NOVITÀ PENSIONI/ Cambiano le finestre per chi matura i requisiti di anzianità e di vecchiaia nel 2011

- La Redazione

Novità per le pensioni in arrivo. In primo luogo i lavoratori autonomi, prima di incassare la pensione, dovranno aspettare 18 mesi, sei in più rispetto ai 12 dei lavoratori dipendenti

pensionati-r400
Un gruppo di pensionati

NOVITÀ PENSIONI – Novità per le pensioni in arrivo. In primo luogo i lavoratori autonomi, prima di ricevere la pensione, dovranno aspettare 18 mesi, sei in più rispetto ai 12 dei lavoratori dipendenti. Tra le novità per le pensioni, come scrive il sito finanza.guidaconsumatore.com, dal prossimo anno saranno inserite delle finestre mobili che andranno a sostituire quelle oggi utilizzate. Ci saranno infatti due finestre (una a gennaio e una a luglio) che interesseranno le pensioni di anzianità. Per le pensioni di vecchiaia, la novità è invece l’introduzione di quattro finestre: gennaio, aprile, luglio e ottobre. Entrando nel dettaglio delle novità, a partire dall’anno che verrà cambieranno i requisiti in base ai quali verrà stabilita la possibilità di andare in pensione.

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULLE NOVITÀ PER LE PENSIONI
 

 

 

NOVITÀ PENSIONI – La pensione di anzianità continuerà ad essere calcolata in base all’anzianità, attraverso il sistema delle quote che andrà ad incrociare l’età e la contribuzione maturata in anni. Tra le novità per le pensioni il ritardo con cui sarà erogato l’assegno per chi maturerà i requisiti di anzianità o di vecchiaia nel 2011. Le nuove finestre rispetto a quelle vecchie saranno posticipate da uno a sei mesi per le pensioni di anzianità e da sette a nove mesi per quelle di vecchiaia. Con le nuove finestre infatti, chi maturerà i requisiti per la pensione nel gennaio prossimo riceverà l’assegno dal febbraio 2012, per chi ci arriverà in febbraio avrà quanto gli spetta dal marzo 2012, nel marzo dall’aprile 2012, in aprile dal maggio 2012, in maggio dal giugno 2012, in giugno dal luglio 2012, in luglio dall’agosto 2012, e così via, sempre con una distanza di 12 mesi dal momento in cui si maturano i requisiti a quello in cui si riceve la pensione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori