Cedolare secca contratti di affitto breve/ La tassa Airbnb scatta dal 1 giugno: imposta al 21%

- Lorenzo Torrisi

Tassa AirBnb, scatta la cedolare secca al 21% sui contratti di affitto breve inferiore ai 30 giorni. Per gli intermediari adempimenti importanti. Cosa cambia dal 1 giugno 2017

Smartphone_cellulare_lapresse
Lapresse

Da domani scatta una nuova tassa sul contratto di affitto breve, ovvero per periodi inferiori ai 30 giorni. La manovra correttiva ha infatti introdotto la cedolare secca al 21% per questa tipologia di locazione. Da notare che l’imposta si applica per affitti stipulati tra persone fisiche sia in maniera diretta che tramite agenzie immobiliari o portali online che offrono servizi di questo tipo, come Airbnb o Booking. Tale imposta sostituisce quindi quella che normalmente andrebbe versata con la dichiarazione dei redditi. Per i proprietari di immobile che dovessero affittare tramite agenzie o intermediari online è utile sapere che toccherà a questi ultimi occuparsi degli adempimenti relativi a questa norma. Dovranno quindi trasmettere i dati relativi ai contratti stipulati e, nel caso siano loro a incassare il canone di locazione, dovranno agire come sostituti di imposta e provvedere a trattenere e versare l’imposta. In caso di mancato adempimento sono previste multe fino a 2.000 euro. Di fatto, quindi, aumentano gli adempimenti da svolgere per gli intermediari, che dovranno anche fornire a fine anno la Certificazione unica a chi affitta, così da segnalare gli importi percepiti e le trattenute effettuate. Vedremo se questa novità della manovra correttiva influirà, e in che modo, sul mercato degli affitti brevi, anche a livello di costi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori