BORSA/ Ripartono Piazza Affari e i titoli bancari

- La Redazione

Dopo il tonfo di ieri (-3.06%) Piazza Affari apre con il segno + con il Ftse Mib  che segna un rialzo dello 0,52% a 17.9777 punti. Riprendono quoto anche i tioli bancari e assicurativi.

Trading_MonitorR400
Foto Imagoeconomica

Dopo il tonfo di ieri (-3.06%) Piazza Affari apre con il segno + con il Ftse Mib  che segna un rialzo dello 0,52% a 17.9777 punti, mentre il Ftse All Share sale a +0,49% a 18.713 punti. L’indica Stxe 600, di lunedì, relativo ai principali titoli europei, aveva registrato un -1,71%, equivalente a 91,2 miliardi di euro di capitalizzazione andati in fumo. Benino anche le borse europee. L’indice  Ftse-100 di Londra registra un +0,37% a 5.773,93 punti mentre il Dax di Francoforte segna 0,57% a 7.148,48 punti. Risultato positivo, in apertura, anche per il Cac 40 di Parigi con lo 0,55% a 3.671,13 punti. Ripartono anche i bancari, sull’onda ribassista dei quali la giornata di ieri è stata particolarmente negativa: Unicredit aumenta dell’1,5% e Intesa Sanpaolo dell’1,35%. Bene anche Parmalat (+2,3%) e Fonsai, (+1,17%), ieri tra i più colpiti. Nel frattempo si ammorbidisce lo spread tra i Btp decennali e i bund tedeschi, a 313 punti base dopo record di ieri di 337 punti. Il premio di rendimento dei Btp, invece, scende al 5,83%. Nuovo record per l’oro, bene rifugio per eccellenza, che in questo periodo in cui gli investitori vogliono mettersi al riparo dalla crisi dei debiti sovrani subisce un’ennesima impennata. 

Sul mercato di New York, l’oro con consegna ad agosto ha raggiunto il massimo storico di 1.610,70 dollari l’oncia, per la 12esima seduta consecutiva in rialzo. L’euro, infine, è ancora stabile rispetto al dollaro (1,4080) e allo Yen (111,26).







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori