DIRETTA/ Trento Trieste (finale 79-61) streaming tv: Trento in scioltezza (Basket)

- Claudio Franceschini

Diretta Trento Trieste streaming video tv: orario e risultato live della partita valida per la Supercoppa Italiana 2020 di basket alla BLM Group Arena, è la quinta giornata nel gruppo C.

Grazulis Trieste Venezia lapresse 2020 640x300
Diretta Trieste Venezia, basket Serie A1 23^ giornata (da facebook.com/allianzpallacanestrotrieste)

DIRETTA TRENTO TRIESTE (FINALE 79-61): TRENTO IN SCIOLTEZZA

Ha vinto in scioltezza la Dolomiti Energia Trento nella sfida di Supercoppa Italiana di basket contro l’Allianz Pallacanestro Trieste. 79-61 il risultato finale, 19-18 il punteggio per Trento nell’ultimi quarto, ma nella seconda metà di gara la Dolomiti non ha fatto altro che gestire il già cospicuo vantaggio di 16 punti ottenuto all’intervallo, rallentando molto i ritmi di gioco. Alla fine Browne si è staccato come miglior realizzatore della partita tra le fila dei padroni di casa, con 20 punti segnati individualmente. Per Trieste ne ha realizzati 16 da solo Doyle, ma di fatto nel terzo e nell’ultimo quarto l’Allianz non ha mai davvero dato l’impressione di poter rientrare in partita. (agg. di Fabio Belli)

DIRETTA STREAMING VIDEO E TV: COME VEDERE LA PARTITA

Non ci sarà la possibilità di seguire la diretta tv di Trento Trieste, le partite di Supercoppa Italiana 2020 di basket sono infatti un’esclusiva di Eurosport che però, salvo qualche minima eccezione comunicata di volta in volta, le trasmette sulla piattaforma Eurosport Player e dunque in diretta streaming video, ricordando che il servizio è riservato agli abbonati. Sul sito www.legabasket.it troverete invece l’apposita sezione dedicata al torneo, con i tabellini play-by-play e le statistiche dei giocatori.

DISTANZE MANTENUTE

Sembra ormai già messa in ghiaccio la vittoria per la Dolomiti Energia Trento nella sfida di Supercoppa Italiana di basket contro l’Allianz Pallacanestro Trieste. La formazione di casa ha mantenuto le distanze rispetto ai 16 punti di vantaggio già accumulati prima dell’intervallo, con un ulteriore lunghezza maturata grazie al 18-17 del terzo quarto. I migliori realizzatori della partita al momento restano Browne e Doyle con 14 punti ciascuno, ma per Trento il ritmo sotto canestro è stato costante, Trieste ha vissuto di alti e bassi con una scarsa continuità realizzativa che ha portato ai 17 punti di distacco, molto difficilmente colmabili nell’ultimo quarto. (agg. di Fabio Belli)

ALLUNGO DOLOMITI!

Per la Dolomiti Energia Trento grande secondo quarto con un parziale di 20-6 inflitto all’Allianz Pallacanestro Trieste: uno strappo che ha rotto l’equilibrio del primo quarto, portando la formazione trentina a vantare 16 punti di vantaggio su quella triestina. Tra le fila dei padroni di casa a metà gara Browne è già arrivato in doppia cifra con 11 punti realizzati, dall’altra parte 8 punti per Doyle e 7 per Da Ros non sono bastati a Trieste per mettere restare in partita, con la seconda metà di questo match di Supercoppa Italiana che sembra ora per l’Allianz una montagna assai dura da scalare. (agg. di Fabio Belli)

SUBITO EQUILIBRIO

Subito equilibrio nella sfida di Supercoppa Italiana tra Dolomiti Energia Trentino ed Allianz Pallacanestro Trieste. 22-20 in favore della formazione trentina il parziale del primo quarto con Browne da una parte e Doyle dall’altra a guidare le medie realizzative delle due squadre. Partita inizialmente vivace sotto canestro, le due difese per ora non hanno trovato le giuste contromisure, ma sembra impossibile azzardare un pronostico in questo momento, il primo quarto è passato sostanzialmente come una fase di studio, vedremo se prima dell’intervallo le cose cambieranno. (agg. di Fabio Belli)

SI GIOCA

Siamo pronti a vivere la diretta di Trento Trieste. L’Aquila è affondata al PalaVerde, segnando appena 67 punti: il 30,4% dall’arco è stato frutto di percentuali scarse soprattutto da parte dei giocatori più attesi. La partita di Gary Browne e Jeremy Morgan è stata pessima: i due hanno combinato per 12 punti (6 a testa), 4/16 dal campo e 5 palle perse. A quel punto, non è bastato il contributo di un buon JaCorey Williams (15 punti e 7/12) né di Toto Forray, che ha portato alla causa 9 punti; la Dolomiti Energia ha bisogno di Browne e Morgan per evitare di dover chiedere punti a giocatori che magari sono meno abituati a creare per loro stessi. Vedremo allora quali saranno le contromosse di Nicola Brienza per una serata nella quale Trento potrebbe rimettersi in corsa per un posto nella Final Four di Supercoppa Italiana, ma più in generale deve ritrovare le sue certezze in vista dell’imminente campionato. Mettiamoci comodi allora, e lasciamo che a parlare sia il parquet della BLM Group Arena: finalmente la palla a due di Trento Trieste sta per alzarsi! (agg. di Claudio Franceschini)

IL PROTAGONISTA

Come potenziale protagonista di Trento Trieste vogliamo mettere Juan Fernandez. E’ uno dei veterani della squadra, e ne rappresenta lo zoccolo duro insieme a Daniele Cavaliero e Matteo Da Ros: arrivato nel 2017, in realtà è in Italia da tempo. Cresciuto nell’Università di Temple con cui ha disputato quattro stagioni, l’Olimpia Milano lo ha acquistato nel 2012 tenendolo sotto contratto per due anni, ma mandandolo sempre in prestito. Prima a Brescia, poi per 9 partite a Sassari a concludere la stagione; rientrato in Argentina per giocare (bene) con l’Obras Sanitarias, Fernandez nel 2014 si è ripresentato alla Leonessa e ha disputato due stagioni centrando la promozione in Serie A1. Impresa ripetuta appunto a Trieste; iniziata la quarta stagione in maglia Alma, è uno dei leader dello spogliatoio ma gioca ancora parecchi minuti, nella partita persa al Taliercio ha segnato 17 punti con 6/10 dal campo e distribuito 3 assist, risultando il migliore dei suoi nel grigiore generale della squadra giuliana. (agg. di Claudio Franceschini)

ALL’ANDATA

Trento Trieste inizia tra poco: la partita di andata, che aveva rappresentato l’esordio in Supercoppa per le due squadre, era stata vinta dall’Alma sulla sirena. Buzzer beater di Tommaso Laquintana, che aveva scongiurato l’overtime: sarebbe stata una beffa per una squadra di casa che sul parquet dell’Allianz Dome era stata praticamente avanti. Laquintana, arrivato da Brescia, era stato il naturale incaricato dell’ultimo tiro: ha chiuso infatti con 16 punti, 5/6 dal campo e il 100% nelle triple su tre tentativi. Benissimo anche Juan Fernandez, autore di 13 punti con 3/5 dalla lunga distanza; tuttavia Trieste non avrebbe probabilmente vinto la partita se non fosse stato per il contributo di Myke Henry, per distacco MVP della partita. Alla prima con i giuliani ha infilato 27 punti, 3 rimbalzi, 4 assist e 2 recuperi con un ottimo 10/14 al tiro, dall’altra parte 21 punti di Gary Browne e 16 di JaCorey Williams, in doppia cifra era andato anche un Jeremy Morgan da 15 punti mentre per Luke Maye c’erano stati 8 punti e 8 rimbalzi. (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE PARTITA

Trento Trieste, partita diretta dagli arbitri Carmelo Lo Guzzo, Denis Quarta e Matteo Boninsegna, si gioca alle ore 20:30 di venerdì 11 settembre. Siamo alla BLM Group Arena, e il contesto è quello della quinta giornata nel girone C della Supercoppa Italiana 2020 di basket. Perdendo al Taliercio, l’Alma si è fatta riprendere e virtualmente sorpassare da Venezia in testa alla classifica: la trasferta in terra trentina diventa fondamentale per la squadra di Eugenio Dalmasson, che comunque sta facendo molto bene e con tre vittorie in quattro gare ha sicuramente lo status di sorpresa. Dall’altra parte arriva una Dolomiti Energia che è reduce dalla sconfitta di Treviso: ultima in classifica per la differenza canestri, è sostanzialmente eliminata dal torneo anche se con un miracolo potrebbe ancora tornare in corsa. Nicola Brienza in questo momento vuole testare il suo gruppo in vista del campionato, sicuramente la cosa più importante; vedremo allora come andranno le cose nella diretta di Trento Trieste, della quale possiamo intanto analizzare le principali tematiche.

DIRETTA TRENTO TRIESTE: RISULTATI E CONTESTO

Trento Trieste è una partita che mette a confronto due squadre che, possiamo dirla così, erano attese al riscatto dopo una stagione non semplicissime. Il Coronavirus ha cancellato tutto, ma forse per la prima volta l’Aquila non si sarebbe qualificata per i playoff; un campionato mediocre quello della squadra messa in mano a Nicola Brienza dopo l’addio di Maurizio Buscaglia, giustamente dopo un grande ciclo c’è stata qualche scossa di assestamento e la stagione in corso dovrà dare risposte circa la competitività del roster, che si è profondamente modificato. L’Alma come detto qualche giorno fa ha mantenuto la struttura dei suoi veterani ma anche implementato i giocatori a disposizione di Eugenio Dalmasson; il coach l’anno scorso ha rischiato l’esonero con una squadra che lottava per la salvezza trovandosi in una posizione scomoda, alla fine la società lo ha confermato e adesso gli ha messo in mano Trieste per un altro anno. Da vedere se i giuliani possano realmente lottare per i playoff: in queste prime partite di Supercoppa hanno fatto vedere che effettivamente questa potrebbe essere la loro realtà, ma poi quando si inizierà a fare davvero sul serio le cose potrebbero cambiare. Intanto bisogna sicuramente fare un applauso alla squadra che, al netto della sconfitta di Venezia, si sta comportando davvero molto bene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA