UN PENSIONATO IN CUCINA/ Muffin al mirtillo: un frutto estivo per un dolce di tutte le stagioni

I muffin ai mirtilli: un frutto estivo dalle molte proprietà benefiche, perfetto per un dolce adatto a tutte le stagioni. La ricetta del blogger di UN PENSIONATO IN CUCINA

02.05.2013 - Bruno Mazzoni
muffin-mirtillo-phixr
I muffin al mirtillo

Il periodo perfetto per andare a raccogliere mirtilli (neri o rossi) è quello tra luglio e agosto, ma anche quelli coltivati in serra possono essere di ottima qualità, e dato che il clima non è ancora torrido perchè non sfruttare questa tarda primavera per gustare un dolce che richiede la cottura in forno?Il mirtillo, ricco di vitamina A  e C e in quantità minore di vitamina B, è ottimo per la fragilità capillar, tanto che la mirtillina è presente in molti farmaci indicati per questo disturbo. 

Questi frutti, grazie alla presenza di anticianosidi, sono indicati nella terapia del danno retinico e della fragilità dell’occhio, tanto che secondo un racconto popolare risalente alla seconda guerra mondiale, i piloti della RAF (forza militare aerea della Gran Bretagna) consumavano d’abitudine marmellata di mirtilli per migliorare la visione notturna durante le missioni: li studi clinici più recenti però, non hanno confermato l’efficacia del frutto per migliorare la visione crepuscolare o notturna.

Inoltre gli “anticianosidi” associati alla blanda azione diuretica del frutto rendono il mirtillo particolarmente utile nel trattamento della cellulite, della ritenzione idrica e delle vene varicose.In cucina infine il  mirtillo nero e il mirtillo rosso sono particolarmente usati pe rla preparazione di gustose gelatine e marmellate di frutta.

Vediamo quali sono gli ingredienti necessari per la preparazione di 12-14 muffin, secondo la ricetta di Bruno Mazzoni, autore del blog Un pensionato in cucina: 250 g di farina tipo “00”, 100 g di zucchero semolato, 250 ml di latte intero, 160 g di mirtilli freschi o surgelati (in questo caso anranno fatti scongelare ed essere asciugati molto bene prima dell’uso), 80 g di uvetta, 60 g di burro, 1 bicchierino di rhum, 1 uovo, 1 limone non trattato (BIO), 3 cucchiaini di lievito per torte, ½ cucchiaino di bicarbonato e 1 pizzico di sale.

La regola fondamentale per la preparazione dei muffin è quella di preparare la miscela dei componenti secchi e la miscela dei componenti liquidi “separatamente”: le polveri devono essere ben mescolate tra loro e così anche i liquidi.

I 2 composti dovranno essere amalgamati insieme velocemente e assolutamente senza mescolare troppo: deve risultare un impasto molto grumoso (saranno proprio questi grumi che renderanno il muffin morbido).Mettete l’uvetta in una tazza contenente il rhum e 1 bicchiere di acqua calda e lasciate a reidratare per almeno 1 ora.

Grattugiate la buccia del limone.Fate fondere il burro e lasciatelo da parte così da farlo raffreddare.

In una ciotola mescolate la farina setacciata con il lievito, il bicarbonato e il pizzico di sale.

In una seconda ciotola sbattete l’uovo con lo zucchero, aggiungete quindi il burro, il latte e, quando questo composto saràomogeneo, versatelo nella terrina contenente la farina. Unite poi la scorza di un limone grattugiato e amalgamate il tutto (mescolate il meno possibile il composto).

In una ciotola mettete l’uvetta ben strizzata, i mirtilli e 1 cucchiaio di farina (questa è un’operazione da svolgere con molta attenzione poiché si rischia di schiacciare i mirtilli, siate quindi particolarmente delicati). Mescolate il tutto delicatamente e distribuite questo impasto negli stampini che avrete precedentemente imburrato e infarinato.

Non riempite completamente gli stampini perché l’impasto gonfierà. Mettetene per circa ¾ della loro capacità.

Potete usare degli stampini in silicone, così non dovrete imburrarli e infarinarli; altra possibilità è quella di inserire, negli stampini di alluminio, i pirottini di carta che si trovano pronti in commercio.
Fate cuocere i muffin in forno preriscaldato a 180 °C per 20 min. o comunque sino a quando avranno preso una bella colorazione dorata.Lasciateli raffreddare prima di toglierli dagli stampini e quindi serviteli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori