BORSA/ Indicazioni e analisi tecnica dei mercati al 13 dicembre 2010

- Alessandro Spataro

La settimana si è chiusa positiva per la maggior parte dei mercati azionari grazie alle buone notizie dal mercato del lavoro americano. L’analisi di ALESSANDRO SPATARO

Orso_Toro_ManagerR400
Foto Fotolia

La settimana si è chiusa positiva per la maggior parte dei mercati azionari. Buone notizie dal mercato del lavoro americano. Nell’ultima settimana sono calate più del previsto le richieste di sussidi di disoccupazione a 421 mila unità da 436 mila della settimana precedente e contro attese per 425 mila. In crescita dell’1,9% le scorte di magazzino all’ingrosso degli Stati Uniti nel mese di ottobre. Il dato precedente di settembre indicava una crescita dell’1,5% mentre le stime degli analisti calcolavano una crescita di ottobre sul mese precedente dello 0,9%.

S&P500

L’indice americano continua la sua corsa rialzista. I prezzi sono impostati al rialzo come si può chiaramente vedere dalla trendline tracciata da settembre a dicembre 2010. Le MM 50,100 e 200gg. Sono orientate al rialzo e sia il MACD che lo stocastico confermano l’esistenza del trend positivo di breve periodo.

NASDAQ

Identica situazione per l’indice tecnologico che continua a mantenere il suo trend positivo e non da segni di indebolimento. I prezzi sono stabilmente sopra le MM 50, 100 e 200 e gli oscillatori MACD e Stocastico si confermano a vicenda.

FTSEMIB

Come ci aspettavamo settimana scorsa, i prezzi sono tornati a testare la trendline rialzista dei mesi scorsi, trasformatasi da supporto a resistenza dinamica. I prezzi rimangono comunque sotto le MM 50, 100 e 200 gg e questo ci fa stare allerta sui movimenti che si svilupperanno settimana prossima. Una reazione negativa dei prezzi porterebbe ad apertura di nuove posizioni SHORT con obiettivi di nuovo sotto area 20.000-19.500, mentre una prosecuzione sopra la MM200 ci farebbe pensare ad un cambio di rotta, che al momento rimane difficile da ipotizzare.

 

 

EURUSD

È evidente che è una fase difficile per l’EURO, ma nonostante tutto io continuo a nutrire speranze nella continuazione rialzista. Se analizziamo il grafico vediamo che giugno-settembre-dicembre rappresentano dei minimi crescenti molto significativi, lo stesso per i massimi di agosto e novembre 2010. I prezzi si sono appoggiati ad un supporto dinamico rappresentato dalla trendline ribassista aprile-agosto 2010. I prezzi hanno corretto fino a testare come resistenza la MM 100 gg ed in questo momento rimangono ancora sotto le tre principali MM. Lo Stocastico invece ci da qualche segnale positivo nel breve periodo. E’ quindi corretto pensare al fatto che se i prezzi continuassero la loro discesa sotto i minimi di fine novembre(1,30) il successivo obiettivo ribassista sarebbe area 1,26. Al contrario su superamento di area 1,34 il primo obiettivo rialzista tornerebbe ad assere area 1,37.

 

 

Per qualsiasi informazione info@scattacoltrading.it

 

ilsussidiario.net non fornisce servizi di consulenza finanziaria, né quanto ivi pubblicato può in alcun modo costituire sollecitazione all’investimento rivolta al pubblico. Le informazioni e gli articoli pubblicati hanno unicamente lo scopo di contribuire a una cultura complessiva sui mercati finanziari e di fornire materiali per una riflessione, senza nessuna diretta implicazione operativa. L’utilizzo dei dati e delle informazioni come supporto, diretto o indiretto, di scelte di operazioni di investimento rimane pertanto a completo rischio di chi opera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori