LA SCHEDA/ Tutte le categorie per cui sono previsti gli incentivi e i requisiti necessari per beneficiarne

- La Redazione

E’ stato firmato oggi il decreto attuativo sulla concessione degli incentivi per un totale di 300 milioni di euro. Presentiamo tutti gli incentivi previsti e i requisiti necessari per poterne beneficiare.  

operaio_lavatriceR375_4nov08

E’ stato firmato oggi il decreto attuativo sulla concessione degli incentivi per un totale di 300 milioni di euro. Il decreto attuativo è stato firmato dal ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola, dal ministro dell’Economia Giulio Tremonti e da quello dell’Ambiente Stefani Prestigiacomo.

Il decreto attuativo prevede che gli incentivi siano destinati all’acquisto di alcuni beni materiali, compresi in determinate catagorie: in particolare gli incentivi sono finalizzati all’acquisto di ciclomotori, cucine ed elettrodomestici, case ecosostenibili, abbonamenti a internet veloce per i giovani fino a 30 anni e i prodotti industriali come inverter e motori elettrici, gru, rimorchi, e macchine agricole finalizzate ad aumentare la sicurezza sul lavoro.

Di seguito, tutti gli incentivi previsti e i requisiti necessari per poterne beneficiare.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CON GLI ALTRI INCENTIVI E I REQUISITI NECESSARI PER BENEFICIARNE, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO

Ci sono 12 milioni di euro a disposizione per il 10% del costo (20% per elettrici e ibridi) e fino a 750 euro (1.500 per elettrici e ibridi).

 

Requisiti: fino 400 cc o fino a 70 kw di potenza per “euro 3”, con rottamazione di “euro 0” o “euro1” senza alcuna richiesta per elettrici o ibridi.

 

– Sono previsti 60 milioni di euro che coprano il 10% del costo fino a 1.000 euro di spesa.

 

Requisiti: la sostituzione di una vecchia cucina; cucina deve essere corredata con almeno due elettrodomestici ad alta efficienza; i mobili devono avere la scheda identificativa del prodotto in legno; è necessario il rispetto delle norme sull’emissione di aldeide formica; deve essere presente la valvola di sicurezza per i piani cottura; deve essere predisposta alla raccolta differenziata.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CON GLI ALTRI INCENTIVI E I REQUISITI NECESSARI PER BENEFICIARNE, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO
 

– Sono previsti 50 milioni di euro per il 20% del costo e fino a 130 euro per le lavastoviglie, fino a 80 euro per forni elettrici e piani cottura, fino a 100 euro per cucine a gas, fino a 500 euro per cappe climatizzate e fino a 400 euro per pompe di calore per acqua calda.

 

Requisiti: la sostituzione dei vecchi apparecchi con lavastoviglie non inferiore alla classe A/A/A, forni elettrici non inferiori alla classe A, piani cottura con dispositivo FSD, cucine libere con dispositivo FSD e forno elettrico non inferiore alla classe A, cappe climatizzate, pompe di calore con COP maggiore o uguale a 2,5.

–Sono stanziati 60 milioni di euro con due modalità: 83 euro a metro quadro di superficie utile fino a 5.000 euro e 116 euro per metro quadro di superficie utile fino a 7.000 euro.

 

Requisiti: fabbisogno energetico migliorato del 30% (Classe B) e fabbisogno energetico migliorato del 50% (Classe A).

: 20 milioni di euro per 50 euro.

 

Requisiti: nuova attivazione di banda larga per giovani tra i 18 e i 30 anni.

 

I: 8 milioni di euro con due modalità: 1500 euro per acquisto rimorchi categoria O4 con ABS (2000 con ABS+antiribaltamento) e contestuale radiazione rimorchi di più di 15 anni senza ABS; 3000 euro per acquisto semirimorchi categoria O4 con ABS (4000 con ABS+ antiribaltamento) e contestuale radiazione di semirimorchi di pi— di 15 anni senza ABS. Non sono specificati particolari requisiti.

 

: 20 milioni di euro stanziati per il 10% costo di listino.

 

Requisiti: è necessaria la rottamazione di un macchinario della stessa tipologia di fabbricazione anteriore al 31/12/1999; l’acquisto di un macchinario rispondenti alla fase IIIa e con una potenza non superiore al 50% del rottamato; lo sconto dello stesso importo dell’incentivo praticato dal venditore.
 

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CON GLI ALTRI INCENTIVI E I REQUISITI NECESSARI PER BENEFICIARNE, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO

 GLI INCENTIVI PER LA NAUTICA – Sono 20 milioni di euro. Per i motori fuoribordo coprono il 20% del costo fino a 1.000 euro e per gli stampi per scafi da diporto il 50% del prezzo di acquisto fino a 200mila euro per azienda.

 

Requisiti: per i motori fuoribordo, la sostituzione di motori di vecchia generazione con motori a basso impatto ambientale fino a 75 kw potenza; per gli stampi per scafi da diporto l’acquisto stampi per la laminazione sottovuoto dotati di flangia perimetrale destinati alla produzione di scafi da diporto.

 

–Sono stati stanziati 40 milioni di euro per coprire per il 20% del costo fino a 30mila euro.

 

Requisiti: la rottamazione di gru a torre edilizia messa in esercizio prima del 1/1/1985.

– 10 milioni di euro sono stati stanziati per coprire il 20% del costo e fino a 40 euro per gli inverter, fino a 50 euro per i motori ad alta efficienza, fino a 100 euro per l’ups e fino a 200 euro per batterie di condensatori.

 

Requisiti: l’acquisto di inverter con potenza tra 0,75 e 7,5 kW; l’acquisto di motori ad alta efficienza di potenza tra 1 e 5 kW; l’acquisto di UPS ad alta efficienza di potenza fino a 10 kvA; batterie di condensatori che contribuiscano alle riduzione delle perdite di energia elettrica sulle reti media e basse tensione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori