BIRRA/ Esportazioni raddoppiate in Inghilterra e Stati Uniti

- La Redazione

Raddoppia l’esportazione di birra italiana nel mondo. In particolare aumenta in paesi amanti della bevanda e grandi produttori come Inghilterra e Stati Uniti

birra_R400
Foto Ansa

La birra italiana alla conquista del mondo. L’esportazione di “bionda made in Italy” sarebbe raddoppiata negli ultimi cinque anni, arrivando al 37% in più di birra italiana venduta nel Regno Unito e al 39% negli Stati Uniti. Un successo non da poco, specialmente in Inghilterra, dove da sempre al apri con la Germania la bevanda è ritenuta un simbolo stesso del Paese, e dove esige una tradizione antichissima e varietà innumerevoli di tipologie. Non succede la stessa cosa appunto in Germania, un mercato che non si riesce a scalfire. Secondo Filippo Terzaghi direttore di Assobirra, il mercato tedesco ha una sovracapacità produttiva inattaccabile e le aziende pur di non chiudere vendono a prezzi sempre più bassi. Ma la notizia del successo anglo-americano è comunque un notizia estremamente positiva. Sono le aziende produttrici di grandi marchi a fare la parte del padrone, con 190 milioni di litri esportati contro i due milioni appartenenti a piccoli produttori. I marchi? Nastro Azzurro, Moretti ma anche Menabrea. Notizia positiva che però non può nascondere un’altra notizia meno positiva, quella cioè relativa al nostro mercato interno. In Italia infatti i consumi sarebbero in stallo. Il 7 luglio intanto a Roma, assemblea nazionale dell’Assobirra che permetterà di fare il punto della situazione. Saranno circa quindicimila i coltivatori presenti, a rappresentare il milione e sei di associati.

Oltre ad autorità come i ministri Tremonti, Fazio, Sacconi, Romano e il sindaco Alemanno. Novità che verrà annunciata quel giorno le Botteghe di Campagna Amica”. la prima rete di vendita organizzata di proprietà degli agricoltori. Si tratta di una catena di centinaia di negozi in tutta Italia dove sarà possibile comprare prodotti – solo quelli – di agricoltura italiana compresa la birra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori