Disinfettanti e igienizzanti insieme?/ Mischiare prodotti dà rischio intossicazione

- Claudio Franceschini

Coronavirus, il nuovo poster dell’ISS sul corretto utilizzo dei prodotti igienizzanti, disinfettanti e detergenti: norme anche banali ma importanti per evitare ulteriori rischi.

Coronavirus disinfezione lapresse 2020
Coronavirus, le norme igieniche da parte dell'ISS (Foto LaPresse)
Pubblicità

In tempi di Coronavirus è importante seguire le norme igieniche di base: magari non garantiscono l’immunità dal Covid-19 ma certamente possono aiutare a diminuire i rischi di contagio. Ne abbiamo parlato spesso in queste settimane di pandemia: l’Istituto Superiore di Sanità ha appena emesso un nuovo poster nel quale dà alcuni consigli circa le principali basi. Con un approfondimento: come utilizzare in sicurezza detergenti, disinfettanti e igienizzanti? Può sembrare un tema banale e anche superfluo, in realtà è importante: in questo periodo si può generare il panico dovuto all’altissimo numero dei contagi, e di conseguenza è giusto porre qualche paletto. Ricorderete ad esempio il falso audio nel quale si diceva di come la Vitamina C salvaguardasse dall’infezione: in poche ore le farmacie ne sono rimaste sprovviste, per non parlare dei tanti meme e vignette social riguardanti l’esponenziale aumento di utilizzo dell’Amuchina.

Pubblicità

Dare delle basi è importante e essenziale, e ci ha pensato appunto l’ISS: la prima indicazione è quella di seguire sempre in maniera scrupolosa le istruzioni che sono riportate sulle etichette dei prodotti. Evidentemente qualcuno ha pensato che mischiare più prodotti igienizzanti e che si usano per la pulizia possa avere un valore direttamente addizionale, e dunque creare un super prodotto più potente contro il Coronavirus; nella realtà la cosa può essere altamente nociva, perché mescolare le sostanze invece che aumentare l’effetto “pulizia” può portare a rischi di intossicazione anche gravi. Come detto: letta così la norma è addirittura scontata, ma in questo periodo è bene non sottovalutare alcun aspetto e, piuttosto, sottostare al timore di apparire pedanti a costo di evitare effetti collaterali che possano risultare peggiori.

Pubblicità

Altra indicazione data dall’Istituto Superiore della Sanità è quella di arieggiare frequentemente i locali: anche in questo caso il problema principale non riguarda la permanenza dei batteri di Coronavirus negli ambienti (che è comunque un argomento), quanto il fatto che utilizzare prodotti igienizzanti o disinfettanti può lasciare sostanze quelle sostanze volatili che sono in esso contenuti, e che possono provocare irritazione e tossicità. Per lo stesso motivo, un’altra norma è quella che “vieta” di lasciare tali prodotti incustoditi: i bambini potrebbero sempre venirne in contatto. Diciamo allora che queste norme sono generali e vanno ben in qualunque contesto, ma nelle settimane di pandemia da Coronavirus è bene prenderne nota perché il panico generato dal rischio di contagio può indurre a prendere decisioni avventate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità