BORSA/ Indicazioni e analisi tecnica dei mercati al 7 giugno 2010

- Alessandro Spataro

Un’altra settimana all’insegna della indecisione sui mercati finanziari, sia in area euro che negli Stati Uniti

Orso_Toro_ManagerR375

Un’altra settimana all’insegna della indecisione sui mercati finanziari. Dopo una partenza all’insegna dei rialzi, venerdì, dopo i dati al di sotto delle attese della disoccupazione negli Usa, e in area euro con le continue preoccupazioni per altri default di Paesi compresi l’Italia. Quindi possiamo dire che “l’errore” del trader che ha fatto crollare i mercati del 10% tre settimane fa, forse era la virata che aspettavamo da tempo? Vediamo la situazione tecnica.

S&P500 E NASDAQ100

Nel lungo periodo i due principali indici americani evidenziano situazioni simili anche se con particolarità rispetto al trend differenti. Lo S&P500 dopo il testa e spalla rialzista formatosi a inizio 2009, ha formato un supporto importante in area 1,050 il cui break out porterebbe i prezzi in area 950-1,000 e solo il superamento di area 1,200 potrebbe darci nuovi segnali rialzisti di lungo periodo. Il Nasdaq sta correggendo il forte uptrend partito dopo il doppio minimo fine 2008 inizio 2009. Ricordiamo che sino a quando non vediamo una serie di massimi e minimi decrescenti non possiamo parlare di trend negativo.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO

Nel breve periodo l’incrocio delle medie mobili 20 e 50 in posizione short non danno adito a dubbi sulla situazione dell’indice. Il rimbalzo delle ultime settimane era stato preannunciato da divergenza prezzi-MACD. La violazione del supporto a 1,050 porterebbe ad aperture di nuove posizioni short da parte degli investitori con nuovi scenari negativi.

 

 

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO

FTSEMIB

L’indice italiano, a differenza degli indici Americani, ha invertito la rotta ormai da novembre 2009, disegnando massimi e minimi decrescenti, quindi in trend negativo. Le medie mobili sono incrociate short.

 

 

SMI

Non fa eccezione l’indice svizzero che prosegue la sua discesa dopo aver violato minimi importanti. Le medie mobili a 20 e 50 sono incrociate in posizione ribassista, il nel breve ha dato lo spunto per il ritracciamento delle ultime settimane, anticipato anche dalla divergenza con i prezzi.

 

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO

FOREX EURUSD

Indubbiamente le notizie che continuano da eurolandia non sono certamente di buon auspicio per la moneta unica. Nonostante si intravedano timide riprese nei PIL nazionali di Italia, Germania e Francia, le compagnie di rating continuano ad allarmare i mercati, adducendo dubbi sulla reale condizione dei bilanci pubblici. Questo destabilizza i mercati che continuano a penalizzare l’euro. Sia nel lungo che nel breve la situazione grafica è negativa. Nel breve avevamo evidenziato un possibile doppio minimo da insanabili ottimisti, ma in realtà il break out ribassista del supporto a 1,2150 ha aperto nuovi orizzonti ribassisti.

 

 

 

 

Ilsussidiario.net non fornisce servizi di consulenza finanziaria, né quanto ivi pubblicato può in alcun modo costituire sollecitazione all’investimento rivolta al pubblico. Le informazioni e gli articoli pubblicati hanno unicamente lo scopo di contribuire a una cultura complessiva sui mercati finanziari e di fornire materiali per una riflessione, senza nessuna diretta implicazione operativa. L’utilizzo dei dati e delle informazioni come supporto, diretto o indiretto, di scelte di operazioni di investimento rimane pertanto a completo rischio di chi opera.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori