MONTE DEI PASCHI DI SIENA/ Mps, in Borsa chiude sotto i 3,9 euro ad azione (oggi, 19 gennaio)

- Lorenzo Torrisi

Monte dei Paschi di Siena news. Mps in Borsa chiude sotto quota 3,9 euro ad azione. Nuova lettera del Comune di Coreglia Antelminelli. Ultime notizie live di oggi 19 gennaio 2018

mps_colonna_lapresse
Monte dei Paschi, Lapresse

IN BORSA CHIUDE SOTTO I 3,9 EURO

Mps chiude la giornata in Borsa con un calo dello 0,3% e dunque termina la settimana sotto la soglia dei 3,9 euro. L’amministrazione comunale di Coreglia Antelminelli ha inviato una nuova lettera a Montepaschi, visto che non è pervenuta alcuna risposta alla prima. Il Comune, si legge su luccaindiretta.it, invita ancora una volta la banca a ritornare sui propri passi circa la volontà di chiudere lo sportello presente in paese. “La Regione è intenzionata a venire incontro ad una esigenza di territori fragili e complessi, quelli montani come il nostro, salvaguardando la presenza di istituti di credito. È proprio in virtù di questo alto impegno, volto a proseguire con forza a tutti i livelli istituzionali l’obiettivo della salvaguardia dei servizi, che vi chiediamo un ripensamento o comunque una dilazione del provvedimento affinché sia dato modo alla Regione di espletare la propria azione. La cittadinanza è esasperata, a noi compete dare loro ascolto e voce. Lo facciamo in maniera civile ma credeteci molto determinata”, è scritto nella missiva.

AUMENTO DI CAPITALE PER WIDIBA

Mps in Borsa perde lo 0,2% e scende così sotto la soglia dei 3,9 euro ad azione. Widiba, la banca online del gruppo Montepaschi, ha portato a termine un aumento di capitale (da 100 a 170 milioni di euro) che è stato sottoscritto interamente dalla sua controllante. Secondo quanto riporta Citiwire.it, l’operazione è stata compiuta con la sottoscrizione di nuove azioni ordinarie della società. Di Widiba, la cui rete viene ritenuta dalla Bce una struttura “sistemica” facente parte del sistema bancario italiano, parla anche finanzareport.it, visto che una lettrice ha chiesto lumi in quanto il suo conto Mps è stato trasferito a Widiba e lei vorrebbe rientrare in Montepaschi senza dover chiudere il conto e aprirne uno nuovo. Anche altri clienti di Mps sono stati trasferiti a Widiba a dicembre e, viene spiegato nella risposta di Carmelo Catalano, si tratta di un’operazione legittima, che non dovrebbe comportare variazioni nelle condizioni economiche già applicate al conto presso Mps.

LA VERIFICA DEL CDA SU CONSIGLIERI E SINDACI

Il consiglio di amministrazione di Mps ha effettuato una verifica della sussistenza dei requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza dei consiglieri e dei sindaci eletti in occasione dell’assemblea dei soci dello scorso 18 dicembre. In un comunicato si legge che in particolare sono stati verificati i requisiti di indipendenza per Giuseppina Capaldo, Maria Elena Cappello, Marco Giorgino, Fiorella Kostoris, Roberto Lancellotti, Nicola Maione, Stefania Petruccioli, Angelo Riccaboni, Michele Santoro e Giorgio Valerio. Inoltre, sono stati esaminati anche i rapporti creditizi riconducibili ai consiglieri ritenuti indipendenti. “Si precisa che il Presidente del Consiglio di Amministrazione Stefania Bariatti e il Consigliere Salvatore Fernando Piazzolla, in conformità a quanto dagli stessi dichiarato, sono stati ritenuti indipendenti ai sensi del TUF, ma non ai sensi del Codice di Autodisciplina e, quindi, non sono stati valutati come indipendenti ai sensi dello Statuto della Banca”, si legge nel comunicato. Dunque “il Consiglio di amministrazione si conferma quindi composto in maggioranza da amministratori indipendenti. Sono stati altresì verificati i requisiti di professionalità e onorabilità e l’indipendenza dei membri del Collegio Sindacale, in conformità a quanto previsto ai sensi della normativa vigente”.

Montepaschi ha anche comunicato il calendario degli eventi societari del 2018. Il 9 febbraio il cda approverà i risultati di bilancio 2017 e il 1° marzo esaminerà il progetto di bilancio che sottoporrà poi all’assemblea dei soci il 12 aprile. Il 10 maggio verranno approvati i dati del primo trimestre del 2018, il 7 agosto quelli del secondo trimestre e il 9 novembre quelli del terzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori