Diretta Vuelta 2020/ Ackermann vince la 18^ tappa! Primoz Roglic campione!

- Mauro Mantegazza

Diretta Vuelta 2020: Pascal Ackermann è il vincitore della 18^ tappa, ma a Madrid è festa per Primoz Roglic Campione!.

Roglic rosso Vuelta Tour
Diretta Vuelta 2020: Primoz Roglic (LaPresse)

DIRETTA VUELTA 2020: VINCE ACKERMANN, ROGLIC CAMPIONE!

E’ Pascal Ackermann il vincitore della 18^ tappa della Vuelta 2020! Il tedesco ha fatto suo con una splendida volata il trionfo nell’ultima tappa del giro spagnolo, ma al traguardo di Madrid la festa è tutta per Primoz Roglic, vincitore della 75^ edizione del GT iberico. Per lo sloveno si tratta del secondo successo di fila, la maglia rossa portare fino alla fine nel 2019: davvero un traguardo importate dunque per uno dei protagonisti più brillanti di questa stagione 2020 del ciclismo che giunge al termine dunque. Ma mentre è grande spazio per la festa, ecco che dobbiamo anche ricordare che cosa è successo in strada, negli ultimi frangenti della corsa. Ci eravamo infatti lasciati a circa una 40 di km dal traguardo finale, con la corsa pronta a fare il proprio ingresso a Madrid. È stato però a meno di 30 km dalla capitale spagnola che finalmente qualcosa si è mosso, com Tim Wellens che ha provato con successo a fare partire la fuga: di fila Smit, e anche Serrano e Gruzdev si sono messi alla ruota del belga, e il drappello si ha messo ben poco a mettere i primi secondi di vantaggio alle loro spalle. I 4 fuggitivi corrono veloci, ma alle loro spalle ecco che pure diverse squadre si fanno vedere a ranghi compatti e per la precisione Bora e Mitchelton. Negli ultimi 1500 sia è tutti compatti e parte la volata: è testa a testa tra Ackermann e Bennett, ma al traguardo è il tedesco a spuntarla. Ackermann sale dunque sul primo gradino del traguardo, seguito da Bennett e Kanter, mentre nella classifica generale certifichiamo il trionfo di Primz Roglic. (agg Michela Colombo)

VUELTA 2020: MADRID VICINA

Meno di 40 km all’arrivo di Madrid ed è ancora velocità da crociera sulle strade spagnole. La diretta della Vuelta 2020 per la 18^ tappa ancora non si è accesa ma presumibilmente non dovremo attendere ancora a lungo: già cominciamo a intravedere le periferie della capitale iberica e presto qualcosa si muoverà in strada. Al momento comunque è ancora gruppo compatto e la velocità media in strada non è elevatissima e fissata a 37 km/H: al momento poi le varie squadre si stanno alternando in testa alla corsa, per ricevere ognuno il plauso al termine di questa bella edizione del GT spagnolo. Urge poi ora fare una piccola correzione a quanto già detto prima. Davide Formolo, ciclista della UEA Team Emirates, che non si è presentato al via della 18^ tappa, pare che abbia fatto oggi ritorno dalla famiglia per stare vicino alla moglie Mirna, che a breve partorirà. Con anche Formolo out, dei cinque corridori italiani iscritti alla Vuelta 2020 è rimato in gara solo Matteo Cattaneo. (agg Michela Colombo)

DIRETTA VUELTA 2020 IN STREAMING VIDEO E TV, COME SEGUIRE LA 18^ TAPPA

Per seguire la diretta tv della Vuelta 2020, il punto di riferimento sarà Eurosport: la corsa spagnola sarà infatti visibile sul canale tematico che è disponibile anche sulle piattaforme di Sky e DAZN per i rispettivi abbonati, mentre non sarà visibile purtroppo in chiaro. Per chi invece non potesse mettersi davanti al televisore, ecco pure la possibilità garantita dalla diretta streaming video, per gli abbonati tramite Eurosport Player oppure anche DAZN. Informazioni importanti sulla corsa spagnola saranno disponibili anche sul sito Internet e sui social network: su Facebook la pagina ufficiale è Vuelta a España, mentre l’account ufficiale Twitter è @lavuelta, particolarmente preziosi per chi non potrà seguire la corsa su Eurosport.

