CRACK PARMALAT/ La Procura di Milano chiede 3,6 milioni di euro di sanzioni per 4 banche

- La Redazione

La Procura di Milano ha chiesto per 4 banche coinvolte nel crack Parmalat, pene pecuniarie per 3,6 milioni di euro.

Giustizia_MartellettoR400
Immagine: Fotolia

La Procura di Milano ha chiesto per 4 banche coinvolte nel crack Parmalat, pene pecuniarie per 3,6 milioni di euro.

La Procura di Milano, al termine della requisitoria del processo a carico di 4 banche coinvolte nel crack Parlmalat, ha chiesto per gli istituti di credito sanzioni pecuniarie per 3,6 milioni di euro. Deutsche Bank, Citigroup, Morgan Stanley e Bank of America sono state condannate al pagamento di 900mila euro ciascuna.

Il Pm Eugenio Fusco, inoltre, ha chiesto che siano confiscati, a Deutsche Bank, 14 milioni di euro, 70 milioni a Citigroup, 30 milioni e 705mila a Bank of America e 5,9 milioni a Morgan Stanley. Si tratta dei valori corrispondenti a profitti considerati illeciti.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

Le banche in questione sono accusate di aver violato la legge 231 del 2001, che obbliga ad adottare modelli organizzativi che prevengano i reati commessi dai dipendenti, in relazione al reato di aggiotaggio contestato ai loro funzionari. Per sei funzionari, poi, accusati di aggiotaggio sono state chieste condanne con pene comprese tra un anno e un anno e quattro mesi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori