BORSA/ Indicazioni e analisi tecnica dei mercati al 21 giugno 2010

- Alessandro Spataro

La settimana appena trascorsa ha visto i principali listini azionari tornare a chiudere con segno positivo

Orso_Toro_ManagerR375

La settimana appena trascorsa ha visto i principali listini azionari tornare a chiudere con segno positivo. I dati macro usciti in questi giorni lasciano ancora dubbi sulla solidità della economia mondiale. Il Dipartimento del Lavoro ha infatti reso noto giovedì che le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono salite a 472 mila unità. Il dato è ben peggiore delle attese degli analisti che si aspettavano un numero di richieste pari a 450 mila unità. La Federal Reserve di Philadelphia ha poi annunciato che il proprio indice, che misura l’andamento dell’attività manifatturiera nell’area di Philadelphia, è sceso nel mese di giugno a 8 punti, ben inferiore alle previsioni degli addetti ai lavori fissate su un valore dell’indice pari a 20,9 punti. Non sorprende invece l’indice anticipatore. Il Conference Board ha reso noto che il superindice, che cerca di valutare l’andamento dell’economia USA nei prossimi 6-12 mesi, si e’ attestato a maggio al +0,4%, in linea con le stime degli economisti.

S&P500 e NASDAQ

La situazione nel lungo periodo per entrambi i listini non è cambiata e nel lungo periodo si possono evidenziare supporti molto importanti che,se dovessero essere violati, porterebbero ad uno scenario di forti vendite sui mercati. Per il momento il trend positivo di lungo periodo è ancora in essere attendiamo le prossime settimane per confermare la situazione.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO

Nel breve periodo, come detto settimana scorsa, c’è stato il rimbalzo che ci aspettavamo che ha portato a chiudere la settimana in recupero di oltre il 2% gli indici. Le conferme arrivano da MACD in pieno recupero dai minimi e in trend positivo, e dallo STOCASTICO che si dirige verso area 80(ipercomprato). Tecnicamente è facilmente riconoscibile la trendline ribassista che proprio in questi ultimi due giorni è stata testata, quindi facciamo attenzione a prendere nuove posizioni sui movimenti delle prossime giornate.

 

Sul NASDAQ possiamo mettere l’accento su una formazione di continuazione che sono i triangoli. Nel nostro caso la stiamo tirando un po’ per le orecchie dato che l’ampiezza è davvero notevole….però! Se dovesse venire confermato l’obiettivo sarebbe il massimo in area 2000-2100 punti (ma sarebbe troppo bello!).

 

 

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO

FTSE MIB

L’indice italiano ha colto l’occasione del recupero americano nel breve, e sembra voler seriamente continuare nel suo rialzo. Primi obiettivi 21.243 e 21.484. Lo STOCASTICO ormai da qualche giornata è stabilmente sopra gli 80.

 

 

EURUSD

La situazione sul cross EURUSD nel breve è cambiata, le medie mobili sono incrociate long, lo STOCASTICO e il MACD sono chiaramente in fase di UPTREND. Vediamo se nelle prossime giornate avrà la forza di arrivare a testare la trendline ribassista o la resistenza statica molto forte 1,30.

 


 

 

Ilsussidiario.net non fornisce servizi di consulenza finanziaria, né quanto ivi pubblicato può in alcun modo costituire sollecitazione all’investimento rivolta al pubblico. Le informazioni e gli articoli pubblicati hanno unicamente lo scopo di contribuire a una cultura complessiva sui mercati finanziari e di fornire materiali per una riflessione, senza nessuna diretta implicazione operativa. L’utilizzo dei dati e delle informazioni come supporto, diretto o indiretto, di scelte di operazioni di investimento rimane pertanto a completo rischio di chi opera.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori