Bonifico istantaneo/ Da domani 21 novembre soldi subito disponibili: Facebook e Amazon “spaventano” le banche

- Niccolò Magnani

Bonifico istantaneo: cos’è, come funziona il servizio che da domani 21 novembre 2017 permetterà invio e ricezioni di soldi disponibili in soli 10 secondi e per 24 ore al giorno

Euro_banconote_monete_lapresse
LaPresse

Perché le banche hanno deciso di lanciare il bonifico istantaneo? La risposta, come per molte questioni, è sui social. In Europa sono sbarcati i pagamenti via Facebook: proprio mentre l’Italia scopre il bonifico istantaneo, arriva nel Regno Unito – e così poi nel resto del Vecchio Continente – la possibilità di mandare denaro ad amici o a un negozio direttamente da Messenger. Dove sta la novità? Il pensiero vola infatti a Satispay, Transferwise e Moneyfarm. La tecnologia innovativa però non è sufficiente per diventare leader di mercato. L’evoluzione è in atto: Facebook permette di inviare fino a 2500 sterline per transazioni, 10mila al mese, in Cina c’è WeChat, mentre Alibaba dal 2015 offre prestiti ai suoi clienti analizzando i loro consumi online. Amazon invece offre credito alle imprese che usano la piattaforma come magazzino e vetrina. Per ora il cambiamento non è rivoluzionario, perché le app che semplificano i pagamenti si appoggiano sull’ossatura di vecchi istituti o dei circuito delle carte di credito. (agg. di Silvana Palazzo)

DA DOMANI 21 NOVEMBRE SOLDI DISPONIBILI IN 10 SECONDI

Da domani 21 novembre 2017 grande rivoluzione nel settore banche e instant payment: con il bonifico istantaneo sarà possibile inviare soldi con disponibilità in soli 10 secondi: in tutta l’Eurozona, e quindi Italia compresa, la novità del pagamento immediato arriva a cascata per tutti i singoli cittadini privati che da domani effettueranno un bonifico verso altri privati o aziende. Iò nuovo metodo di pagamento ultraveloce avverrà in pochissimi e semplici passaggi: la somma sarà prelevata dal conto di addebito e disponibile su quello del beneficiario in un tempo da record, solo 10 secondi, con bonifici di questo tipo che potranno essere eseguiti 24 ore al giorno 365 giorni l’anno, dunque sempre. Come riporta Teleborsa, «la somma massima che si potrà trasferire sarà 15 mila euro, mentre per quanto riguarda i costi, potrà essere applicata una tariffa differenziata decisa dall’istituto di credito». Attenzione però alle sorprese che arrivano con la nuova regolamentazione nell’Eurozona: il bonifico istantaneo non sarà revocabile e soprattutto si dovrà pagare una piccola commissione non solo come di consueto all’invio del denaro, ma anche quando si riceve.

LE BANCHE CHE OFFRIRANNO SUBITO L’INSTANT PAYMENT

I nuovi bonifici istantanei, per decisione dell’Eurozona, potranno essere scambiati e inviati all’interno di tutti i 34 Paesi dell’Europa, ovvero l’area SEPA (Single Euro Payments Area). Il progetto è fortemente caldeggiato dalla Bce e supportato dai maggiori istituti bancari e finanziari d’Europa: in Italia, a caldeggiarlo sono stati Intesa San Paolo, Unicredita e Banca Sella. Ebbene, come riporta ancora Teleborsa, sono 18 le prime società che offriranno per prime il servizio del bonifico istantaneo (ma cresceranno nei prossimi mesi quasi certamente a 50 istituti di credito): Intesa San Paolo e Unicredit, ma verrà compresa la controllata in Germania Unicredit Bank AG, meglio nota come Hypovereinsbank, oltre al gruppo Banca Sella. Attenzione al passaggio delle commissioni, come vedevamo qui sopra: la commissione infatti del nuovo bonifico sarà leggermente più alta di un normale bonifico, ma sarà comunque più bassa di un invio urgente: «nessun costo aggiuntivo invece per i beneficiari. Occorrerà però fare attenzione nell’eseguire la transazione: a differenza di quanto avviene normalmente, anche in ragione della rapidità del trasferimento, non sarà possibile revocare l’ordine e la somma accreditata al ricevente sarà immediatamente utilizzabile», sottolinea Qui Finanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori