Che trucco! / Un make up a lunga tenuta per il “giorno del si”. Martedì 18 giugno

- La Redazione

In questa puntata di che trucco” il make up artist Luigi Tomio studia per tamara un trucco adatto al giorno del matrimonio, che deve essere a lunga tenuta per durare tutto il giorno

tamara-donà
la conduttrice Tamara Donà

Nella puntata di martedì 18 giugno della trasmissione Che Trucco! condotta da Tamara Donà, c’è la partecipazione come concorrente di Tamara, una ragioniera che lavora in un’azienda automobilistica, e che essendo prossima a fare il grande passo del matrimonio ha richiesto agli esperti presenti in studio di realizzare un trucco adatto al giorno del matrimonio, e, che ovviamente ben si adatti alle sue caratteristiche fisiche.

In questa puntata è presente Luigi Tomio, make-up artist del marchio Esteè Lauder, che per soddisfare le richieste di Tamara ha deciso di studiare un trucco a lunga tenuta. Il make-up appena descritto, viene chiamato dallo stesso Luigi Tomio “Make-Up La sposa perfetta”.

Il primo prodotto che viene utilizzato da Luigi Tomio è un siero minimizzante per pori. L’applicazione avviene direttamente con i polpastrelli facendo particolare attenzione nello stenderlo per bene in tutto il viso. La base viene quindi completata per mezzo di un fondotinta fluido a lunga tenuta di un colore leggermente ambrato in ragione delle pelle di Tamara, è quello che consente di ottenere una maggiore copertura del viso anche se deve offrire comunque un risultato finale molto naturale. Il fondotinta viene applicato per mezzo di un dischetto di cotone facendo un movimento che è una sorta di tamponamento.

Tomio fa presente come a seconda dell’orario in cui si sposa si deve scegliere il colore del fondotinta che nello specifico deve essere maggiormente ambrato durante il mattino per un discorso legato alla luminosità.

Una volta terminata l’applicazione del fondotinta si passa al prodotto successivo che è un correttore. Il correttore viene immesso per mezzo dell’apposito applicatore sui contorni dell’occhio in modo da ottenere una sorta di linea tratteggiate che poi successivamente va distesa in modo omogeneo utilizzando i polpastrelli o un pennellino utile allo scopo. Parlando sempre delle cerimonie, il consiglio che vuole dare Luigi Tomio a tutte le spose è quello di fare un make-up per la cerimonia ed uno per il ricevimento, in quanto non solo c’è una discrepanza in termini di luminosità tra i due momenti, ma c’è anche una interpretazione differente dello stesso trucco. 

Il correttore inoltre, viene leggermente disteso anche in altre parti del corpo dove sono presenti delle piccole imperfezioni. Finito con il correttore si passa ad utilizzare la cipria che viene applicata in maniera piuttosto leggera con l’obiettivo principale di fissare il trucco realizzato. In ragione del colore degli occhi azzurri e dei capelli rossi di Tamara, Luigi Tomio vuole utilizzare un colore per l’ombretto che esca dai classici canoni che vengono tenuti in considerazione in questo tipo di make-up. In particolare usa un ombretto colore verde acqua marina che viene dosato nella parte centrale della palpebra mobile.

Fatto ciò si va a prendere un verde leggermente più caldo che andrà usato nella parte più esterna della palpebra mobile per ottenere un certo contrasto che comunque risulta essere abbastanza leggero. Si prende una terza tipologia di ombretto, questa volta di un verde più cupo che praticamente viene utilizzato la posto della matita che tendenzialmente fa ottenere un trucco troppo appesantito per questa tipologia di occasione. In ragione di ciò per mezzo di un pennello consono allo scopo, si va ad applicare questo ombretto nella parte posta immediatamente sopra la ciglia superiore.

Il make-up degli occhi viene completato con un ombretto color avorio e come sottolinea lo stesso Tomio, questo è un passaggio fondamentale per velare il trucco ed allo stesso tempo per fissarlo. L’ombretto viene applicato sempre per mezzo di un pennello un po’ in tutto il contorno occhi in maniera molto leggera. Inoltre, l’ombretto di colore avorio consente di ottenere un punto luce che nel caso specifico viene creato nel contorno inferiore dell’occhio.

Poi si passa al mascara nero waterproof a lunga tenuta, resistente all’acqua ed anche a quale possibile lacrima di gioia. Per le sopracciglia si utilizza una matita per sopracciglia marrone per delinearle meglio senza appesantire il tutto. Per il viso si opta per un blush color corallo che si presta molto alla situazione. Per chi vuole ammorbidirlo basta disegnare quattro o cinque punti di correttore sulle guance e poi distendere con il pennello. Per le labbra si usa un gloss naturale e matita per labbra color corallo molto tenue.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori