BORSA ITALIANA OGGI/ Milano, news: chiusura a -0,18%, Ubi Banca a -3,13% (29 dicembre 2016)

- La Redazione

Borsa italiana news, gli aggiornamenti sull’andamento di Piazza Affari e le ultime notizie dal mondo finanziario. Le news sulle azioni più importanti del mercato italiano

borsa_piazza_affariR439
Borsa italiana oggi, Lapresse

Piazza Affari chiude a -0,18% e sul listino principale si notano i ribassi di Banco Popolare (-3,76%), Bpm (-3,5%), Bper (-0,98%), Exor (-1,14%), Fca (-1,03%), Ferrari (-1,07%), Intesa Sanpaolo (-0,82%), Leonardo (-0,89%), Mediobanca (-0,77%), Stm (-1,02%), Tenaris (-1,45%), Ubi Banca (-3,13%) e Unicredit (-1,87%). I rialzi più significativi sono quelli di Buzzi (+0,75%), Eni (+0,85%), Italgas (+0,87%), Moncler (+1,16%), Recordati (+1,2%), Snam (+0,98%) e Terna (+2,14%). Fuori dal listino principale ErgyCapital chiude a +16,77%,, mentre Bastogi cede il 5,56%. Il cambio euro/dollaro sale verso quota 1,05, mentre lo spread tra Btp e Bund si trova sotto i 163 punti base.

Piazza Affari è vicina alla parità (-0,05%) e sul listino principale si notano i ribassi di Banco Popolare (-2,8%), Bpm (-2,5%), Exor (-0,9%), Intesa Sanpaolo (-1,2%), Leonardo (-0,8%), Mediaset (-0,9%), Stm (-0,9%), Tenaris (-1%), Ubi Banca (-2,5%) e Unicredit (-1,6%). I rialzi più significativi sono quelli di Atlantia (+0,7%), Buzzi (+0,8%), Enel (+0,6%), Eni (+0,8%), Italgas (+0,9%), Moncler (+1,6%), Recordati (+1,3%), Saipem (+0,8%), Snam (+1,1%) e Terna (+2%). Fuori dal listino principale ErgyCapital sale del 16,8%, Dmail del 10,5%, mentre OpenJob Metis cede il 5,8%. Il cambio euro/dollaro si attesta a quota 1,045, mentre lo spread tra Btp e Bund si porta a 163 punti base.

Piazza Affari perde dello 0,1% e sul listino principale si notano i ribassi di Banco Popolare (-2,6%), Bpm (-2,4%), Fca (-0,9%), Intesa Sanpaolo (-1,5%), Leonardo (-0,7%) Poste Italiane (-0,8%), Stm (-0,9%), Tenaris (-0,6%), Ubi Banca (-2,7%) e Unicredit (-1,6%). I rialzi più significativi sono quelli di Azimut (+0,6%), Buzzi (+1%), Eni (+0,6%), Moncler (+1,4%), Recordati (+1,1%), Saipem (+1,4%), Snam (+0,8%) e Terna (+2,1%). Fuori dal listino principale Dmail sale dell’11,9%, mentre OpenJob Metis cede il 6,1%. Il cambio euro/dollaro supera quota 1,045, mentre lo spread tra Btp e Bund si avvicina ai 164 punti base.

Piazza Affari sale dello 0,1% e sul listino principale troviamo in rosso Banco Popolare (-0,7%), Bpm (-0,5%), Exor (-0,3%), Fca (-0,6%), Ferrari (-0,1%), Generali (-0,3%), Intesa Sanpaolo (-0,7%), Leonardo (-0,1%) Poste Italiane (-0,1%), Snam (-0,1%), Stm (-0,7%), Telecom Italia (-0,5%), Tenaris (-0,6%) e Unicredit (-0,3%). I rialzi più significativi sono quelli di Atlantia (+0,7%), Banca Mediolanum (+0,6%), Enel (+0,9%), Fineco (+0,6%), Moncler (+0,9%), Recordati (+0,8%) e Saipem (+1,3%). Fuori dal listino principale Dmail sale dell’11,2%, Dada del 9,7%, mentre Brioschi cede il 3%. Il cambio euro/dollaro si trova sotto quota 1,045, mentre lo spread tra Btp e Bund si trova sotto quota 162 punti base.

Nonostante manchino poche sedute borsistiche alla fine dell’anno, ci sono alcuni dati macroeconomici in uscita oggi. Alle 11:00 ci sono due importanti aste per i titoli di Stato italiani: quella sui Btp 10 anni e quella sui Btp a 5 anni. I rendimenti dovrebbero essere in discesa, tuttavia è possibile che le recenti questioni relative a Mps possano far percepire il nostro Paese più a rischio rispetto a qualche mese fa dagli investitori. Dato economico fondamentale in arrivo dagli Usa alle ore 17:00 è quello sul petrolio: verrà reso noto, infatti, l’ammontare delle scorte.

Ieri c’è stata una chiusura negativa per il Ftse Mib, che ha lasciato sul terreno lo 0,78% a quota 19.239 punti. L’indice ha viaggiato per tutta la giornata intorno alla soglia della parità per poi peggiorare nel corso del pomeriggio, dopo l’apertura di Wall Street e chiudere vicino ai minimi della seduta. I volumi sono stati molto contenuti e sono stati pari a un terzo rispetto al normale andamento dell’anno. Particolarmente negativi i titoli bancari: Intesa Sanpaolo ha perso lo 0,88%, Unicredit l’1,20%, Banco Popolare e Banca Popolare di Milano arrivano a perdere quasi 3 punti percentuali. Ubi Banca perde il 3,5% e Carige addirittura oltre il 5%. In calo anche Telecom Italia dopo i rialzi degli scorsi giorni e in frazionale ribasso anche Mediaset (-0,77%). In luce Alcotel che dopo aver guadagnato nella precdente seduta oltre il 22%, ha chiuso con un rialzo del 16%.

Lo spread fra Btp e Bund ha chiuso in leggero ribasso a quota 162,8 punti base, mentre il rendimento del Btp italiano a 10 anni si attesta all’1,82%, invariato rispetto alla seduta precedente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori