FONDO MONETARIO/ Italia promossa, ma ancora a rischio

- La Redazione

Il Fondo Monetario Internazionale promuove il piano italiano di riduzione del deficit, ma invita ad attuare le riforme perché il nostro Paese è ancora a rischio

borsa-R400
Immagine d'archivio

Italia promossa: è quanto ha dichiarato il Fondo Monetario Internazionale. L’impegno del nostro Paese per la riduzione del deficit è un impegno positivo. Il programma di riduzione prevede la discesa sotto la soglia del 3% nel 2012 e il raggiungimento dello zero nel 2014. Un programma che piace, nonostante ciò il FMI invita a non abbassare la guardia e ad andare avanti con il risanamento del bilancio “per ridurre l’elevato debito pubblico, mantenere stabile il settore finanziario, rafforzare il potenziale di crescita con riforme strutturali”. Essenziale, sempre secondo quanto dice il FMI, attuare il pacchetto di misure anti deficit. Attenzione però, perché propria l’attuazione del pacchetto di misure potrebbe risultare problematica, dice ancora il Fondo: “L’intenzione del governo di intraprendere un’ampia revisione delle spese pubbliche è incoraggiante.  Riforme importanti del sistema pensionistico sono già state attuate e c’è spazio per ulteriori misure per generare risparmi”. Purtrppo, si legge nel comunicato, la crescita economica del nostro Paese è modesta, spinta dalle esportazioni. La crescita va aiutata e sostenuta con riforme strutturali e riforme molto ampie “per aumentare ulteriormente la produttività e rafforzare il potenziale di crescita”.

Intanto la Borsa di Milano, a mezz’ora dalla sua apertura di stamane, registra un rialzo: gli indici guadagnano l’1,5%: FtseMib +1,4%, Ftse All Share +1,28%, Ftse Star +0,54%. Sono soprattutto i titoli bancari e assicurativi a portare al rialzo il listino milanese. Intesa San Paolo ad esempio risulta al 3,87% in più.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori