Don Backy/ Tra canzoni e libri: “Scrivo per me stesso e basta” (C’è tempo per…)

- Dario D'Angelo

Don Backy, ospite di Anna Falchi e Beppe Convertini su Rai Uno: a “C’è tempo per” il cantante racconta la sua nuova vita da scrittore.

don backy
Don Backy a C'è tempo per...

Don Backy a tutto tondo nella lunga intervista rilasciata ai microfoni di C’è tempo per… Il celebre cantante si è soffermato sul successo della sua “L’immensità”, brano amato in tutto il mondo, senza dimenticare le sue incursioni nel mondo dei musicarelli, due per la precisione. E adesso, dopo aver scritto grandissimi brani della storia nostrana, Don Backy ha iniziato a coltivare la passione per la scrittura di libri ed è in uscita il suo primo romanzo. Ma cosa cambia tra scrivere una canzone e scrivere un libro? Ecco la risposta dell’artista: «La canzone è un’emozione istantanea, un’emozione del momento: io non scrivo canzoni perché faccio questo mestiere, io non sono un autore di canzoni, ma sono un istintivo. Se un’emozione mi provoca una sensazione che posso raccontare, lo faccio. Poi basta: io scrivo solo per me e per nessun altro». (Aggiornamento di MB)

DON BACKY A C’É TEMPO PER…

C’è anche Don Backy tra gli ospiti di C’è tempo per di oggi. Nella trasmissione in onda ogni mattina su Rai Uno dal lunedì al venerdì, i padroni di casa Anna Falchi e Beppe Convertini accolgono a braccia aperte il cantautore che con i suoi successi è stato uno degli interpreti di un’epoca probabilmente irripetibile per la musica italiana. Brani come L’immensità, Pregherò, Sognando, sono solo alcune delle don backycanzoni che hanno segnato l’immaginario e di cui ancora oggi basta far risuonare pochissime note per ridestare memorie che si credevano sopite e che invece sono più vive che mai. Ma nel salotto di Rai Uno, oltre a ripercorrere la carriera da cantante di Don Backy si guarderà anche al recente passato e al futuro. In che modo? Ad esempio parlando della “nuova vita” da scrittore dell’artista.

DON BACKY: “LA MIA NUOVA VITA DA SCRITTORE”

La produzione letteraria dell’ottantenne Don Backy in questi anni è stata particolarmente prolifica. L’opera prima è stata pubblicata in realtà nel 1967 e risponde al titolo di “Io che miro il tondo”. A partire dagli anni Duemila, però, la vena letteraria di Don Backy ha iniziato a pulsare con maggiore frequenza: nel 2001 il cantante ha dato alle stampe “C’era una volta il Clan (memorie di un juke box, ’55-’69)”, l’anno dopo è stata la volta di
“Clanirycon, L’isola che c’è”, seguita nel 2005 da “Sognando, Il Melograno, 2005” (libro + CD); nel 2007 è stata la volta di “Questa è la storia… (1955/1969) Memorie di un juke box”, mentre l’ultimo lavoro è arrivato nel 2009 con “Storia di altre storie…”. Adesso sono 11 anni che Don Backy non pubblica qualcosa di nuovo: l’ospitata da “C’è tempo per” avente come oggetto la sua passione per la scrittura è il segnale che qualcosa bolle in pentola?

© RIPRODUZIONE RISERVATA