BORSA/ Wall Street apre in calo. Piazza Affari in rosso, ma migliore di Parigi e Francoforte

L’apertura negativa di Wall Street ha fatto scendere anche le altre borse europee, che già si trovavano in rosso. Milano e Madrid restano in ogni caso le migliori d’Europa

08.08.2011 - La Redazione
wall_street_bandieraR400_4ott10
Foto Fotolia

L’apertura negativa di Wall Street (-0,16% per il Dow Jones Industrial, – 3,03% per il Nasdaq 100 e -1,06% per lo S&P 500) – che è ulteriormente calata nei minuti seguenti – ha fatto scendere anche le altre borse europee, che già si trovavano in rosso. Milano e Madrid, che in mattinata erano partite con rialzi superiori al 2%, ora segnano perdite, rispettivamente, dell’1% e dello 0,4%. Vanno peggio Francoforte (-2,9%) e Parigi (-2,4%). Pare quindi aver avuto un impatto fortemente negativo il downgrade operato da Standard & Poor’s sul debito sovrano degli Stati Uniti.

Sul listino principale di Piazza Affari i cali principali sono di Pirelli (-8%), Fiat (-7%), Saipem (-6,9%), Fiat Industrial (-6,5%) e Tenaris (-6,2%), mentre segnano rialzi Enel (+2,9%), Banco Popolare (+2,1%), Bpm (+2,2%), Intesa Sanpaolo (+2,2%) e Unicredit (+2%).

Per Milano e Madrid, le cose stanno andando leggermente meglio grazie al fatto che la Bce ha annunciato che procederà all’acquisto di titoli di Stato di Italia e Spagna. Una misura che sta riducendo i rischi sulla solvibilità dei due paesi e sulla tenuta dell’unione monetaria europea.

Del resto il fatto che lo spread tra Btp e Bund sia ritornato sotto quota 300 punti base (raggiugendo minimi sotto i 290) testimonia che la tensione sul nostro debito pubblico è scesa. Il proseguo della giornata di Wall Street ci potrà dire qualcosa di più sulla probabilità che le borse europee chiudano in perdita, così come fatto in precedenza da quelle asiatiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori