DONNA SFIGURATA/ Video: l’amica gelosa le aveva bruciato il viso, adesso si è tolta la maschera

- La Redazione

Dopo due anni e trenta operazioni chirurgiche una donna a cui era stato bruciato il volto ha potuto di nuovo mostrare il suo viso quasi del tutto ricostruito

Dana-Vulin_R439
Dana Vulin

Un gesto coraggioso, quello di Dana Vulin, una donna australiana che per anni ha dovuto coprirsi con una maschera il volto sfigurato. Due anni fa la donna, australiana, era stata vittima di una crudele aggressione: un’amica, temendo che Dana per la sua bellezza potesse far innamorare di lei l’ex marito, è entrata con un complice a casa sua e dopo averle gettato della benzina sul viso le ha dato fuoco. Nelle intenzioni dell’amica, così non avrebbe più potuto insidiare il suo uomo. Dana si è sottoposta a numerose operazioni chirurgiche in questi anni, circa trenta, nel tentativo di ricostruire il suo volto. Per tutto questo tempo si è sempre mostrata in pubblico con una maschera che le copriva il volto. Natalie, l’amica che l’aveva aggredita, era convinta che quella notte Dana fosse morta ma nonostante ustioni sul 64% del corpo, è sopravvissuta: adesso Natalie è stata condannata a 17 anni di carcere. Qualche sera fa invece Dana è apparsa al programma televisivo inglese Sunday Night e davanti alle telecamere si è tolta finalmente la maschera mostrando un volto quasi perfettamente ricostruito. Adesso posso tornare a vivere, ha commentato. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori