GIGANOMICS/ Monti “delude” i mercati. Berlusconi e Bersani si sfidano anche in Borsa

- Gianni Gambarotta

C’era molta attesa per la reazione dei mercati alle dimissioni di Monti, ma qualcuno è rimasto deluso. Nel frattempo Mediaset e Mps si contendono la palma di titolo peggiore dell’anno

monti_vignetta_r439
Vignetta di Claudio Cadei

Monti e la Borsa. “Tutto qui?”, è la reazione a caldo che si raccoglieva ieri facendo un giro di telefonate (lavoro da cronista, ormai abbandonato) fra le dealing room, i gestori, in genere gli operatori per avere il polso della Borsa dopo le dimissioni di Mario Monti. I giornali avevano previsto l’apocalisse: Il Corriere della Sera aveva chiuso un lungo intervento del direttore sul caso con uno scambio di battute fra Monti e il Presidente della Repubblica proprio sulla paura che l’uscita di scena del professore avrebbe provocato sui mercati. E invece? Il calo certamente c’è stato: il Ftse Mib ha ceduto il 2,2%; lo spread ha lasciato sul terreno 40 punti. Ma non si è trattato di quella tempesta perfetta prevista dai giornali e auspicata da alcuni i loro. “La tendenza delle Borse europee in prospettiva è cautamente positiva – ragiona uno dei più importanti gestori della piazza milanese -. Devono recuperare molto terreno rispetto a Wall Street che ha superato lo shock della grande crisi finanziaria partita nel 2008. Noi pensiamo che il prossimo sarà l’anno buono anche per i listini del Vecchio Continente. E l’Italia, pur con tutti i suoi limiti, dovrebbe beneficiare di questo trend generale positivo. Per questo, guardando al futuro, abbiamo visto nelle turbolenze generate dalla politica un’occasione di investimento: se, ci siamo detti, i titoli subiscono un netto ribasso con l’apertura della crisi, allora è l’occasione per comprare. Nel medio-lungo periodo le quotazioni saliranno generando buone plusvalenze”.

Quel 2,2% lasciato ieri sul terreno, cinicamente, viene considerato non un granché, soprattutto considerata la gran cassa battuta dai media. La domanda che si facevano l’un l’altro (e si fanno ancora oggi) gli operatori è questa: “Tu sei già compratore o aspetti ancora?”. Le risposte non sono univoche, sono variegate: c’è chi ha già fatto qualche assaggio soprattutto sui bancari, ieri particolarmente penalizzati, e chi è sicuro che la caduta continuerà ancora per qualche giorno e che dunque è più prudente aspettare. A chi chiede se non vedono dei rischi in questa strategia di acquisto, se non temono che l’Italia possa diventare un problema per l’Europa e per l’euro, gli operatori rispondono all’unanimità che scenari di questo tipo non esistono, sono un’invenzione di analisti d’accatto desiderosi di portare l’acqua al mulino dei loro beniamini politici: “Fino a settembre, quando si terranno le elezioni tedesche, non succederà assolutamente nulla. È a Berlino che si forma e si decide la politica europea e da nessuna altra parte. Dopo settembre si saprà che cosa hanno scelto i tedeschi: tutto il resto verrà di conseguenza”.

Sull’ipotesi di una discesa in campo diretta di Mario Monti le opinioni sono divise. La maggioranza desidera che il professore approdi al Quirinale continuando così a essere un ricostituente per l’immagine internazionale dell’Italia decisamente compromessa sotto il governo di Silvio Berlusconi. Però vedono questa ipotesi allontanarsi: oggi anche il Financial Times parla apertamente di colloqui del professore per correre per Palazzo Chigi. Per i mercati questa scelta potrebbe anche fare bene: nessuno pronostica per Monti un responso trionfale dalle urne, ma tutti pensano che possa essere il punto di riferimento di un gruppo di rilievo, accanto al sicuro vincitore (il Pd), a Berlusconi e a Grillo. E che questo gruppo potrà forse condizionare il futuro presidente del Consiglio, Pierluigi Bersani, costringendolo ad annacquare la dose di Vendola del suo esecutivo, componente poco apprezzata, all’unanimità, dai mercati.

Chi ha rotto il c… Rai 3 è da sempre un problema per la sua faziosità e la sua incapacità di fare informazione degna di comparire su una rete pubblica, pagata dal canone dei cittadini che avrebbero almeno il diritto a un minimo di rispetto. Ieri sera Aldo Cazzullo, intervistato da Fabio Fazio, ha detto che oggi ci sono dei nuovi torinesi, molto migliori di quelli di un tempo abituati all’understatement. Fra i campioni di questo nuovo che avanza ha citato Luciana Littizzetto. Io sono torinese e mi sono sentito insultato da questa affermazione. Anzi, per citare la Littizzetto stessa, lei, Fazio, Cazzullo e tutta Rai 3 mi hanno rotto il c…

 

Mediaset e Monte Paschi. Una classifica elaborata dalla Borsa italiana indica quali sono stati, fino a oggi, i titoli peggiori dell’anno. Mediaset e Monte dei Paschi di Siena si contendono il primo posto. È divertente vedere l’azienda di Silvio Berlusconi e la banca guidata dal Pd di Pierlugi Bersani competere per un altro primato. È davvero uno scontro a tutto campo.

 

Mancano notizie/1. Non sappiano più nulla di Giovanna Melandri, la parlamentare del Pd sistemata dalla politica sulla poltrona di presidente del museo Maxxi di Roma, pur non avendo titoli e competenza. Ha poi davvero rinunciato alla stipendio, come promesso? Alcuni maligni dicono di averla vista girare su un’auto blu: è vero? Ha già distribuito incarichi e consulenze ai soliti amici?

 

Mancano notizie/2. Allora questa la7 non si vende più? Pare proprio sia così: a Telecom Italia è utile avere una tv in questa fase di accesa campagna elettorale. È utile schierarla compatta per i futuri vincitori. Sperando che, una volta al potere, ricordino e ricambino.

 

giganomics.it@gmail.com

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori