MONTE DEI PASCHI DI SIENA/ Ultime notizie. Mps, 5 posti per apprendistato alta formazione (oggi, 5 ottobre)

- Lorenzo Torrisi

Monte dei Paschi di Siena news. Mps, cinque posti con contratto di apprendistato di alta formazione e ricerca. Ultime notizie live di oggi 5 ottobre 2017

mps_colonna_lapresse
Monte dei Paschi, Lapresse

BANDO PER 5 CONTRATTI DI APPRENDISTATO

Gli studenti iscritti ai corsi di laurea magistrale in Economia e gestione degli intermediari finanziari, Finance-Finanza, Management e governance, Ingegneria gestionale e Matematica dell’Università di Siena hanno la possibilità fino al 7 ottobre di presentare la propria candidatura per un bando relativo a cinque contratti di apprendistato di alta formazione e ricerca presso Mps. Il bando prevede un percorso di apprendistato di 12 mesi da svolgersi all’interno di funzioni che caratterizzano l’attività della Direzione generale della banca in base alle esigenze gestionali della stessa. Ogni studente selezionato avrà un piano formativo individuale e sarà seguito da un tutor accademico e da un tutor aziendale. Le competenze acquisite saranno valutate e attestate in termini di crediti formativi universitari direttamente dall’Università. Ulteriori informazioni sul bando sono disponibili cliccando qui.

INTERROGAZIONE DI RIZZETTO SUL CASO ROSSI

Continua a far discutere il caso della morte di David Rossi, ex responsabile della comunicazione di Monte dei Paschi. Elio Lannutti aveva chiesto alla Procura di Siena di riaprire le indagini dopo il servizio delle Iene in cui venivano mostrate le “anomalie” di questo caso che è stato giudicato come suicidio: una  conclusione che non convince solamente i familiari dell’uomo. Walter Rizzetto, infatti, sul suo profilo Facebook ha scritto di aver visto quanto mandato in onda dalla trasmissione di Italia 1 “e se già prima avevo dei dubbi, ebbene, sono stati fugati completamente”. Il deputato di Fratelli d’Italia ha anche annunciato di aver formulato una interrogazione al ministro della Giustizia, Andrea Orlando, su questa vicenda. Anche per Rizzetto occorre che la Procura di Siena riapra il caso.

“Non si può che provare sgomento dinnanzi al video trasmesso dal programma tv ‘Le Iene’ dove si vede David Rossi agonizzante prima della morte sotto gli occhi di persone non identificate e che ne hanno omesso l’immediato soccorso”. Per questo, dal suo punto di vista la magistratura dovrebbe acquisire il servizio mandato in onda e valutare di riaprire il caos. “Le inchieste giornalistiche hanno pubblicamente portato alla luce tutte le carenze di un’istruttoria che ha frettolosamente archiviato il caso come suicidio. In un Paese civile queste denunce di mala giustizia non possono restare senza risposte, anche per la famiglia di David che da anni porta avanti una battaglia per ottenere la verità”, ha aggiunto Rizzetto. Vedremo anche quale sarà la presa di posizione del ministro Orlando dopo l’interrogazione del deputato di FdI.

TORNA A GALLA L’ACQUISIZIONE DI ANTONVENETA

Ancora non è entrata nel vivo l’attività della commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche, ma secondo Matteo Orfini, che ne fa parte, è inimmaginabile comprendere quel che è accaduto a senza partire  dall’acquisizione di Antonveneta, avvenuta nel 2008. Di questa operazione ha parlato anche Claudio Costamagna, ospite della trasmissione Otto e mezzo in onda su La 7. Il Presidente della Cassa depositi e prestiti ha infatti definito folle l’acquisto di Antonveneta da parte di Monte dei Paschi, ma ha anche ricordato che la banca toscana negli anni successivi a erogato prestiti con una percentuale doppia rispetto al resto del sistema bancario. Costamagna ha anche detto che non si è pentito del contributo dato da Cdp al Fondo Atlante, già costato una svalutazione di 340 milioni di euro. Inoltre, ha evidenziato come le banche abbiano davanti a sé una sfida difficile per sopravvivere, visto che non occorre più avere tanti filiali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori