DIRETTA VUELTA 2020/ Primoz Roglic ha vinto la 1^ tappa! Grande attacco all’ultimo Km

- Michela Colombo

Diretta Vuelta 2020: Primoz Roglic ha vinto la 1^ tappa della corsa ed è di conseguenza la maglia rossa in classifica. Grande azione da parte dello sloveno, che ha lasciato tutti sul posto.

Roglic Tre Valli Varesine
Diretta Vuelta 2020 - Primoz Roglic (Foto repertorio LaPresse)

DIRETTA VUELTA 2020: PRIMOZ ROGLIC HA VINTO LA 1^ TAPPA!

Primoz Roglic ha vinto la prima tappa della Vuelta 2020, ed è la prima maglia rossa di questa corsa. Il finale è stato davvero interessante: sulla penultima salita il gruppo è stato definitivamente ripreso, e si è staccato un Chris Froome che con grande orgoglio ha provato a ricucire lo strappo ma ha mostrato difficoltà anche sulla discesa, frustrato dal grande ritmo imposto dal gruppo. A fare il ritmo è stata comunque la Ineos Grenadiers, che dunque ha dato un segnale chiaro: cambio di strategia in corsa si può dire, con ritmo mantenuto alto per favorire un Richard Carapaz diventato capitano. Si è arrivati in questo modo alle rampe dell’Alto de Arrate, a chiusura della straordinaria di oggi; in testa si sono portati Carapaz, il nostro Davide Formolo e il favorito della vigilia Primoz Roglic, ma la Ineos ha continuato ad alzare il ritmo impedendo azioni solitarie mentre a staccarsi è stato anche Daniel Martinez che, come detto in precedenza, ha pagato il grande sforzo fatto per rientrare dopo la caduta. A 4,5 km dal traguardo Sepp Kuss ha nuovamente tagliato la corsa in due: a staccarsi sono stati questa volta Tom Dumoulin ed Ernesto Valverde, mentre Carapaz e Roglic sono rimasti al comando. Anche Formolo ha dovuto pagare dazio, mentre entrati nell’ultimo chilometro è arrivato l’atteso attacco di Roglic. Lo sloveno si è alzato sui pedali e semplicemente se n’è andato, prendendosi vittoria e maglia rossa. Al secondo posto Carapaz, attardati gli altri che ora dovranno già inseguire nei prossimi giorni della Vuelta 2020. (agg. di Claudio Franceschini)

VUELTA 2020: GRANDE AZIONE DI JAUREGUI!

Mancano solo 30 chilometri al traguardo della prima tappa della Vuelta 2020: fuggitivi ormai ripresi, ma ci sono alcuni corridori che non mollano il colpo. Si tratta di Rémi Cavagna e Quentin Jauregui: quest’ultimo aveva già sprintato in maniera vincente sul GPM di terza categoria e ancora una volta ha allungato, restando da solo al comando della corsa. Il primo ad abdicare tra i cinque di partenza è stato Jasha Sutterin, assorbito dagli inseguitori; Cavagna invece è stato il primo a provare ad alzare nuovamente la pedalata, ma ormai sembra davvero che l’azione dei primi protagonisti di questa tappa introduttiva sia giunta a conclusione; sarà interessante valutare se Jauregui concluderà una giornata per lui già ottima con una vittoria in solitaria, ma per l’appunto visto l’arrivo in salita l’impresa si annuncia decisamente complicata e il gruppo, adesso comandato dalla EF Pro Cycling di quel Daniel Martinez che era caduto in precedenza, sta tirando con le ultime stille di energia per provare a rientrare definitivamente. Vedremo come andrà… (agg. di Claudio Franceschini)

DIRETTA VUELTA IN STREAMING VIDEO E TV: COME SEGUIRE LA 1^ TAPPA

Per seguire la Vuelta 2020 in diretta tv, il punto di riferimento sarà Eurosport: la corsa spagnola sarà infatti visibile sul canale tematico che è disponibile anche sulla piattaforma di DAZN. I collegamenti per la prima tappa, da Irun a Arreta Eibar, avranno inizio già alle ore 14,55 sul canale tematico per seguire la prova nelle sue fasi più calde. Per chi invece non potesse mettersi davanti al televisore, ecco pure la possibilità garantita dalla diretta streaming video, per gli abbonati tramite Eurosport Player oppure anche DAZN. Informazioni importanti sulla corsa spagnola saranno disponibili anche sui social network: su Facebook la pagina ufficiale è Vuelta a España, mentre l’account ufficiale Twitter è @lavuelta, particolarmente preziosi per chi non potrà seguire la corsa su Eurosport.

VUELTA 2020: VERSO IL TRAGUARDO!

Mancano circa 50 chilometri all’arrivo della 1^ tappa della Vuelta 2020: i cinque fuggitivi resistono in testa, in questo modo hanno scollinato il GPM dell’Alto de Kanpazar (terza categoria) con Quentin Jauregui che ancora una volta ha beffato gli avversari prendendo punti utili per la classifica degli scalatori, ma ormai l’azione di questi grandi protagonisti va verso l’esaurimento. Ci prepariamo al gran finale con il gruppo che ormai ha iniziato a fare sul serio: tirato dalla Movistar ha ridotto il distacco a meno di un minuto, dunque il ricongiungimento dovrebbe avvenire a breve. Si va verso una possibile volata? Da vedere, perché l’arrivo è in salita: il favorito per vincere la prima tappa della Vuelta 2020 e prendersi la maglia rossa di leader rimane Primoz Roglic, ma le sorprese potrebbero esserci e sicuramente ci sono altri pretendenti a fare il colpo grosso… tra poco comunque avremo le nostre risposte, perché al traguardo di Eibar manca sempre meno. (agg. di Claudio Franceschini)

VUELTA 2020: IL GRUPPO RECUPERA TERRENO

La prima tappa della Vuelta 2020 prosegue: ci avviciniamo al traguardo ma soprattutto siamo all’imbocco di Puerta de Udana, una caduta per Daniel Martinez ha provocato ovviamente un ritardo ma ora il corridore colombiano è riuscito a rientrare sul gruppo, avendo però speso tempo ed energie per farlo. I fuggitivi sono ancora tali, ma il gruppo degli inseguitori si è fatto sotto: all’ultimo rilevamento cronometrico erano dati addirittura sotto i 2 minuti, anche se i battistrada continuano a sperare di arrivare fino al traguardo. Difficile che questo succeda, ma vedremo: a tirare gli inseguitori è la Jumbo-Visma e grazie a questa azione sembra che ci stiamo avvicinando ad un finale emozionante che potrebbe prevedere una volata. Manca ancora parecchio per scoprire chi vincerà la prima tappa della Vuelta 2020 e di conseguenza si prenderà la maglia rossa di leader della classifica generale, non resta che continuare a seguire e aspettare… (agg. di Claudio Franceschini)

VUELTA 2020: CINQUE IN FUGA

E’ cominciata la prima tappa della Vuelta 2020: contesto particolare come abbiamo visto, una corsa ridotta a 18 tappe e che soprattutto si incrocia, nella sua prima settimana, con il finale del Giro d’Italia. Tutte cose che comunque abbiamo già detto; intanto possiamo dire che in questa prima tappa abbiamo cinque ciclisti che sono già andati in fuga. Tra questi spicca anche l’illustre nome di Tim Wellens; gli altri invece sono Jetse Bol, Rémi Cavagna, Quentin Jauregui e Jasha Sutterlin. Non essendoci ancora una classifica, è particolarmente complesso capire se questi battistrada possano arrivare o meno fino al traguardo, possiamo però ipotizzare che prima o poi gli inseguitori alzeranno il ritmo. Intanto, il vantaggio dei cinque fuggitivi è salito a 3 minuti e mezzo e sembra essere in aumento; vedremo allora quello che succederà tra poco, intanto mancano ancora oltre 120 chilometri al traguardo. (agg. di Claudio Franceschini)

VUELTA 2020: COMINCIA LA 1^ TAPPA!

Si accende finalmente la diretta della Vuelta 2020! Solo pochi istanti però venga dato il via ufficiale alla prima tappa, che come abbiamo detto prima, è stata riorganizzata nei paesi baschi: in origine il grande giro spagnolo avrebbe dovuto aprire i battenti nei Paesi Bassi, ma poi lo scoppio dell’emergenza sanitaria e la riformulazione dei calendari UCI hanno stravolto completamente anche la formula della 75^ edizione della Vuelta. Pure non possiamo lamentarci: con la partenza da Irun il giro spagnolo pure affronta tracciati battuti ma sempre spettacolari. Anzi possiamo ricordare che già la città di partenza Irun è stata protagonista di arrivo o partenza di tappa già in ben cinque occasioni, dal 1950 in avanti. Pure va detto che è parecchio tempo che la corsa non passa di qui l’ultimo precedente fu nel 1969, quando la Vuelta fece cominciare qui la 16^ frazione, che poi al traguardo di San Sebastian vide il successo di Luis Ocana Pernia. Ma ora tocca tornare akl presente: diamo dunque la parola alla strada! (agg Michela Colombo)

VUELTA 2020: COSì ERA ANDATA L’ANNO SCORSO

Siamo impazienti di far parlare solo la strada per la diretta della Vuelta 2020: nella trepidante attesa però ci pare utile fare un passo dietro per ricordare che cosa era successo solo l’anno scorso. E’ infatti ancora nelle memoria degli appassionati la bella vittoria di Primoz Roglic, davanti a Valverde e Pogacar. Lo sloveno sarà anche oggi al via della prova iberica, pur dopo aver ben fatto solo poco fa nel Tour de France (dove all’ultimo ha ceduto la corona proprio a Pogacar). Se però guardiamo alla prima tappa dell’edizione 2019 della Vuelta, vale la pena ricordare che l’anno scorso la prima frazione fu un’avvincente cronometro a squadra, di 13,4 km, da Salinas de Torrevieja a Torrevieja. Allora ben ricordiamo il successo dell’Astana, con il miglior tempo di 14’51”, seguita dalla Deceuninck Quick Step e dalla Sunweb: la maglia rossa da leader andò a Miguel Angel Lopez. (agg Michela Colombo)

VUELTA 2020: PER LA PRIMA VOLTA “SOLO” 18 TAPPE

Comincia oggi, martedi 20 ottobre, la Vuelta 2020: dopo lungo tentennamento e sia pure con un sostanziale mutamento di format, torna dunque sotto ai riflettori uno dei grandi giri più attesi di questa stagione 2020 del ciclismo mondiale, con la 1^ tappa, prevista da Irun a Arrate Eibar. Siamo dunque impazienti di dare di nuovo spazio a quella che sarà la 75^ edizione della classica spagnola, che pure come abbiamo detto, vivrà novità piuttosto importanti. Per la prima volta dal 1985 infatti la diretta della Vuelta non ci farà compagnia per le consuete 21 tappe: il percorso è stato infatti ridotto a 18 tappe con l’esclusione delle prime tre frazioni previste nei Paesi Bassi e alcune tappe sono state riviste affinchè il percorso venga completamento disputato entro i confini spagnoli. Tutte mosse inevitabili vista la necessità di semplificare la corsa e garantire assieme le miglior condizioni di sicurezza per i ciclisti, visto anche l’aggravarsi della pandemia da coronavirus. Non solo: pure questa edizione della Vuelta sarà in contemporanea con le ultime battute del Giro d’Italia: una sovrapposizione inedita e che ha suscitato notevoli polemiche, ma che è stata resa necessaria nella riformulazione del nuovo calendario iridato da parte dell’Uci, dopo lo stop per il lockdown. Non sarebbe stato possibile posticipare ancor più in là la corsa spagnola, che già terminerà a Madrid solo il prossimo 8 novembre. Ma ora non preoccupiamoci dell’arrivo ma pensiamo alla partenza, che verrà celebrata oggi con la 1^ tappa da Irun nei paesi Baschi a Arreta Eibar, dopo ben 13 km di grande spettacolo.

DIRETTA VUELTA 2020 1^ TAPPA IRUN-ARRETA EIBAR: IL PERCORSO

Andando ora nel dettaglio della diretta della Vuelta 2020 per quella che sarà la prima tappa della corsa spagnola, da Irun a Areta Eibar, vediamo subito che gli organizzatori hanno preparato subito una frazione bella mossa, con diverse salite anche impegnative, ma ancora non decisive. Ricordiamo subito agli appassionati che oggi il via ufficiale alla prima frazione sarà dato alle ore 13,11, mentre l’arrivo al traguardo del vincitore della prima tappa è stato previsto attorno alle ore 17,30. Venendo al percorso da affrontare, ricordiamo subito che oggi saranno 173 i km previsti così suddivisi: una prima parte lineare con nessun particolare rilievo altimetrico, e una seconda frazione, movimentata e con ben 4 Gran premi della montagna, da circa a metà fino al traguardo finale di Arrate Eibar. Dunque una partenza tranquilla per i corridori del grande giro spagnolo: si comincerà a fare sul serio solo dall’80 km in poi, visto che già al chilometro 98 è previsto il primo GPM di Puerto de Udana, di terza categoria, che prevedrà una salita da 6 km a 2.3 di pendenza. Di fila una ripida discesa fino al 13 km dove si ritornerà a salire per il Gpm di Alto de Kanparaz, ancora di terza categoria, con un’ascesa da 6,7 km alla pendenza di 4.1%. Ma questi saranno appena degli assaggi: nel finale ecco il Gpm di Alto de Elgeta, ma sopratutto il Gran premio della montagna di Alto de Arrate, di prima categoria, e che chiederà ai corridori di salire per 5,3 km a una pendenza media di 7.7%, ma dove pure si toccheranno punte del 13%. Dopo appena 2500 metri fino alla linea del traguardo, che chiuderà una tappa che si annuncia quanto mai aperta,.

© RIPRODUZIONE RISERVATA