MONTE DEI PASCHI DI SIENA/ Mps e i fondi Intesa per gli azionisti delle banche venete (oggi, 14 ottobre)

- Lorenzo Torrisi

Monte dei Paschi di Siena news. Mps e i fondi stanziati da Intesa Sanpaolo per alcuni azionisti delle banche venete. Ultime notizie live di oggi 14 ottobre 2017

mps_colonna_lapresse
Monte dei Paschi, Lapresse

100 MILIONI PER GLI AZIONISTI DELLE BANCHE VENETE

Come noto, Mps ha deciso di avviare un’offerta di scambio per dar vita al ristoro dei detentori dei bond subordinati Upper Tier 2 della banca che hanno già ricevuto delle azioni in cambio dei loro titoli. Per alcuni risparmiatori di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca, Intesa Sanpaolo ha deciso di stanziare 100 milioni di euro. Come ha spiegato il Ceo Carlo Messina, l’intenzione è quella di offrire un ristoro a coloro che hanno un reddito lordo inferiore ai 30.000 euro e un patrimonio mobiliare sotto i 15.000 euro (escluse le azioni delle due banche venete). Ogni cliente potrà avere fino a 15.000 euro in cinque anni attraverso un fondo monetario che potrà essere disinvestito e liquidato. Già 30.000 famiglie sono state preselezionate per questa operazione. Come spiega Il Sole 24 ore, i clienti potranno presentare domanda di adesione dal primo marzo al 31 maggio 2018.

COMMISSIONE BANCHE, AUDIZIONI AL VIA IL 17 OTTOBRE

La commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche comincerà le sue audizioni martedì 17 ottobre. L’ufficio di presidenza ha stabilito che l’attività di indagine inizierà dai casi più recenti per poi andare a ritroso nel tempo. Dunque, si partirà dalle crisi di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Il primo a parlare martedì, alle 13:30, sarà però il Sostituto procuratore generale presso la Corte di Cassazione Luigi Orsi. Questo perché prima di “entrare nel vivo” si vuol avere un quadro generale. Per lo stesso motivo, mercoledì 18, alle 13:00, in audizione ci sarà Francesco Greco, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Milano. Solo dopo, probabilmente anche a seguito di un’audizione con il ministro Pier Carlo Padoan, partirà l’attività di inchiesta.

Secondo il Movimento 5 Stelle, la Commissione dovrebbe seguire quattro filoni principali di indagine: Monte dei Paschi, le banche in crisi o in dissesto, l’attività di vigilanza e la gestione del debito sovrano. Nella relazione dei pentastellati presentata al Presidente Pier Ferdinando Casini si legge che  “nell’ambito di questi filoni d’inchiesta il Gruppo parlamentare del M5S propone la convocazione del ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, del governatore della Bce, Mario Draghi, del presidente della Consob, Giuseppe Vegas e il capo dipartimento della Vigilanza Bancaria e finanziaria della Banca d’Italia, Carmelo Barbagallo”. Inoltre, relativamente al caso di Montepaschi, i pentastellati vorrebbe ascoltare coloro che dal 2008 sono stati negli organi di amministrazione e controllo di Monte dei Paschi, Abn Amro, Banco Santander e Abbey National Treasury Service.

L’APPELLO DI BRUNO VALENTINI

Bruno Valentini chiede a chi è conoscenza di fatti rilevanti sulla morte di David Rossi, ex responsabile della comunicazione di Monte dei Paschi, di farsi avanti, “alla luce del sole, a viso aperto e senza omettere nulla nelle sedi preposte, come avrebbe potuto e dovuto fare da tempo”. Il Sindaco di Siena sembra rivolgere poi una critica al suo predecessore Piccini, quando dice che “qualsiasi comportamento diverso rientra nella condotta ambigua del dire e non dire, del pettegolezzo che niente aggiunge alla ricerca della verità e molto toglie alla rispettabilità della nostra città”. Il primo cittadino spiega anche che “delegittimare il lavoro della magistratura non è la strada per cercare la verità, ma un modo per aggiungere confusione e sospetti su una vicenda già di per sé complessa ed inquietante”. Valentini ha anche ricordato di aver chiesto più volte di far luce una volta per tutte su questo caso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori