TRADING/ Forex: come andrà il cambio euro-dollaro?

- Stefano Gianti

STEFANO GIANTI (Cmc Markets) analizza l’andamento del cross tra le due valute, che potrebbe prendere un trend rialzista

Dollaro_Euro_MongolfiereR375_18dic08

Continua il trend ribassista in atto sulla valuta EUR/USD dalla prima settimana di dicembre dello scorso anno. Sia sul grafico settimanale che su quello giornaliero, le quotazioni portano direttamente in area 1.32, ma nelle ultime quattro settimane il trend è stato interrotto e il cross si è mosso lateralmente tra 1.3434 e 1.3800.

Analizzando il canale ribassista che si ottiene unendo il massimo di periodo di inizio dicembre passante a 1.5141 con il massimo della seconda settimana di gennaio a 1.4555 verso l’alto e il minimo 1.4217 di metà dicembre, ci accorgiamo che ci troviamo proprio ora in prossimità della parte rialzista del canale discendente e che l’oscillatore stocastico, che aveva invertito dall’ipercomprato quando c’era la stata l’inversione segnalata a dicembre 2009, si trova ora, su base settimanale in una situazione di ipervenduto.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SUL CAMBIO EURO/DOLLARO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO

Questa pausa del trend ribassista si è avuta proprio in corrispondenza del 61,8% del ritracciamento di Fibonacci che, osservando un grafico su base annua con candele settimanali, passa proprio in area 1.3679, dopo aver raggiunto questo livello il cross ha iniziato la sua fase laterale.

 

 

Per inversioni del trend, è quindi fondamentale tenere sotto controllo su base giornaliera una eventuale chiusura settimanale sopra 1.3820.

 

Stefano Gianti, s.gianti@cmcmarkets.com

 

Ilsussidiario.net non fornisce servizi di consulenza finanziaria, né quanto ivi pubblicato può in alcun modo costituire sollecitazione all’investimento rivolta al pubblico.
Le informazioni e gli articoli pubblicati hanno unicamente lo scopo di contribuire a una cultura complessiva sui mercati finanziari e di fornire materiali per una riflessione, senza nessuna diretta implicazione operativa. L’utilizzo dei dati e delle informazioni come supporto, diretto o indiretto, di scelte di operazioni di investimento rimane pertanto a completo rischio di chi opera.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori