertura live sulla Rai e su Eurosport: in chiaro, il canale di riferimento sarà oggi Rai Due, la ventesima tappa cronometro Lure-La Planche des Belles Filles sarà infatti trasmessa a partire già dalle ore 14.00 sul canale generalista della televisione di Stato italiana, per garantire molte ore di trasmissione anche per la frazione odierna con la telecronaca di Francesco Pancani e Marco Saligari. Il Tour de France sarà inoltre visibile anche su Eurosport, canale disponibile tuttavia solamente per gli abbonati. Per chi invece non potesse mettersi davanti al televisore oggi pomeriggio, ma non volesse perdere le emozioni della Grande Boucle, ecco pure la possibilità garantita dalla diretta streaming video, gratuita per tutti sul sito o l’applicazione di Rai Play, per gli abbonati tramite Eurosport Player. Infine ricordiamo i riferimenti ufficiali della Grande Boucle: il sito www.letour.fr, la pagina Facebook Le Tour de France e il profilo Twitter @LeTour. CLICCA QUI PER LA DIRETTA STREAMING DEL TOUR DE FRANCE SU RAI PLAY

TUTTI I BIG IN STRADA!

Con Primoz Roglic sono terminate le partenze: siamo ormai davvero nella fase decisiva della cronometro Lure-La Planche des Belles Filles, la ventesima tappa del Tour de France 2020 che emetterà tutti i verdetti dlel’edizione numero 107 della Grande Boucle. C’è ancora tutto in ballo: naturalmente il nome del vincitore del Tour de France 2020, le posizioni sul podio di domani a Parigi, ma anche quelle nella top 10 (noi speriamo che ci possa entrare Damiano Caruso) e pure la maglia a pois, dal momento che questa cronometro avrà il durissimo arrivo in cima a La Planche des Belles Filles che assegnerà i punti decisivi per la maglia a pois, oltre naturalmente alla vittoria di tappa. Al comando c’è sempre il francese Remi Cavagna davanti a David De La Cruz e al colombiano Daniel Martinez, il transalpino naturalmente comincia a sperare nella grande impresa, però adesso sono in strada tutti i migliori, con gente come Tom Dumoulin e lo stesso Roglic che potrebbero naturalmente fare il colpo anche nella cronometro. Intanto al primo intermedio Caruso sta facendo nettamente meglio di Alejandro Valverde, di conseguenza per il siciliano della Bahrain-McLaren ci sarebbe l’ambito decimo posto nella generale, se il trend dovesse essere confermato fin sul traguardo. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

SEMPRE LEADER CAVAGNA

Remi Cavagna occupa sempre il primo posto nella cronometro Lure-La Planche des Belles Filles fra chi ha già completato la propria prova nella decisiva ventesima tappa del Tour de France 2020, anche se naturalmente i verdetti più attesi sono quelli relativi ai big, che non hanno ancora preso il via da Lure per darsi battaglia poi soprattutto sulla durissima salita finale verso l’arrivo di La Planche des Belles Filles. Il francese della Deceuninck-Quick Step resiste dunque al comando con l’eccellente tempo di 57’54”, cambiano però le posizioni d’onore alle sue spalle. Infatti al secondo posto adesso c’è lo spagnolo David De la Cruz della UAE Team Emirates (compagno di squadra di Tadej Pogacar) con un ritardo di 41″ da Cavagna, poi curiosamente ci sono Soren Kragh Andersen e Maximilian Schachmann appaiati con due minuti esatti di ritardo dal transalpino, dunque è scivolato al quinto posto con un ritardo di 2’07” il nostro Alessandro De Marchi, comunque autore di una prova molto buona. La temperatura però comincia a salire: non dal punto di vista meteorologico, ma a livello di tensione, perché il momento dei nomi di spicco è sempre più vicino. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

CAVAGNA SALDO IN TESTA

Remi Cavagna è saldamente al comando della cronometro Lure-La Planche des Belles Filles, il francese della Deceuninck-Quick Step infatti finora è al primo posto della classifica dei tempi fra chi ha già completato la propria prova nella decisiva ventesima tappa del Tour de France 2020. Il transalpino non ha alcuna ambizione di classifica ma potrebbe puntare a un piazzamento d’eccellenza nell’ordine d’arrivo della tappa, per ora possiamo notare che Cavagna ha fatto davvero una ottima cronometro, conclusa con il tempo di 57’54” e un vantaggio di ben 2’07” sul nostro Alessandro De Marchi, per ora buon secondo al traguardo. Cavagna è al comando a tutti i tre rilevamenti cronometrici intermedi in questo momento, di conseguenza ancora piuttosto a lungo potrebbe rimanere al comando della classifica, continuando a cullare il sogno della vittoria. Per i big, c’è ancora da aspettare: Damiano Caruso ad esempio sarà alle ore 16.54, poi si andrà ad intervalli di due minuti, fino alla partenza di Primoz Roglic alle ore 17.14. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LE PRIME PARTENZE

La cronometro Lure-La Planche des Belles Filles, decisiva ventesima tappa del Tour de France 2020, entra gradualmente nel vivo. Hanno già preso il via infatti molti corridori, dal momento che in questa prima parte l’intervallo fra una partenza e l’altra a Lure è di un minuto e mezzo – si passerà poi a due minuti in vista degli uomini più attesi. Tuttavia, la lunghezza del percorso e soprattutto la difficoltà della salita finale verso La Planche des Belles Filles naturalmente fa sì che gli arrivi siano stati pochissimi fino a questo momento: a livello puramente indicativo possiamo annotare il tempo di 1h04’17” per Frison, corridore della Lotto-Soudal che è attualmente il migliore fra i pochissimi giunti al traguardo, mentre Remi Cavagna – ieri protagonista di una lunga fuga – è partito forte e ha il miglior tempo al primo rilevamento cronometrico in località Le Raddon, con un tempo di 16’57”, naturalmente ancora ampiamente nella prima parte pianeggiante della tappa. Il meglio però deve ancora venire: l’ultima partenza sarà quella della maglia gialla Primoz Roglic, ma saranno già le ore 17.14… (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

VIA ALLA CRONOMETRO

Tutto è pronto per dare il via alla ventesima tappa del Tour de France 2020, la cronometro Lure-La Planche des Belles Filles che ci dirà tutta la verità sui verdetti della Grande Boucle. Ci sarà naturalmente ancora molto da aspettare per vedere i big in azione, perché l’ordine di partenza di una cronometro è la classifica generale rovesciata, dunque per adesso vedremo in azione uomini di secondo piano, ad esempio gregari e velocisti. Tra di loro ci potrebbe essere anche qualcuno forte a cronometro con ambizioni dunque per il successo di tappa, ma i cronoman devono fare i conti con gli ultimi chilometri verso La Planche des Belles Filles, una durissima salita che richiederà a tutti di raschiare le ultime energie rimaste. Unica cronometro del Tour de France 2020, ricorda due delle prove contro il tempo del Giro d’Italia 2019: la prima a Bologna, con inizio in pianura e poi la durissima rampa verso il San Luca (che però misurava solo 8 km) e quella da Riccione a San Marino, simile per chilometraggio ma con una salita meno difficile di quella di oggi. D’altronde qui siamo al giorno decisivo di un Tour de France, è giusto che emerga il più forte in assoluto: parola alla strada e al cronometro, la ventesima tappa del Tour de France 2020 comincia! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

FOCUS SULL’ARRIVO

Mentre aspettiamo di dare il via alla diretta della ventesima tappa del Tour de France 2020, possiamo spendere qualche parola in più su La Planche des Belles Filles, che in questi ultimi anni è diventata una sede ormai tradizionale per il Tour de France. La Grande Boucle giunse qui per la prima volta nel 2012 e la vittoria andò a Chris Froome davanti a Bradley Wiggins nel primo Tour dominato da Sky: sono passati appena otto anni, eppure questa sarà la quinta volta a La Planche des Belles Filles, con tanti ricordi meravigliosi per l’Italia. Nel 2014 ci fu la vittoria di Vincenzo Nibali, che oltre al successo di tappa si prese anche la maglia gialla (che aveva ceduto per un solo giorno) che non avrebbe poi più ceduto fino al trionfo a Parigi. Nel 2017 ecco invece il successo di Fabio Aru, che in maglia tricolore di campione d’Italia staccò Chris Froome e compagnia per giungere da solo in vetta a La Planche des Belles Filles. Infine l’anno scorso la vittoria di giornata era andata al belga Dylan Teuns, ma al secondo posto si piazzò Giulio Ciccone che così conquistò la maglia gialla, scavalcando per appena 6″ Julian Alaphilippe e scrivendo un’altra pagina del suo meraviglioso 2019, che lo aveva già visto al Giro d’Italia vincere la classifica Gpm e la tappa di Ponte di Legno con il Mortirolo. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

L’ANNO SCORSO

Giorno decisivo oggi, giorno decisivo un anno fa: la diretta della ventesima tappa del Tour de France 2020 non fa eccezione alla tradizione che vuole i verdetti della Grande Boucle decisi al penultimo giorno, prima della passerella conclusiva a Parigi. Oggi ci attende la cronometro con arrivo in salita a La Planche des Belles Filles, nel 2019 era la Albertville-Val Thorens, ultima grande tappa di montagna sulle Alpi. Il maltempo che aveva già flagellato la corsa il giorno prima ci mise nuovamente lo zampino, accorciando la frazione ad appena 59 km, comunque durissimi grazie alla salita di addirittura 33 km verso l’arrivo. Fu un giorno di gloria per Vincenzo Nibali, che attaccò da lontano, staccò poi sull’ultima ascesa tutti i suoi compagni di avventura resistendo anche al ritorno dei big e vincendo a Val Thorens con 10″ di vantaggio su Alejandro Valverde, 14″ su Mikel Landa e 17″ sulla coppia del Team Ineos formata da Egan Bernal e Geraint Thomas. Per il colombiano fu il trionfo, per il gallese invece arrivò il secondo posto nella generale, dal momento che ci fu il crollo definitivo di Julian Alaphilippe, costretto a cedere anche il posto sul podio a Thomas e all’olandese Steven Kruijswijk, giunto al traguardo con 25″ di ritardo da Nibali e dunque 8″ dietro la coppia Bernal-Thomas. Per l’Italia fu la terza vittoria di tappa dopo quelle di Elia Viviani e Matteo Trentin. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LA VENTESIMA TAPPA

Giorno decisivo per la diretta Tour de France 2020: oggi sabato 19 settembre ci attende la ventesima tappa cronometro Lure-La Planche des Belles Filles di 36,2 km, una durissima frazione a cronometro che emetterà tutti i verdetti ancora da stabilire per l’edizione numero 107 della Grande Boucle. Tappa decisamente intrigante dal punto di vista tecnico, perché l’arrivo in cima a La Planche des Belles Filles la rende ovviamente ben più dura di una cronometro normale, ma d’altro canto il tratto iniziale di pianura impedisce anche di parlare di una vera e propria cronoscalata: geniale intuizione da parte degli organizzatori, che hanno inserito nel disegno del Tour de France 2020 una sola prova contro il tempo e per di più particolare e certamente spettacolare, per godere delle ultime “vere” emozioni del Tour prima della passerella a Parigi. L’ultimo sabato è sempre giorno da non perdere: tutti dovranno fare i conti con le energie ormai al lumicino, in particolare dopo il durissimo arrivo in cima al Col de la Loze mercoledì e l’ultima tappa alpina giovedì verso La Roche sur Foron. Oggi è per quasi tutti l’ultimo “round” di una battaglia durata tre settimane: che cosa succederà verso La Planche des Belles Filles?

DIRETTA TOUR DE FRANCE 2020: PERCORSO 20^ TAPPA

Merita davvero di essere analizzata più nel dettaglio il percorso della ventesima tappa cronometro Lure-La Planche des Belles Filles, che ci farà compagnia oggi nella diretta Tour de France 2020. Ne abbiamo già accennato: sarà una cronometro molto particolare, con caratteristiche completamente diverse fra la prima parte sostanzialmente pianeggiante e gli ultimi chilometri in salita verso l’arrivo a La Planche des Belles Filles, che infatti è classificato anche come Gran Premio della Montagna di prima categoria. La partenza avrà luogo da Lure e il primo corridore (cioè l’ultimo della classifica generale) prenderà il via alle ore 13.00, mentre dovremo aspettare all’incirca le 17.00 per le ultime partenze, quelle dei big. Il primo tratto completamente pianeggiante ci porterà al primo rilevamento cronometrico intermedio in località Le Raddon al km 14,5, poi ci sarà la lievissima salita del Col de la Chevestraye verso il secondo intermedio posto a Plancher les Mines al km 30,3, dove però saremo ormai ai piedi dell’ascesa conclusiva verso La Planche des Belles Filles, salita di 5,9 km all’8,5% di pendenza media e punte di pendenza massima fino al 20% proprio all’ultimo chilometro. Una cronometro davvero stuzzicante e con una posta in palio altissima: sarà un sabato da non perdere…

© RIPRODUZIONE RISERVATA