BITCOIN/ Diventerà una “vera” moneta, ecco come

Bitcoin, ultime notizie di oggi sulla criptovaluta: la risposta ai dubbi delle banche d’affari, come Merrill Lynch, con Tenx, la carta che può renderla una “vera” moneta. Gli aggiornamenti

29.07.2017 - Silvana Palazzo
bitcoin_pixabay
Come dichiarare i Bitcoin

Nonostante i progressi e il grande successo che riscuote tra gli investitori, il Bitcoin continua a destare qualche perplessità a livello di sicurezza. Le ha rivelate Bank of America Merrill Lynch, secondo cui la validità di questa criptovaluta deve misurarsi anche su altri due parametri: liquidità e rendimento. Per Francisco Blanch, analista capo per le commodity della banca d’affari il Bitcoin non vanta questi attributi, a dispetto dell’entusiasmo che mostra il mercato. Il parametro più problematico dei tre resta quello della sicurezza, perché non c’è un’autorità centrale di controllo, quindi il Bitcoin è vulnerabile rispetto a potenziali attacchi hacker, furti d’identità digitale e frodi varie. Dopo aver triplicato il suo valore, il Bitcoin ha registrato ampie variazioni di prezzo, attestandosi a 2500 dollari circa. E ciò rappresenta un ostacolo ad una piena credibilità, perché mostra una natura ancora instabile. Il nodo volatilità è strettamente legato all’aspetto della sicurezza.

BITCOIN, LE ULTIME NOTIZIE SULLA CRIPTOVALUTA

TENX, LA CARTA CHE PUÒ RENDERLA UNA “VERA” MONETA

Il Bitcoin ha poi per Francisco Blanch un problema di liquidità, cioè di disponibilità sul mercato. Da non sottovalutare neppure la questione dei rendimenti, visto che non si può correlare con altre valute, metalli preziosi e bond. Il Bitcoin guadagnerebbe credibilità, se venisse riconosciuta ufficialmente dalle banche. Una risposta ai problemi fin qui sollevati potrebbe darla Tenx, la carta di debito che farà pagare in Bitcoin. La criptovaluta così potrà essere usata nella vita di tutti i giorni: la startup, che ha sede a Singapore, vuole risolvere così il nodo della scarsa integrazione con la quotidianità. La carta sarà una Visa e potrà essere usata come tutte le carte di debito con la differenza che la spesa verrà addebitata in Bitcoin, mentre il commerciante verrà pagato con la valuta locale. Tenx tratterrà il 2% di ogni transazione, ma non applicherà ulteriori commissioni. Come riportato da Wired, finora la startup ha ricevuto diecimila richiesta per la nuova carta. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori