Dotto/ “Adani sparito da Sky! Il team non lo sopporta? Meglio che si trovi altro…”

- Davide Giancristofaro Alberti

Giancarlo Dotto lamenta una sparizione improvvisa di Lele Adani, cercando di capire il perchè di quest trasformazione dell’opinionista

lite allegri adani sky
Allegri-Adani, lite in diretta a Sky

Che fine ha fatto Lele Adani? Domanda che si è posto Giancarlo Dotto, scrivendo per Dagospia. Il giornaista, scrittore e autore, una vita in Mediaset, lamenta un Adani senza dubbio meno esuberante rispetto a quello pre-coronavirus: “No, io non mi faccio fregare – scrive sul sito di Roberto D’Agostino – non ditemi che quello è Lele Adani. Il pallone televisivo è ripartito, ma i conti e i Lele non tornano. Che fine ha fatto la traboccante esuberanza dell’uomo che divora calcio e tracanna lattine di coca zero? Mai stato così misurato, mai stato così spassionato”. E ancora: “È anche lui preda dell’horror vacui da stadi deserti e suoni spettrali? Gli mettono il bromuro nella coca zero? Qualcosa lo infelicita e non sappiamo cosa?”. Un’altra domanda che sorge spontanea è come mai Adani non faccia più coppia con Riccardo Trevisani, come ormai ci aveva abituati da tempo: “Scelta stravagante – scrive ancora Dotto – i due si sono venuti a noia, hanno litigato per una donna o c’è dell’altro che accade e non sappiamo a Skytown?”.

GIANCARLO DOTTO, ADANI: “FORSE IL TORMENTONE CON VIERI…”

Ma la sparizione che sta facendo senza dubbio più rumore è quella dai commenti in studio il sabato e la domenica: “Probabile, per non dire certo, che uno come Lele Adani sia poco sopportabile per un team – prosegue Dotto nella sua disamina per Dagospia – che ha scelto la ninna nanna come colonna sonora e il condom come divisa”. E chissà che magari non centri il tormentone musicale delle ultime settimane, il successo con Bobo Vieri: “sarà mica anche questo “inelegante” successone pop – si domanda ancora Dotto – che ha infastidito qualcuno nella stanza dei bottoni?”. Secondo il giornalista, l’ex calciatore risulterebbe essere un personaggio “Troppo ingombrante”, e di conseguenza la soluzione per ovviare a questo problema sarebbe una sola, che lo stesso Adani si trovi un’altra televisione: “Esclusa una rivolta solidale dei suoi colleghi – conclude Dotto – il Lele Furioso e Reietto dovrà trovarsi un cantuccio, inventarsi una divisa su misura o cercarsi altri mondi meno inospitali”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA