I Menù di Benedetta / Per chi soffre di allergie, il Menù senza Latticini, con Diego di Radio Deejay. Puntata di mercoledì 22 maggio

- La Redazione

Il men di oggi è pensato per tutti coloro che soffrono di intolleranze, ed è un menù senza latticini. Il primo piatto è preparato da Diego Passoni, che a Radio Deejey presenta Pinocchio

benedetta-parodi-7
Bendetta Parodi (Infophoto)

Protagonista della puntata del 22 maggio del fortunato programma di Benedetta Parodi è questa volta un menu pensato perchi ha dei problemi di allergia: il Menù senza latticini. Ospite in cucina è Diego Passoni, che per l’occasione ha scelto di cucinare un primo piatto, fusilli con zucca e salsiccia, che ha sempre mangiato ma mai preparato.

Per il secondo piatto del menù c’è il carciofo con cuore di acciuga, preparato da Stefano De Lorenzi, il dolce è una torta con crema di limone ed infine l’immancabile “Salvacena”. Si comincia con Diego Passoni, famoso  presentatore radiofonico della trasmissione Pinocchio di Radio Deejay. Diego inizia col tritare finemente uno scalogno e lo mette a rosolare in padella con dei semi di finocchio, aggiunge quindi 100 gr di polpa di zucca dopo averla tagliata a dadini. 

Nell’attesa che cuocia, Diego si diverte a raccontare la sua convivenza con La Pina, collega a Radio Deejay e di come fosse lui l’addetto a lavare i piatti, non sapendo cucinare. Benedetta nel frattempo pulisce 100 gr di salsiccia e la aggiunge al trito in padella, poco dopo allunga il trito con un mestolo di acqua della pasta ed aggiungere un pizzico di brodo granulare. Mentre la pasta cuoce, Diego ha scelto dei fusilli bucati corti, Benedetta gli suggerisce di aggiungere anche dei fiori di zucca al momento di saltare tutto in padella. Il risultato è un bel piatto gustoso e colorato. 

È il momento della torta al limone, dedicata a chi è intollerante ai latticini e quindi ha abbastanza problemi con tutti i dolci, che spesso hanno bisogno di latte, burro o panna. Benedetta si cimenta nella preparazione della pasta frolla e della crema pasticciera, due cose che normalmente hanno bisogno del latte e del burro, escludendo sia l’uno che l’altro e sostituendoli con olio di semi e latte di mandorle. Il risultato sarà una pasta frolla molto morbida e dal gusto originale. 

Cominciare ad impastare mescolando tutti gli ingredienti secchi: 200 grammi di farina, 100 grammi di fecola, 120 grammi di zucchero ed una bustina di lievito. Aggiungere quindi due uova intere e mescolare versando lentamente 100 ml di olio di semi di girasole e 100 ml di latte di mandorle. Lavorare tutto ben bene in una ciotola fino a che non si forma una specie di crema. Aggiungere infine la scorza di limone. Avendo una consistenza diversa dalla frolla classica, non andrà tirata con il matterello, ma basterà lasciarla cadere nella tortiera come se fosse una crema. Se ne stende una metà sul fondo di una tortiera imburrata ed infarinata. Quindi si passa alla preparazione della crema pasticcera: si versano in un pentolino 70 gr di zucchero, 1 uovo, succo di un limone, altra scorza di limone, 25 gr di fecola di patate e 200 gr di latte di mandorle. Si mescola tutto a fuoco lento fino a che non si addensa, stando attenti a mescolare sempre senza far bruciare.

Dopo averla fatta raffreddare un po’ bisogna incorporare della marmellata di agrumi, per dare un sapore più deciso. Bisogna aggiungere questo composto nella tortiera posizionandolo al centro, lasciando i bordi liberi, e ricoprire bene con la pasta frolla restante. Cuocere in forno a 170 gradi per circa 50 minuti. Una volta cotta completare con una spolverata di zucchero a velo.Non può mancare anche stavolta l’aperitivo preparato da Bruno, il Garibaldi, composto da una tazzina di bitter rosso, due tazzine di succo d’arancia spremuto, e tanto ghiaccio. 

Secondo ospite della puntata è lo stravagante chef Stefano De Lorenzi, con la sua solita valigetta contenente i tre ingredienti della ricetta, che stavolta sono carciofi spinosi, patate ed acciughe.La ricetta è quella del carciofo con cuore d’acciuga. Si comincia con il pelare e tagliare a pezzi 4 patate, che vanno cotte in acqua bollente salata. Si passa quindi a pulire il carciofo spinoso, incombenza dalla quale Benedetta cerca in tutti i modi di esimersi. Chiude a questo punto i due carciofi in un saccoccio per alimenti con una foglia di menta, di modo che i profumi della menta rimangano all’interno. Si fanno cuocere in acqua bollente per circa 30-40 minuti, fino a che non diventano molli.

È il momento delle patate, che lo chef, con il suo solito tocco di da maestro, fa affumicare coperte in una padella con sotto un legnetto di vite. Dopo qualche minuto le schiaccia con un po’ di acqua di cottura, formando un purè. 

Si tritano quindi le acciughe e si condiscono con un po’ d’olio. Con queste si va a riempire il cuore del carciofo poggiato nel piatto sul letto di purè di patate. Piatto spettacolare come sempre.Il finale di trasmissione è dedicato al piatto Salvacena. Benedetta toglie i tacchi ed indossa le ballerine per preparare in sette minuti bocconcini di coda di rospo e pane fritto. A scandire il tempo è proprio il marito Fabio Caressa.

Taglia innanzitutto a pezzetti 500 gr di code di rospo e dopo averli infarinati li mette in padella a rosolare. Taglia a fette spesse il pane secco e lo mette a friggere in padella. Una volta cotti avvolge i bocconcini uno per uno con erba cipollina e prosciutto crudo e taglia i pomodorini a pezzetti condendoli solo con qualche foglia di basilico.

In extremis riesce a completare i due piatti e riceve anche una piacevole sorpresa. Insieme agli addetti della cucina che entrano per fermarla e pulire tutto compare anche il marito Fabio Caressa, che Benedetta non esita ad abbracciare affettuosamente. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori