MONTE DEI PASCHI DI SIENA/ Mps sceglie Mediobanca come corporate broker (oggi, 7 ottobre)

- Lorenzo Torrisi

Monte dei Paschi di Siena news. Mps scegli come corporate broker Mediobanca, una vecchia conoscenza di Rocca Salimbeni. Ultime notizie live di oggi 7 ottobre 2017

mps_colonna_lapresse
Monte dei Paschi, Lapresse

MEDIOBANCA È CORPORATE BROKER

Mps ha deciso di conferire l’incarico di Corporate Broker a Mediobanca e Repubblica non può fare a meno di notare che si tratta di uno dei due advisor, insieme a Jp Morgan, di quell’operazione che alla fine dell’anno scorso non è andata in porto, ovvero l’aumento di capitale. È servito poi l’intervento pubblico per scongiurare il peggio. Andrea Greco, autore dell’articolo, non può fare a meno di ricordare che all’indomani di quella fallita ricapitalizzazione di mercato, i vertici di Montepaschi avevano avuto una reazione piuttosto dura:  “Un colosso che fa 40 miliardi di dollari di utili e in sei mesi e non ci trova un investitore da 500 milioni stupisce: per un po’ Jp Morgan e Mediobanca con Mps non lavoreranno”. Se la banca d’affari americana in effetti non si è più vasta nei dintorni di Siena, Mediobanca aveva già avuto in agosto il mandato di vendere a Quaestio e Cerved la piattaforma di recupero crediti Juliet. Ora piazzetta Cuccia avrà una prova importante davanti: il ritorno in Borsa di Mps.

PRONTA L’OFFERTA DI SCAMBIO PER I RISPARMIATORI

Monte dei Paschi ha diffuso una nota per comunicare l’intenzione di promuovere, a nome e per conto del Tesoro, un’offerta pubblica volontaria parziale di scambio rivolta a quanti hanno ricevuto azioni della banca toscana in seguito alla conversione dei bond subordinati Upper Tier 2 in loro possesso. Ai piccoli risparmiatori che aderiranno andranno obbligazioni senior della banca. Tuttavia la nota contiene un elemento interessante. Ovvero, dato che sono stati stanziati poco più di 1,5 miliardi di euro per questa operazione, se tutti gli aventi diritto aderissero all’offerta, non tutte le azioni potrebbero essere convertite. Quindi ogni aderente potrebbe doversi trovare nella condizione di non poter convertire il 25% delle azioni in suo possesso. I risparmiatori interessati faranno quindi bene a leggere il documento di offerta. Un altro elemento interessante che si deduce dalla nota è che il Tesoro, in caso di adesione integrale all’offerta, salirà al 67,76% del capitale di Monte dei Paschi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori