DOMENICO BISCARDI È MORTO/ Medico no vax: l’ultimo messaggio e l’audio del 2020…

- Mirko Bompiani

Il genetista e farmacologo Domenico Biscardi è morto in circostanze ancora da chiarire: sul web spuntano ricostruzioni complottiste

domenico biscardi 640x300
Domenico Biscardi (screen Facebook)

Il dottor Domenico Biscardi è morto nelle scorse ore. Il medico no vax, che era divenuto quasi un paladino dei non vaccinati contro il Coronavirus in Italia, è stato trovato senza vita quest’oggi all’interno della sua abitazione, ma al momento non si sa ancora con certezza quali siano state le cause che hanno condotto al decesso dell’uomo. Proprio in questi minuti, peraltro, è divenuto virale un suo messaggio audio nel quale annunciava che a gennaio ci sarebbe stata una nuova Norimberga, come riferivamo in precedenza.

Tuttavia, un altro messaggio vocale di Domenico Biscardi era salito alla ribalta delle cronache nel 2020: in esso, infatti, dalla durata di circa quindici minuti, il dottore sosteneva che non ci fosse alcuna pandemia di Covid-19 in atto. (aggiornamento di Alessandro Nidi)

Domenico Biscardi è morto: l’ultimo audio…

È morto oggi, 12 gennaio, Domenico Biscardi. Il medico, genetista e farmacologo, era diventato un punto di riferimento per i no vax. Sui social era solito pubblicare contenuti che andassero contro il vaccino, i test per rilevare il Covid-19 e non solo: voleva “smascherare” le menzogne sul vaccino. L’uomo è morto, secondo le prime indiscrezioni, a causa di un infarto; sarebbe stato trovato in casa.

Solo pochi giorni fa, su Whatsapp aveva iniziato a circolare un audio in cui il medico si diceva vicino alla “vittoria”. Nel suo ultimo audio, Domenico Biscardi affermava che “a gennaio ci sarà una nuova Norimberga” e che le “cause farmaceutiche dovranno pagare miliardi di dollari di risarcimenti”. Un audio che era diventato virale tra le persone contrarie a vaccinazione.

Domenico Biscardi è morto: chi era il medico no vax

È morto oggi Domenico Biscardi. Il medico, secondo le prime informazioni, sarebbe stato trovato senza vita in casa. Di professione genetista e farmacologo, il ricercatore aveva 45 anni ed era diventato un punto di riferimento per i no vax. L’uomo, infatti, era solito pubblicare sui social network le sue ricerche contrarie ai vaccini anti-Covid. In particolare, Biscardi era diventato noto per un audio di 16 minuti diffuso via WhatsApp con contenuti molto scettici sul Covid.

Il 21 settembre del 2020, il medico aveva pubblicato un post Facebook nel quale metteva in dubbio persino i test per la rilevazione del Covid-19, ossia il sierologico e il tampone. Secondo lui, infatti, i numeri erano falsati e pubblicati proprio per sostenere la necessità delle vaccinazioni e per alimentare la paura.

Domenico Biscardi è morto: tanti i messaggi di cordoglio

Addio a Domenico Biscardi. Il genetista e farmacologo, molto noto sui social network per le sue ricerche sul vaccino anti-Covid, è stato rinvenuto senza vita nella sua abitazione. Come riportato dai colleghi di Meteo Web, le indiscrezioni a disposizione sono poche e non sono giunte ancora conferme dai suoi cari.

Sul web, però, tante persone stanno omaggiando Domenico Biscardi. Il ricercatore era diventato un’icona degli scettici e dei no vax dopo aver divulgato una serie di video particolarmente controversi. Il genetista, infatti, aveva messo in dubbio l’efficacia dei farmaci anti-Covid e le sue teorie sono diventate particolarmente virali su Facebook.

MORTO IL RICERCATORE DOMENICO BISCARDI

Tanti, tantissimi messaggi di cordoglio per la morte di Domenico Biscardi. C’è anche chi ha citato la morte del professor De Donno, proponendo scenari complottisti: “È morto il Dott. Domenico Biscardi, aveva annunciato qualche giorno fa di aver fatto un’importante scoperta sui sieri Covid, lo hanno suicidato. Come De Donno. Riposa in pace, da eroe, come hai detto tu”. Questo, invece, il messaggio di un altro seguace del ricercatore: “Ho appena saputo dell’improvvisa morte del dottor Domenico Biscardi, il ricercatore che stava indagando, insieme a suoi colleghi spagnoli e russi, sul grafene e sulle altre sostanze contenute nei sieri magici. Grazie, caro Domenico, per il suo instancabile impegno e per la grande lezione di vita impartita a tutti noi affrontando, a testa alta e senza mai indietreggiare, l’enorme rischio che corre un ricercatore e diffusore della verità”. Attesi aggiornamenti nel corso delle prossime ore…



© RIPRODUZIONE RISERVATA