BORSA/ La Merkel chiama Berlusconi: approvate la manovra finanziaria

- La Redazione

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha chiamato il presidente del Consiglio Berlusconi chiedendogli di approvare la manovra e di varare le misure necessarie al consolidamento del debito.

merkel_dubbiosaR400
Angela Merkel (Foto Ansa)

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha fatto sapere di aver chiamato il presidente del Consiglio Berlusconi chiedendogli di approvare la manovra e di varare le misure e le riforme necessarie al consolidamento del debito. «L’Italia deve mandare segnali urgenti», ha detto la Merkel riferendosi al risanamento del debito e si è detta fiduciosa del fatto che l’Italia saprà fronteggiare la situazione adottando i provvedimenti opportuni. Un telefonata che si è resa necessaria dall’andamento traballante del mercato finanziario italiano. Venerdì, a causa degli scandali politici e degli attacchi al ministro Tremonti, considerato, in Europa, il garante dei conti pubblici italiani, Piazza Affari ha chiuso con un record negativo, (-3,47%).

Oggi, dopo la stretta della Consob sulle vendite allo scoperto, le cose non sembrano andare meglio. La Borsa ha aperto in ribasso, con cadute superiori al punto percentuale, e ha superato quota -2%. Dopo aver toccato -2,7% si è attestata, per il momento, a -2,54%. Intanto, è ancora record per il differenziale tra Btp e Bund decennali: lo spread tra i titoli italiani e tedeschi  ha superato la quota storica di 270 punti, arrivando a 274. Si tratta del livello più alto mai toccato dall’introduzione dell’euro.

Continua la corsa al ribasso anche della moneta unica, scesa sotto gli 1,41 dollari, raggiungendo quota 1,4084. In apertura era partita da 1,4174. Scende anche nei confronti dello yen, toccando quota 113,79 da 114,52, e rispetto al franco svizzero 1,1804 (1,1866 in apertura). La discesa è dovuta ai timori di contagio legati al cattivo andamento delle economie di Spagna, Portogallo, Grecia e Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori