DIRETTA/ Usa Olanda (risultato finale 2-0) Rai: Stati Uniti campionesse del Mondo!

- Mauro Mantegazza

Diretta Usa Olanda streaming video Rai: orario, probabili formazioni, quote e risultato live della finale dei Mondiali calcio femminile 2019 (oggi 7 luglio)

Morgan Usa
Diretta Usa Olanda, Mondiali di calcio femminile 2019 (LaPresse)

DIRETTA USA OLANDA (2-0) TRIPLICE FISCHIO

Al Parc Olympique Lyonnais la Nazionale femminile degli Stati Uniti vince il Mondiale battendo per 2 a 0 le colleghe dell’Olanda. Nel primo tempo le olandesi provano a sorprendere le avversarie ma finiscono col dover evitare il peggio grazie alle parate di Van Veenendaal. La partita si sblocca soltanto nel corso della ripresa, precisamente al 61′, grazie al calcio di rigore trasformato da Rapinoe. Il raddoppio porta la firma di Lavelle al 69′ mentre le europee non riescono più ad accorciare le distanze da qui al triplice fischio dell’arbitro. Gli Stati Uniti si aggiudicano quindi un Campionato del Mondo dominato sin dalla prima partita del torneo vinta contro la Thailandia per 13 a 0 e l’Olanda si arrende ad un avversario di livello superiore. (cronaca Alessandro Rinoldi)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME SEGUIRE LA FINALE

La diretta tv di Usa Olanda sarà garantita sia in chiaro per tutti dalla Rai sia sulla piattaforma satellitare di Sky. Nel primo caso potrete collegarvi su Rai Due, nel secondo invece il canale di riferimento sarà Sky Sport Mondiali, il numero 202. Di conseguenza sarà doppia anche la diretta streaming video, garantita per tutti tramite Rai Play e naturalmente riservata ai soli abbonati con il servizio Sky Go. CLICCA QUI PER LA DIRETTA STREAMING DEL GIRO D’ITALIA SU RAI PLAY

FASE FINALE DEL MATCH

Quando manca ormai solamente una decina di minuti al novantesimo della sfida tra Stati Uniti D ed Olanda D, il punteggio è cambiato ed è ora di 2 a 0. Le statunitensi riescono a spezzare l’equilibrio iniziale al 61′ grazie al calcio di rigore trasformato da Rapinoe e concesso per fallo di Van Der Gragt su Alex Morgan ravvisato dal VAR. Il raddoppio arriva poco dopo, precisamente al 69′, per merito della ventiquattrenne Lavelle, autrice di una bella conclusione dal limite dell’area.

E’ INIZIATA LA RIPRESA

Arrivati al cinquantacinquesimo minuto, il risultato tra Stati Uniti D ed Olanda D è sempre bloccato sullo 0 a 0. In queste prime battute del secondo tempo, iniziato con l’ingresso di Krieger al posto di O’Hara tra le fila delle statunitensi, sono proprio le americane a partire meglio, sfiorando il gol di testa già al 46′ su un cross da calcio d’angolo. Problema per Sauerbrunn, ferita al volto a causa di una testata rimediata durante un contrasto aereo.

FINE PRIMO TEMPO

Al termine della prima frazione di gioco le formazioni di Stati Uniti D ed Olanda D sono da poco rientrate negli spogliatoi per l’intervallo sullo 0 a 0. Nonostante il buon avvio da parte delle europee, le americane dominano per gran parte del primo tempo e si vedono negare la rete del possibile vantaggio soltanto per merito delle parate di Van Veenendaal, decisiva in almeno quattro occasioni ed aiutandosi anche con il palo per respingere le conclusioni di Alex Morgan. L’arbitro ha ammonito anche Dahlkemper tra le statunitensi al 41′.

SCOCCA LA MEZZ’ORA

Giunti alla mezz’ora del primo tempo, il punteggio tra Stati Uniti D ed Olanda D è di 0 a 0. I minuti passano e l’equilibrio tarda a spezzarsi nonostante entrambe le compagini abbiano a disposizioni chances interessanti per passare in vantaggio. Van Veenendaal evita il peggio sulla conclusione di Ertz al 28′ mentre, sul fronte opposto, anche Naeher deve uscire dai pali della propria porta per anticipare un’avversaria lanciata a rete.

FASE INIZIALE DEL MATCH

A Lione la finale mondiale tra Stati Uniti D ed Olanda D è cominciata da una decina di minuti nel primo tempo ed il risultato è di 0 a 0. Nelle fasi iniziali dell’incontro le due Nazionali sembrano annullarsi a vicenda, senza riuscire a produrre azioni concrete una volta arrivate in zona offensiva. L’arbitro ha già estratto un cartellino giallo ammonendo Spitse al 10′ tra le fila delle Oranje.

FORMAZIONI UFFICIALI

Usa Olanda sta finalmente per cominciare: pochi minuti ci separano dalla finale dei Mondiali calcio femminile 2019. Facciamo allora un salto indietro a quattro anni fa, per la precisione al 5 luglio 2015, data della finale della scorsa edizione dei Mondiali femminili allo stadio BC Place di Vancouver, in Canada. Anche in quella occasione erano protagonisti gli Stati Uniti, che ottennero una perentoria vittoria per 5-2 contro il Giappone. La protagonista assoluta della partita fu Carli Lloyd, autrice addirittura di una tripletta nello spazio dei primi 16 minuti della partita, quando gli Usa già conducevano addirittura di quattro reti, perché in quel devastante inizio ci fu spazio pure per un gol di Lauren Holiday. Il Giappone ebbe il merito di ravvivare la partita con il gol di Yūki Nagasato Ogimi e l’autorete di Julie Beth Johnston, ma infine il gol di Tobin Heath per il 5-2 chiuse le speranze nipponiche di una clamorosa rimonta e diede la vittoria agli Stati Uniti. Adesso però la parola va al campo: la finale Usa Olanda comincia davvero! USA (4-3-3): Naeher; O’Hara, Dahlkemper, Sauerbrunn, Dunn; Mewis, Ertz, Lavelle; Heath, Morgan, Rapinoe. CT Ellis OLANDA (4-2-3-1): van Veenendaal; van Lunteren, Dekker, van der Gragt, Bloodworth; Groenen, Spitse; Beerensteyn, van de Donk, Martens; Miedema. CT Wiegman-Glotzbach (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

L’ALBO D’ORO

Manca davvero poco alla diretta di Usa Olanda, dobbiamo dunque adesso ricordare la storia assai diversa di queste due Nazionali che oggi disputeranno la finale dei Mondiali calcio femminile 2019. L’Olanda infatti non solo è alla sua prima finale, ma in precedenza non era mai nemmeno entrata fra le prime quattro. Adesso le Oranje proveranno a fare la storia contro gli Usa, che invece vantano un record impressionante: su otto edizioni dei Mondiali (compresa questa), le americane sono sempre salite sul podio. Per gli Stati Uniti abbiamo infatti i tre trionfi del 1991, 1999 e 2015, mentre nel 2011 ecco il secondo posto a causa della sconfitta in finale contro il Giappone – quella di oggi sarà dunque la quinta finale. Nel 1995, 2003 e 2007 ecco invece tre terzi posti, perché nelle tre occasioni nelle quali gli Usa hanno perso la semifinale, sono poi sempre riusciti a vincere la finale per il bronzo, salendo in questo modo comunque sul podio. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

IL PERCORSO ORANJE

Sempre più vicina la diretta di Usa Olanda, vediamo anche il cammino delle olandesi verso questa finale dei Mondiali calcio femminile 2019. Eccellente avvio nel girone E, con tre vittorie su altre partite per le campionesse d’Europa olandesi: al debutto 1-0 contro la Nuova Zelanda, poi 3-1 contro il Camerun e infine 2-1 contro il Canada per blindare definitivamente la prima posizione che ha portato alle Oranje l’abbinamento con il Giappone negli ottavi di finale. Qui vittoria un po’ a fatica per l’Olanda, 2-1 con doppietta di Martens per piegare le nipponiche solamente al 90’ minuto. Ricordiamo invece molto bene la partita dei quarti contro l’Italia, nella quale l’Olanda ha piegato le azzurre con il punteggio di 2-0 grazie alle reti segnate da Miedema e Van der Gragt nel secondo tempo. Infine, la semifinale è storia di mercoledì sera, con la vittoria per 1-0 contro la Svezia ai tempi supplementari grazie al gol al 99’ minuto di Groenen. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

IL CAMMINO AMERICANO

Aspettando la diretta di Usa Olanda, ricordiamo come le due squadre sono arrivate alla finale dei Mondiali calcio femminile 2019. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, il cammino è stato facilissimo nella prima fase, chiusa dagli Usa con tre vittorie su tre nel girone F, il clamoroso 13-0 inflitto alla Thailandia seguito da altri due successi, per 3-0 contro il Cile ed infine 2-0 sulla quotata Svezia. L’abbinamento negli ottavi di finale è stato contro la Spagna, che ha fatto soffrire gli Usa ma ha ceduto per 2-1 (primo gol subito dalle americane nel torneo) grazie a un doppio rigore di Rapinoe. Stesso risultato e stessa protagonista nei quarti, in cui gli Stati Uniti hanno battuto le padrone di casa della Francia con un altro 2-1 firmato da una doppietta di Rapinoe. Gli Usa sembrano abbonati alle vittorie per 2-1 nella fase ad eliminazione diretta: stesso risultato anche in semifinale contro l’Inghilterra, ma con i gol di Press e Morgan in questo caso. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

ORARIO E PRESENTAZIONE DEL MATCH

Usa Olanda, in diretta dallo stadio Parc Olympique Lyonnais di Lione oggi pomeriggio, domenica 7 luglio 2019, alle ore 17.00, sarà la finale dei Mondiali calcio femminile 2019. Tra pochi ore dunque sapremo chi tra Stati Uniti e Olanda vincerà questa ottava edizione dei Mondiali femminili che è stata ospitata in Francia. Usa Olanda è una sfida inedita ai massimi livelli, perché le americane sono da sempre una grande potenza del calcio femminile, che in Olanda invece solo di recente ha fatto un notevole salto di qualità. In compenso le Oranje hanno la straordinaria possibilità di mettere a segno la doppietta Europei-Mondiali, ma per farlo dovranno imporsi sugli Stati Uniti già tre volte campioni del Mondo. Gli Usa in semifinale hanno vinto per 2-1 contro l’Inghilterra, mentre l’Olanda per superare la Svezia ha avuto bisogno dei tempi supplementari, che hanno dato la vittoria per 1-0 alle campionesse d’Europa in carica.

PROBABILI FORMAZIONI USA OLANDA

Vediamo adesso quali potrebbero essere le probabili formazioni di Usa Olanda. A rigor di logica le titolari in semifinale sono di nuovo le favorite per scendere in campo, anche se l’Olanda è più a rischio turnover, a causa dei supplementari avendo pure giocato un giorno dopo. Per gli usa dunque disegniamo un 4-3-3 con Naeher in porta, protetta dalla difesa a quattro formata da O’Hara, Dahlkemper, Sauerbrunn e Dunn; a centrocampo il terzetto formato da Horan, Ertz e Lavelle, infine il tridente d’attacco con Heath, Morgan e Press, anche se resta da capire se davvero Rapinoe possa finire in panchina per la seconda volta consecutiva. Con tutte le cautele del caso, per l’Olanda mettiamo Van Lunteren, Van der Gragt, Bloodworth e van Donne nella retroguardia a quattro davanti a Van Veenendaal, mentre a centrocampo le possibili titolari sono Groenen, Van de Donk e Spitse, infine nel tridente offensivo collochiamo Beerensteyn, Miedema e Martens.

PRONOSTICO E QUOTE

Diamo infine uno sguardo alle quote per il pronostico su Usa Olanda secondo l’agenzia di scommesse sportive Snai. Le americane partono favorite e di conseguenza il segno 1 è quotato a 1,43, mentre poi si sale fino alla quota di 4,25 in caso di pareggio (naturalmente segno X). Infine, una vittoria dell’Olanda varrebbe ben 8,75 volte la posta in palio per chi avrà creduto nella possibilità del segno 2.

© RIPRODUZIONE RISERVATA