VUELTA 2020: RITMO BLANDO

Siamo a circa metà del percorso previsto per la 18^ tappa della Vuelta 2020: appena una settantina di km dunque al traguardo finale di Madrid, dove do fatto chiuderemo questa magnifica edizione del giro spagnolo. Dopo all’ora un’altra oretta di corsa ecco che ben poco è occorso sulle strade spagnole: il gruppo infatti è sempre ancora tutto compatto e la media oraria è di 35.9 km/h. Il ritmo dunque è ancora abbastanza blando: dopo una breve accelerata, gli uomini della Jumbo Visma, che rimangono ancora in testa, hanno di nuovo alzato il piede. L’impressione è che dovremo ancora attendere a lungo perchè la frazione si accenda per davvero e si cominci a lottare per il successo di tappa. (agg Michela Colombo)

VUELTA 2020: TUTTI ASSIEME

Siamo nel vivo della diretta della 18^ e ultima tappa della Vuelta 2020 e passata la prima ora di corsa, vediamo che è occorso ben poco in strada finora. Come previsto, la frazione di oggi pare più che altro una passerella, che si accenderà, almeno per le ruote veloci, solo nel finale per decidere il vincitore di tappa: al momento dunque in strada è sempre gruppo compatto, anche superati i primi trenta chilometri circa e il ritmo in generale è piuttosto blando. Va però aggiunto che al momento sono in testa gli uomini della Jumbo Visma, impegnati a celebrare la bella maglia rossa e il successo finale di Primoz Roglic: facile dunque che a breve la velocità aumenti. Da segnalare infine che la via non si è presentato il ciclista italiano Davide Formolo, che pare aver cominciato con un giorno di anticipo lo stop invernale: nulla di sorprendente considerate le condizioni non ottimali dell’alfiere della UAE Team Emirates, che già aveva rimediato una brutta caduta al Tour de France 2020. (agg Michela Colombo)

VUELTA 2020: COMINCIA LA 18^ TAPPA!

Sempre più vicino il via alla diretta della 18^ tappa della Vuelta 2020, ci restano da ricordare gli arrivi a Madrid delle ultime tre edizioni del Giro di Spagna, con ben due vittorie italiane. Nel 2017 la frazione conclusiva aveva preso il via da Arroyomolinos e dopo 117,6 km aveva visto la vittoria in volata di Matteo Trentin davanti al francese Lorrenzo Manzin e al danese Soren Kragh Andersen, coronando una Vuelta nella quale Trentin vinse addirittura quattro tappe. Nel 2018 invece la festa a Madrid fu per Elia Viviani, che allo sprint ebbe la meglio su Peter Sagan e sull’altro azzurro Giacomo Nizzolo al termine di 100,9 km che avevano preso il via da Alcorcon. Per Elia Viviani si trattava della terza vittoria nella Vuelta e il settimo nei grandi giri 2018 dopo quattro frazioni vinte al Giro d’Italia. Infine l’anno scorso, dopo 106,6 km cominciati a Fuenlabrada, la vittoria allo sprint era andata al belga Fabio Jakobsen davanti all’irlandese Sam Bennett e al polacco Szymon Sajnok. Questi dunque gli ultimi precedenti a Madrid, ma cosa succederà oggi? Parola alla strada per l’ultima tappa della Vuelta 2020! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

VUELTA 2020: I PRECEDENTI

Oggi la diretta Vuelta 2020 ci regalerà come suo ultimo atto la 18^ tappa, che sarà una passerella completamente pianeggiante per le strade di Madrid e dintorni, come da tradizione ampiamente consolidata per quella che normalmente è la tappa numero 21. Negli ultimi anni ha fatto eccezione solamente l’edizione 2014 che si concluse a Santiago de Compostela, per di più con una cronometro individuale che fu vinta dal nostro Adriano Malori, nel giorno che certificò il successo di Alberto Contador. Potremmo parlare in quel caso di eccezione che conferma la regola fra tante volate nella capitale spagnola, con costanza simile a quella del Tour a Parigi, mentre il Giro varia molto di più la sua sede d’arrivo. A partire dal 2010 (anno in cui la Vuelta fu vinta da Vincenzo Nibali) abbiamo avuto le vittorie dell’americano Tyler Farrar, poi di un giovanissimo Peter Sagan nel 2011, di John Degenkolb nel 2012 e di Michael Matthews nel 2013. Dopo la parentesi a cronometro, ecco nel 2015 la vittoria di nuovo di John Degenkolb al termine della Vuelta di Fabio Aru e nel 2016 la volata vincente del danese Magnus Cort Nielsen prima di due grandi gioie italiane nelle ultime tre stagioni, sulle quali torneremo fra poco… (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

VUELTA 2020: IL VINCITORE INCORONATO A MADRID!

La diretta Vuelta 2020 termina oggi, domenica 8 novembre, con la diciottesima tappa Hipodromo de la Zarzuela-Madrid di 139,6 km, l’immancabile passerella conclusiva completamente pianeggiante, che come quasi sempre si disputa nella capitale della Spagna ed esalterà i velocisti, che non vorranno lasciarsi sfuggire questo traguardo. Occasione d’oro per gli sprinter che hanno avuto poche occasioni per esultare, forse addirittura meno del solito in questa Vuelta 2020 che d’altronde ha patito anche un taglio di tre tappe rispetto alla sua durata tradizionale. Per chi non si intendesse molto di ciclismo, precisiamo che “passerella” è un termine simbolico: sarà gara vera a tutti gli effetti, una tappa che fa classifica, in cui potrebbero esserci distacchi e di conseguenza anche cambiare la graduatoria. In realtà però oggi la diretta Vuelta 2020 sarà soprattutto un giorno di festa, in particolare nei primi chilometri che saranno caratterizzati da brindisi e foto di rito per il vincitore della Vuelta 2019, la sua squadra e per chi indossa le altre maglie – con le cautele previste in epoca Covid però anche qui qualcosa si perde. Quando si entrerà sul circuito finale di Madrid però si comincerà a fare sul serio, perché gli sprinter vorranno giocarsi un arrivo di grande prestigio, conquistato l’anno scorso da Fabio Jakobsen, vittima ad agosto di un gravissimo incidente al Giro di Polonia. Nel finale della tappa dunque si correrà ad altissima velocità, per poi dare spazio dopo il traguardo a tutte le premiazioni di rito.

DIRETTA VUELTA 2020: PERCORSO 18^ TAPPA

In attesa del via all’ultima fatica della diretta Vuelta 2020, andiamo adesso ad analizzare il percorso della diciottesima tappa Hipodromo de la Zarzuela-Madrid, per quel poco che onestamente c’è da dire su questa facilissima frazione conclusiva che nel passato recente spesso ha sorriso all’Italia – vittorie a Madrid di Matteo Trentin nel 2017 e di Elia Viviani nel 2018. La partenza avrà luogo dall’Hipodromo de la Zarzuela alle ore 13.29: negli ultimi anni si correva nel tardo pomeriggio per avere le premiazioni al tramonto, ma a novembre anche su questo ci si è dovuti adattare. Siamo già nella Comunità Autonoma di Madrid e dopo avere attraversato altre località dell’hinterland con un lungo giro attorno alla capitale, si entrerà in Madrid, dove ci sarà da affrontare un circuito cittadino che attraverserà tutti i punti più famosi di Madrid. Non mancherà naturalmente uno sprint intermedio, che sarà collocato al km 116 e cioè al secondo passaggio sulla linea del traguardo. Le squadre dei velocisti staranno attente ad ogni minimo dettaglio per arrivare al quasi certo sprint che farà calare il sipario su questa anomala ma comunque divertente Vuelta 2020.

© RIPRODUZIONE RISERVATA