Moda / In arrivo “l’anticampagna” coi vestiti Abercrombie

- La Redazione

Secondo l’a.d. di Abercrombie i capi del marchio sono per gente “cool”.  Il designer brasiliano Isaias Villela Zatz lancia l’anticapmpagna Abercrombie, coi vestiti indossati dai senzatetto

abercrombie
Una foto della campagna di Zatz

L’amministratore delegato di Abercrombie & Fitch, Mike Jeffrey, ha rilasciato nel 2006 alcune dichiarazioni per lui serie, ma risultate alquanto provocatorie: “in ogni scuola ci sono i ragazzi fighi e popolari, e poi ci sono i bambini non così cool. E, dovendo essere sinceri, noi ci occupiamo dei ragazzi fighi”. 

In tempi più recenti ha ammesso che i vestiti (da donna) del marchio Abercrombie arrivano alla taglia L, non oltre, per il semplice fatto che il cliente Abercrombie deve vedere intorno a sé solo gente sexy e in forma, in grado di entrare nei vestiti attillati del marchio. Discorso diverso per i capi maschili, che arrivano anche alla XXL, «probabilmente per attirare i giocatori di football e gli sportivi pieni di muscoli», come ipotizza scherzando Robin Lewis, autore del libro “The new rules of retail” ( letteralmente: “Le nuove regole della vendita al dettaglio”).

Una realtà candidamente ammessa da Jeffrey: “Molte persone, semplicemente, non entrano nei nostri vestiti e non ci entreranno mai. Escludiamo della gente? Certamente”. In risposta a queste dichiarazioni così palesemente non politically correct, in Brasile scatta “l’anticampagna” Abercrombie, per mano del designer Isaias Villela Zatz.

Jeffrey aveva anche detto: “Preferirei bruciare un abito, piuttosto che donarlo”, e Zatz prende proprio dei capi Abercrombie e li dona ai poveri di San Paolo,dando vita ad una campagna nella quale invita la gente a fare altrettanto.

L’iniziativa è visibile su Twitter sotto l’hashtag #FitchTheHomeless. Le foto in bianco e nero scattate da Zatz mostrano gli insoliti modelli mentre indossano o “fingono di indossare” le t-shirt Abercrombie in scenari tutt’altro che “cool”. Aspettiamo la risposta di Jeffrey.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori