Domenico Iervolino/ Esce, D’Alessio: “Ci sarò sempre per te” (#TeamGigi, The Voice)

- Francesco Agostini

Domenico Iervolino vince la sfida a The Voice 2019 e prosegue la corsa. Adesso il partenopeo è più carico che mai e pronto a dare il meglio.

Domenico Iervolino
Domenico Iervolino, nel team D'Alessio a The Voice of Italy

Domenico Iervolino è uno dei talenti del #TeamGigi di The Voice of Italy. Nonostante questa consapevolezza, l’emozione è sempre la stessa: “Sto per cantare davanti a Gigi D’Alessio”, dice Mimmo all’inizio, come per autoconvincersene. “Per il mio cantautore ho scelto un altro grande cantautore: Pino Daniele”. “E’ un regalo che mi ha fatto Gigi”, spiega Domenico, poco prima di cantare Yes I know my way. “La sfida è questa: farlo come lui è impossibile, ma farlo a modo mio potrebbe essere interessante. Devo far venir fuori il musicista che è in me; devo divertirmi”. Secondo Enrico Ruggeri, lo special coach del suo Team, Mimmo “ha quel tipo di napoletanità comunicativa” tipica dei grandi della musica partenopea. Nonostante la sua forza, il suo carisma, Domenico esce di scena. Gigi giustifica così la sua scelta: “Tu la tua strada già ce l’hai, devi essere contento. Scrivi canzoni e continuerai a farlo. Io ci sarò sempre”. (agg. di Rossella Pastore)

IL PERCORSO DI DOMENICO IERVOLINO

La corsa di Domenico Iervolino a The Voice 2019 prosegue, anche se con qualche polemica. Il giovane ventunenne napoletano (anzi, di Ottaviano, provincia di Napoli) si è esibito contro il suo compagno di squadra Andrea Settembre all’interno del team di Gigi D’Alessio. La differenza, almeno dal punto di vista estetico, tra i due era più che evidente. Andrea Settembre è ancora un bambino: ha una voce quasi femminile e le gote lisce lisce, mentre Domenico Iervolino è più uomo, anche se molto giovane. Da un punto di vista estetico, dunque, non c’era partita, ma su quello musicale, invece, la scelta per i giudici è stata ardua. Il pezzo scelto da Gigi D’Alessio è stato “E’ sempre bello” di Coez, scelta questa che ha causato non poche polemiche all’interno della giuria. Alla fine, comunque, Domenico Iervolino è riuscito a spuntarla per un pelo, e contro la stragrande maggioranza dei giudici. Il ventunenne di Ottaviano, però, non demorde: la sua corsa ricomincia da qui.

DOMENICO IERVOLINO: “DIMOSTRERO’ CHI SONO”

Intervistato da The Voice 2019, Domenico Iervolino è parso subito essere pronto per continuare la sua corsa. Il suo è un carattere semplice, pragmatico, senza orpelli. La schiettezza del ventunenne è lampante ai microfoni: “La mia carta in più come cantante è certamente la carica che ci metto quando sono davanti a un microfono, la mia interpretazione. Punto soprattutto su quello, sono sincero. Sono contento di proseguire la mia corsa a The Voice e spero di far vedere a tutti il mio lato più intimo e privato. Spero davvero di riuscirci perché non è una cosa facile da esprimere. Ce la metterò tutta.” La vittoria contro Andrea Settembre pare averlo galvanizzato e rivitalizzato, soprattutto perché è arrivata grazie a un brano che Domenico Iervolino (e nemmeno Andrea Settembre a dir la verità) non sentiva propriamente suo. Ed è stata poi questa scelta da parte di Gigi D’Alessio che ha scatenato una polemica rovente con Morgan.

LA POLEMICA TRA MORTA E GIGI D’ALESSIO SULL’ASSEGNAZIONE A DOMENICO IERVOLINO

La polemica tra Morgan e Gigi D’Alessio riguardava il pezzo di Coez, considerato da Morgan troppo poco napoletano per due ragazzi così di talento. Aveva detto l’ex Bluvertigo: “Gigi, avresti dovuto scegliere un pezzo più napoletano per questi due ragazzi. Che ne so, un Pino Daniele o un Luciano De Crescenzo. In questo modo avrebbero fatto uscire fuori tutta la loro napoletanità.” Di differente avviso, invece, il cantautore napoletano, che ha completamente rigettato al mittente le accuse: “Non penso, sinceramente. La mia scelta è stata fatta apposta: se avessi scelto un pezzo troppo grande, questo li avrebbe oscurati. Sarebbe stato troppo facile.” Polemica a parte, cerchiamo di capire meglio chi è Domenico Iervolino. Il giovane napoletano è in una band chiamata Thread, dove è anche cantante e compositore. Ultimamente, per le sue performance, ha ricevuto anche i complimenti del sindaco di Ottaviano, che lo ha definito un ‘ragazzo pieno di talento e una gioia per una piccola cittadina come Ottaviano.’



© RIPRODUZIONE RISERVATA