Donald Trump, stop alle app cinesi TikTok e WeChat/ “Sicurezza nazionale a rischio”

- Alessandro Nidi

Il presidente degli Stati Uniti d’America ha emesso un ordine esecutivo contro le due applicazioni, di proprietà di altrettante società asiatiche

twitter trump
Donald Trump (LaPresse)

La notizia campeggia sull’edizione odierna del quotidiano “Il Sole 24 Ore”: Donald Trump, presidente degli Stati Uniti d’America, ha sottoscritto un ordine esecutivo che, di fatto, obbliga ByteDance, società avente sede in Cina, alla vendita delle attività americane dell’applicazione TikTok negli USA, che, nel solo Paese a stelle e strisce, vanta addirittura 100 milioni di utenti attivi. Numeri record, che però hanno fatto storcere il naso al tycoon, secondo cui l’app rappresenterebbe addirittura una minaccia per la sicurezza nazionale, dal momento che vengono immagazzinate quantità incommensurabili di dati relativi a cittadini statunitensi. Nel documento, la Casa Bianca concede un periodo di tempo pari a 45 giorni per la cessione di TikTok, che, per il suo futuro, vede aprirsi all’orizzonte due possibilità: la prima, più probabile, è quella di entrare ufficialmente a far parte dell’universo Microsoft, mentre la seconda è quella di essere acquisita da parte di un pool di società finanziare nipponico-americane.

DONALD TRUMP: VETO ANCHE SU WECHAT

Come precisato nell’articolo de “Il Sole 24 Ore”, scaduti i 45 giorni decretati da Donald Trump, “ogni persona o entità soggetta a giurisdizione statunitense che continuerà ad avere rapporti economici con TikTok sarà soggetta a sanzioni”. Il veto posto dal presidente americano, tuttavia, va esteso anche a un’altra applicazione: WeChat, di fatto del tutto simile alla più celebre WhatsApp, ma di proprietà della cinese Tencent. Sono in tutto 3 i milioni di utenti attivi negli USA che utilizzano WeChat, in voga soprattutto tra i cinesi-statunitensi, che ricorrono al suo utilizzo per raggiungere, seppur solo virtualmente, i propri cari che risiedono in Cina. Anche quest’app, tuttavia, sarà vietata, per ragioni connesse strettamente a un discorso di sicurezza nazionale e i primi risvolti di questa decisione adottata dal numero uno degli States ha già prodotto i suoi primi effetti negativi sul mercato borsistico, dove, subito dopo la firma dell’ordine esecutivo da parte di Trump, le azioni Tencent hanno ceduto più del 4%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA