Canone Rai 2016 in bolletta/ Oggi 12 maggio, ultime notizie e news. I chiarimenti di Savini (Agenzie Entrate) a Mi Manda Rai Tre

- La Redazione

Canone Rai 2016 in bolletta, le ultime notizie sulla novità riguardante l’imposta sulla tv che si paga direttamente con il conto telefonico. Le news sull’azienda pubblica televisiva

rai_cavallo_2_r439
Infophoto

Continuano a esserci diversi dubbi sul Canone Rai in bolletta, tanto più che si avvicina la data di scadenza per la presentazione della dichiarazione sostitutiva nel caso non si sia tenuti a pagare l’imposta. Anche oggi Paolo Savini, Direttore centrale Servizi ai contribuenti, è stato ospite della trasmissione Mi Manda Rai Tre per rispondere ad alcune domande arrivate dai telespettatori. Per esempio, è stato ricordato che deve pagare anche chi ha un contratto con la tv satellitare. O che nel caso in un’abitazione vi siano due contatori elettrici intestati a due persone diverse facenti parti dello stesso nucleo familiare, è sufficiente utilizzare la dichiarazione sostitutiva per pagare una sola volta l’imposta.

Con un editoriale pubblicato sul sito dell’Aduc, Vincenzo Donvito, Presidente dell’Associazione per i diritti degli utenti e dei consumatori affronta il tema della complessità del canone Rai in bolletta. Per buona parte dell’intervento (dall’eloquente titolo “Follia istituzionale che persevera al potere”), Donvito cita le tante domande e i “casi particolari” che si verificano per gli italiani di fronte alla nuova modalità di riscossione dell’imposta sulla tv. “Grazie Governo. Grazie Parlamento. Grazie ministero dell’Economia e Finanze. Grazie ministero dello Sviluppo Economico. Grazie Consiglio di Stato. Grazie Garante della Privacy. Grazie Agenzia delle Entrate. Avete proprio trovato un bel metodo per incassare – come voi sostenete – 400 milioni di euro in più che altrimenti sarebbero stati evasi”, scrive con evidente tono sarcastico Donvito. 

“Quanto vi costa tutto questo per pagare il servizio pubblico di informazione radiotelevisiva: i cachet degli showman e delle showgirl, e dei giornalisti, e degli autisti, e dei truccatori, e dei portieri, e delle persone delle pulizie, degli addetti a questo e a quest’altro, dei cameramen, degli addetti alle luci e agli allestimenti, degli ospiti eccezionali che fate venire anche dalle altre parti degli oceani per dare lustro alle vostre trasmissioni ecc. Grazie. Vorrei tanto essere un cittadino ligio al dovere e godere sereno dei diritti. Ma è difficile”, sono le parole conclusive dell’editoriale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori