DON CAMILLO MONSIGNORE MA NON TROPPO/ Streaming video film Rete 4 con Gino Cervi

- Matteo Fantozzi

Don Camillo Monsignore ma non troppo in onda su Rete 4 oggi, sabato 12 ottobre 2019. Nel cast Gino Cervi, Fernandel, Gina Rovere, Leda Gloria e Valeria Ciangottini. Streaming video

Don Camillo
Don Camillo Monsignore ma non troppo

Don Camillo monsignore ma non troppo è il quarto episodio della serie che vede protagonisti Gino Cervi e Fernandel nei ruoli appunto di Peppone e Don Camillo. Tratto dai racconti di Giovannino Guareschi è stato diretto da Carmine Gallone autore di tanti capolavori dall’inizio del ventesimo secolo all’inizio degli anni sessanta. La pellicola scorre leggera e con grande entusiasmo si ride e riflette anche se è inevitabile che ci sia un calo dell’ironia rispetto ai capitoli precedenti. La storia infatti sembra essere tirata per le lunghe, con delle situazioni che sembrano essere un po’ troppo azzardate e che fanno fatica a rimanere in piedi. Don Camillo monsignore ma non troppo va in onda dalle 21.30 su Rete 4, clicca qui per seguirlo in diretta streaming. (agg. di Matteo Fantozzi)

Don Camillo Monsignore ma non troppo, cast

Don Camillo Monsignore ma non troppo è il film che riempie la serata di Rete 4 oggi, sabato 12 ottobre 2019. Tratta di una pellicola italiana realizzata nel 1972 con il soggetto tratto dall’omonimo romanzo scritto da Giovannino Guareschi mentre la sceneggiatura è stata rivisitata e per la trasposizione cinematografica da Leonardo Benvenuti, Piero De Bernardi e Carmine Gallone. La regia è stata affidata allo stesso Carmine Gallone per una produzione firmata Cinema Rizzoli mentre le musiche della colonna sonora sono state composte da Alessandro Cicognini. Nel cast sono presenti numerosi artisti di fama internazionale come Gino Cervi, Fernandel, Gina Rovere, Leda Gloria, Valeria Ciangottini, Saro Urzì e Marco Tulli.

Don Camillo Monsignore ma non troppo, la trama del film

A Brescello le liti tra Don Camillo e Peppone sembrano essere un lontano ricordo: Don Camillo è diventato Monsignore mentre Peppone è stato eletto Senatore. Tuttavia dopo 3 anni dal loro ultimo incontro per puro caso si ritrovano a condividere la stessa cuccetta del treno che sta per riportarli al paese. I due dopo aver scambiato diversi convenevoli raccontando delle proprie esistenze non appena mettono piede nel paesino si ritrovano nuovamente ad essere nemici giurati. Saranno molteplici le situazioni che li vedranno contrapposti a partire dalla questione relativa alla costruzione di una casa popolare all’interno di un terreno di proprietà della chiesa nel quale peraltro è presente una graziosa cappella dedicata alla Madonnina del Borghetto realizzata diversi anni prima. Ci sarà uno scontro politico e formale sulla questione che alla fine porterà ad un accordo che sembra essere del tutto conveniente ad entrambe le parti ossia con la casa popolare che verrà costruita e con la chiesetta che ne farà parte dal punto di vista strutturale senza dimenticare una divisione consona del numero di alloggi realizzati. Intanto all’orizzonte sembrano esserci nuovi guai per il senatore Peppone il quale riesce ad effettuare una vincita milionaria al totocalcio Tuttavia vorrebbe nascondere in quanto teme di dover dare una ingente somma di denaro al proprio partito. Per evitare questo utilizza un nome falso ma viene scoperto da Don Camillo il quale si dice pronto ad aiutarlo in cambio di una piccolissima offerta da dare alla chiesa. Insomma i due seppur diventate rispettivamente Monsignore senatore si ritroveranno a rivivere i vecchi fasti con numerosi scontri nei quali però oltre ad essere nemici saranno anche inseparabili amici.



© RIPRODUZIONE RISERVATA