MONTE DEI PASCHI/ Mps, in Borsa torna sotto i 4 euro ad azione (oggi, 16 gennaio)

- Lorenzo Torrisi

Monte dei Paschi di Siena news. Mps in Borsa chiude sotto quota 4 euro. Il post di Antonino Monteleone dopo l’assoluzione di Antonella Tognazzi. Ultime notizie live di oggi 16 gennaio 2018

mps_colonna_lapresse
Monte dei Paschi, Lapresse

IN BORSA TORNA SOTTO I 4 EURO

Mps chiude in Borsa con un calo dell’1,4%, che porta il titolo sotto la soglia dei 4 euro ad azione. Nella giornata di ieri è arrivata la sentenza che ha assolto Antonella Tognazzi, vedova di David Rossi, e Davide Vecchi dall’accusa di violazione della privacy. In aula era presente anche Antonino Montelone, autore di alcuni servizi delle Iene che hanno riacceso i riflettori sul caso della morte dell’ex responsabile comunicazione di Montepaschi avvenuta quasi 5 anni fa. Sulla sua pagina Facebook il giornalista ha evidenziato come Antonella Tognazzi abbia dovuto subire un processo quando ancora “si porta dentro il dolore per una versione dei fatti colma di lacune a causa di gravi omissioni investigative” circa la morte del marito. Il post è accompagnato dalle foto di un abbraccio tra Tognazzi, visibilmente in lacrime, e Monteleone, che il giornalista commenta così: “Le lacrime di Antonella Tognazzi sono la liberazione dopo due anni di gogna. L’abbraccio è nostro de Le Iene e anche vostro che gli siete stati vicini in questi mesi. Forza!”.

LA RISPOSTA ABI ALL’UE SUI CREDITI DETERIORATI

Con un calo dello 0,2%, Mps in Borsa riesce comunque a restare sopra la soglia dei 4 euro ad azione. Secondo quanto riportato da Milano Finanza, l’Abi in risposta alla consultazione relative alle proposte della Commissione europea sulla svalutazione dei crediti deteriorati derivanti da nuovi prestiti ha evidenziato che essere potrebbero avere effetti distorsivi sull’allocazione efficiente delle risorse e sulla crescita economica. Su quest’ultimo punto, in particolare, è stato fatto notare che ci potrebbe essere un aumento del tasso sui prestiti ai clienti, anche per via degli accantonamenti richiesti. Le banche avrebbero meno incentivi a massimizzare i recuperi, mentre i clienti avrebbero convenienza a rimandare il rimborso del prestito. Potrebbe perciò generarsi un circuito negativo, specie per quelle banche come Montepaschi che stanno cercando di ripartire dopo un periodo difficile.

ASSOLTI DAVIDE VECCHI E ANTONELLA TOGNAZZI

Nelle ultime settimane stanno tenendo banco, rispetto al tema Mps, le notizie riguardanti le filiali delle banca toscana che chiuderanno i battenti entro la fine del mese in applicazione del piano di ristrutturazione approvato la scorso anno con il placet delle autorità europee. Ieri è però arrivata una notizia che riaccende un caso collegato alle vicende di Montepaschi, il caso David Rossi. Dal Tribunale di Siena, dove si è svolto il processo contro Davide Vecchi, giornalista del Fatto Quotidiano, e Antonella Tognazzi, vedova dell’ex responsabile comunicazione di Mps, è arrivata la sentenza di assoluzione con formula piena. I due erano accusati di violazione della privacy per la pubblicazione delle mail che Rossi si era scambiato con l’allora amministratore delegato di Rocca Salimbeni, Fabrizio Viola. Dal pubblico ministero era arrivata la richiesta di una condanna di nove mesi per il giornalista e di sei mesi per la donna. Il giudice ha però ritenuto che il fatto non sussiste.

Toscanamedianews.it riporta alcune dichiarazioni di Antonella Tognazzi, che è anche scoppiata in lacrime a seguito della sentenza: “Ho vissuto il processo come un accanimento nei miei confronti.  Il pianto è stato uno sfogo dopo la rabbia repressa in questi due anni. Sapevo benissimo di non aver fatto niente, anzi, di essermi sempre e solo resa disponibile per la procura e invece mi sono trovata nel paradosso di dovermi difendere da chi doveva rendermi giustizia”. È noto infatti che la donna non ritiene, come altre persone al di fuori dell’ambito familiare, che David Rossi si sia suicidato e, tramite consulenti legali, ha anche evidenziato alcuni punti non del tutto chiari nelle ricostruzioni fatte dagli inquirenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori