“Donnarumma uomo di m…”/ Striscione contro Gigio a San Siro: “Mai più il benvenuto”

- Claudio Franceschini

“Donnarumma uomo di m…”: lo striscione è comparso in zona San Siro in occasione del ritorno del portiere a Milano, per Italia Spagna di Nations League. La rabbia del popolo del Milan.

Gigio Donnarumma riscaldamento Psg lapresse 2021 640x300
Gianluigi Donnarumma, dal Milan al Psg nell'estate 2021 (Foto LaPresse)

STRISCIONE CONTRO DONNARUMMA A SAN SIRO

“A Milano non sarai mai più il benvenuto. Uomo di m…”. Il messaggio è stato apposto su uno striscione, appeso in zona San Siro, e riguarda Gianluigi Donnarumma. Questa l’accoglienza riservata al portiere della nazionale, che torna sul luogo del delitto a cinque mesi di distanza dall’ultima partita giocata con il Milan: stasera si gioca Italia Spagna, semifinale di Nations League, e Gigio tornerà a calcare il prato del Giuseppe Meazza dove Sinisa Mihajlovic lo fece esordire ancora sedicenne, e dove ha comunque scritto la sua storia e quella della squadra rossonera. Una bella favola, che avrebbe potuto durare: il calciatore delle giovanili che arriva in prima squadra da ragazzino, cresce e diventa uno dei più forti al mondo.

Gli ingredienti c’erano tutti, anche la vittoria degli Europei come numero 1 della manifestazione; eppure, a luglio la storia era già terminata, o meglio aveva preso una deriva diversa. Ricordiamo: le proposte di rinnovo rifiutate da Donnarumma e il suo agente (ovvero Mino Raiola), la presa di posizione del Milan che, piuttosto che scendere a patti, accetta di perderlo a parametro zero (come Hakan Calhanoglu, e magari Franck Kessie), l’arrivo del Psg e l’offerta faraonica, il trasferimento sotto la Torre Eiffel. Da quel momento, Gigio Donnarumma per il popolo rossonero è diventato un traditore, un giocatore cui riconoscere quanto fatto sino a qui ma anche un “nemico” da quando ha scelto di non proseguire con questa maglia.

DONNARUMMA E IL PRECEDENTE NEL 2017

C’era stato un precedente, un altro striscione contro Gigio Donnarumma: nel 2017 il portiere difendeva ancora i pali dell’Under 21, impegnata agli Europei. Era il Milan della coppia Fassone-Mirabelli, che aveva proposto un primo rinnovo al portiere: rifiutato, pare con la mediazione della famiglia. Anche allora, Gigio era stato oggetto di critiche: si diceva volesse andare altrove a guadagnare di più, e allora era comparso uno striscione che recitava “Dollarumma”, significato chiarissimo a giocare con il cognome del giovane portiere rossonero.

Quattro anni fa poi la quadra era stata trovata, in qualche modo: Donnarumma aveva rinnovato, ma nell’accordo con il Milan Raiola era riuscito a inserire un contratto – a un milione l’anno – al fratello maggiore Antonio, che in rossonero ha giocato poco o nulla (lo ricordiamo protagonista in Coppa Italia, e niente più). Quattro anni più tardi la storia si è ripetuta, ma questa volta il lieto fine non c’è stato; un paio di giorni fa Donnarumma, nell’anticipare il suo ritorno a San Siro, aveva dichiarato che gli sarebbe spiaciuto se i tifosi di San Siro lo avessero fischiato, avendo dato tutto per la maglia del Milan. Speranza vana: lo striscione che ne ha salutato il rientro nel capoluogo lombardo è inequivocabile, per il resto aspetteremo stasera per un’altra, eventuale parte della storia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA