DIETA/ Anche la legge “agevola” le insalate

Una nuova risoluzione legislativa stabilisce l’IVA al 4% per le insalate miste: in vista dell’estate c’è tutta la convenienza a consumarne in abbbondanza per non rinunciare a linea e gusto

18.04.2013 - La Redazione
bancarella_frutta_verdura
Foto: InfoPhoto

Anche se non siete fan del crudismo, e nutrirvi di vegetali non cotti e poco conditi non fa per voi, con l’estate alle porte sarà più facile rivedere la vostra alimentazione in vista di una stagione che offre un’enorme quantità di frutta e verdura e che ci mette a confronto con il problema della linea.
Se in inverno c’era il via libera a besciamella, panna e condimenti più calorici oltre che ad alimenti ricchi di carboidrati, è anche vero che in estate accendere i fornelli può essere una vera tortura. E poi non è detto che l’insalata debba essere un piatto triste, a base di lattuga, lattuga e lattuga. Si possono mischiare vari ortaggi e ingredienti non vegetali per renderla più invitante e nutriente, pur rimanendo un piatto ipocalorico.
Ad agevolare il consumo di questa pietanza una risoluzione giuridica che stabilisce l’IVA agevolata al 4% per le insalate pronte al consumo, o prodotti ortofrutticoli di IV gamma. Ma di cosa si tratta esattamente?
La “IV gamma” è un settore di attività innovativo sotto il profilo tecnologico e della sua applicazione ai processi produttivi e alle materie prime ortofrutticole, che consente la immediata fruibilità di frutta e ortaggi freschi già lavati, tagliati e, comunque, pronti per essere consumati o cucinati.

Tra i prodotti di IV gamma di più recente commercializzazione ci sono appunto anche le insalate “assortite”, cioè prodotti che contengono, oltre all’ortofrutticolo fresco di IV gamma, anche altri ingredienti aggiunti di natura vegetale, non freschi o secchi, come crostini, noci, olive, o di natura non vegetale, ad esempio formaggio, salumi, pollo, tonno, ecc…
Inizialmente tutti questi ingredienti dovevano essere venduti separati anche all’interno dello stesso contenitore ma l’evoluzione tecnologica nel campo della catena del freddo ha reso questo accorgimento inutile e ora nei supermercati troviamo le insalate già miscelate e pronte per il consumo, previa l’aggiunta di un leggero condimento.
E se manca la fantasia quali sono gli abbinamenti più gustosi da tenere a mente per i mesi caldi, da aggiungere alle solite lattuga, valeriana, lattughino, romana, ecc?
Papaia e gamberetti, feta e melone, finocchi e sedano-rapa, cipollotti e fagioli, questi ultimi da aggiungere al cous cous anziché alle solite insalate verdi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori