FINANZA/ 1. Ecco perché Wall Street vuol scaricare Obama

- Mauro Bottarelli

Per Barack Obama è già cominciata la campagna elettorale per le prossime presidenziali Usa, ma, spiega MAURO BOTTARELLI, avrà Wall Street contro

Wall_Street_TargaR400
Foto Ansa

Non so voi, ma io questa storia dell’uccisione di Bin Laden non riesco proprio a bermela. Sarò prevenuto, ne avrò viste troppe, ma la foto che capeggiava ieri sulla prima pagina di molti giornali, con Barack Obama, Hillary Clinton e alti papaveri dell’amministrazione chiusi nella Situation Room della Casa Bianca intenti a seguire l’operazione dei Navy Seals in diretta, mi sa tanto di immagine scattata mentre guardavano una partita di pallacanestro.

Tant’è, di certo non mi spiace in sé che al mondo ci sia uno psicopatico in meno, ma la puzza di bruciato elettorale che aleggia attorno a questa vicenda è fortissima: e non fa altro che dilazionare i tempi affinché gli Usa affrontino i reali problemi che li affliggono, in primis il debito e in secondo luogo il prezzo della benzina ormai fuori controllo a fronte del petrolio ai massimi da due anni e mezzo: e si sa che, al netto delle scorte, la spesa energetica declinata in import va a gravare ulteriormente sul deficit commerciale.

Stando a un sondaggio del Washington Post del 3 maggio, grazie all’eliminazione di Bin Laden, Barack Obama può contare ora sul 56% dei consensi, un aumento di nove punti rispetto all’ultima rilevazione fatta in aprile dal Post e da Abc News. Peccato che i sondaggi vadano saputi leggere: approfondendo i dati, si scopre infatti che quando la domanda verteva sulla gestione dell’economia da parte del governo, il buon Obama non guadagnava nemmeno una frazione di punto. Inoltre, il picco massimo di aumento per il presidente è stato registrato tra gli elettori cosiddetti indipendenti, più 10 punti a quota 52%. Peccato che lo stesso identico risultato fu ottenuto, sempre tra gli indipendenti, da George W. Bush dopo la cattura di Saddam Hussein: detto fatto, la spintarella elettorale svanì nell’arco di sei settimane.

Inoltre, un altro sondaggio, questa volta condotto da Cnn e Orc, vede il sostegno a Obama al 52%, soltanto un punto percentuale in più rispetto al periodo precedente al blitz. Insomma, numeri tutti da interpretare. Ma, soprattutto, la certezza che la storia si ripete quasi sempre. E proprio la storia vuole che un’elezione americana inizi sempre un anno prima della sua naturale scadenza, quindi quanto successo da marzo fino a oggi, va letto in chiave totalmente strategica da parte del presidente.

Non deve stupire, quindi, che Barack Obama abbia già annunciato la sua ricandidatura per il prossimo anno, muovendo in anticipo le sue pedine e inviando emissari presso i grandi elettori e soprattutto le lobbies. Nonostante Thanos Papasavvas, capo del monetario alla Investec Asset Management, interpellato da Cnbc, dia per certo che Obama verrà riletto, «poiché ogni segnale di deterioramento nell’ambito economico vedrà la Fed intervenire prontamente con la terza ondata di quantitative easing», la realtà appare differente e vede Wall Street – che nel 2008 scommise proprio sul candidato democratico – nettamente intenzionata a riportare i propri favori in casa repubblicana.

I segnali, in effetti, da settimane si sprecano. Prima la lettera inviata al segretario al Tesoro, Timothy Garthner, dall’ad di JP Morgan, Matthew Zames, a nome delle principali istituzioni bancarie Usa riunite nel Treasury Borrowing Advisory Committee, per mettere in guardia da un rischio di default causato dal mancato innalzamento limite di debito, avvertendo che anche un breve ritardo nel pagamento di un interesse o una cedola potrebbe avere effetti devastanti per i mercati finanziari. Poi la minaccia di John Noehner, speaker repubblicano alla House of Representatives, secondo cui «se il presidente non diventa serio sulla necessità di affrontare il tema del nostro incubo fiscale, c’è la possibilità che un voto (sull’innalzamento del tetto di debito, ndr) possa non esserci».

Alcuni analisti del budget a Washington pensano che il compromesso potrebbe nascere sulla base di un’estensione a breve termine del debito che non contempli aumenti superiori ai 1000 miliardi di dollari, ma i Repubblicani alla House, su montante pressione proveniente proprio da Wall Street, potrebbero resistere a questa ipotesi, dando battaglia sui dettagli. Infine, il messaggio non interpretabile da parte dei manager di hedge funds, gli stessi che nel 2008 raccolsero milioni di dollari per la campagna di Barack Obama. Come Daniel Loeb, fondatore della Third Point LLC, il quale dall’insediamento del Presidente a oggi ha donato 468mila dollari ai Repubblicani e solo 8mila ai Democratici.

Il perché appare chiaro, almeno a New York: Wall Street sta reagendo alle attacchi populisti di Obama contro la finanza (leggasi la frase che pronunciò in occasione del salvataggio di Chrysler, «Non sto al fianco di chi vuole far pagare solo a voi contribuenti il prezzo della crisi») e all’intenzione di innalzare le tasse, ovvero il piano di presidente e Democratici per porre termine all’era dell’aliquota del 15% di capital gains su parte dello stipendio per i manager di fondi speculativi e di equity. L’iniziativa fallì perché faceva parte di un progetto di legge più ampio che fu bocciato e ora è da ritenersi lettera morta, visto il controllo repubblicano della House of Representatives: stranamente, l’emendamento che inseriva la norma fu presentato dal senatore democratico di New York, Charles Schumer, il quale ancora nel 2010 riuscì a ottenere 500mila dollari di finanziamenti da manager di fondi per il mid-term.

Nel 2008, Barack Obama ottenne qualcosa come 750 milioni di dollari di donazioni e i suoi strateghi puntavano a 1 miliardo per la campagna della rielezione: difficile, visto che oltre a Wall Street, anche gli attivisti liberali e ambientalisti hanno minacciato diserzioni, poiché delusi dal poco vigore di Obama nel mantenere le promesse. Storicamente, poi, i Democratici negli ultimi vent’anni si sono sempre accaparrati la parte più consistente delle donazioni da parte degli hedge funds: dal 1990 al 2008, stando ai dati del Center for Responsive Politics, i manager di fondi speculativi e il loro dipendenti hanno contribuito con 40 milioni di dollari per i candidati al Congresso e alla presidenza, due terzi dei quali finiti ai Democratici.

Non lo sapevate, vero? E invece è così, i Democratici belli, simpatici e pacifisti sono sempre stati i preferiti dalla grande finanza per un motivo semplice: erano e restano più manovrabili perché di certe cose non capiscono granché, ritenendole attività anti-popolari oppure perché pur capendone, lasciano fare in nome della governabilità. Ma durante il 2010 l’aria è cambiata, con il 53% degli 11 milioni di dollari di donazioni degli hedge funds per il mid-term terminato ai Repubblicani. Di più, sei manager di fondi hanno donato 6 milioni di dollari alla Republican Governors Association per il mid-term e hanno speso altri milioni per finanziare il blitz pubblicitario che ha tirato la volata ai candidati repubblicani per il Congresso.

Ora, con la rielezione ormai in agenda, il già citato Charles Schumer ha cominciato un frenetico giro di pranzi con i principali manager di fondi di New York e lo stesso Barack Obama si è recato nella Grande Mela a fine marzo per un evento con raccolta di fondi presso protagonisti di Wall Street e dell’industria dei fondi. Troppo tardi? Parrebbe di sì, poiché delle 6600 donazioni giunte al Democratic National Committe nel mese di marzo, soltanto pochissime giungevano dal settore dei fondi speculativi, sorpassati persino da veterinari e bibliotecai! Ma oggi il Presidente tornerà nella Grande Mela, per una visita a Ground Zero dal sapore molto strumentale, visto l’arco temporale che divide il ritorno a New York del commander-in-chief dall’eliminazione di Osama Bin Laden: occorre sfruttare l’occasione finché l’onda lunga emotiva regge e ottimizzare rapporti e consensi.

Anche perché, nell’arco di poche settimane, il prezzo della benzina potrebbe superare i massimi del 2008 e allora sarebbero davvero guai per un’amministrazione che già non sa come muoversi sul fronte del debito fuori controllo e della necessità di innalzamento del tetto massimo entro il 16 maggio. O Barack Obama si inventa qualcosa – ovvero, comincia davvero ad affrontare i problemi reali cercando un accordo con i Repubblicani – oppure dovrà noleggiare una schiera di terroristi e assassini per garantirsi un surplus di popolarità in vista del prossimo anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori