Spesometro 2018/ Invio delle fatture semplificato e proroga in arrivo: tutte le novità

- Silvana Palazzo

Spesometro 2018, invio delle fatture semplificato e proroga in arrivo: tutte le novità, le ultime notizie e gli aggiornamenti sul provvedimento ufficializzato dall’Agenzia delle Entrate

agenziaentrate_finanza_lapresse_2017
Lapresse

L’Agenzia delle Entrate ha dato l’ufficialità: arriva lo Spesometro semplificato per l’invio delle fatture elettroniche. E con una nota ha sintetizzato le novità previste. Per le fatture di importo inferiore ai 300 euro è prevista una comunicazione riepilogativa, niente dati in dettaglio. In questo caso sarà facoltativo compilare i dati anagrafici di dettaglio delle controparti: sarà possibile comunicare solo i dati del documento riepilogativo registrato, anziché i dati dei singoli documenti. I contribuenti che hanno usato il software di mercato per la predisposizione della comunicazione del primo semestre 2017 e non intendono modificarlo potranno continuare a compilare la comunicazione secondo le regole tecniche previdenti. Ma le nuove semplificazioni potranno essere usate anche per l’invio di comunicazioni integrative di quelle errate riferite al primo semestre 2017. In arrivo anche due nuovi software di controllo e compilazione per semplificare l’adempimento e limitare scarti di comunicazione dovuti a errori in fase di compilazione. Saranno gratuiti e si aggiungeranno ai servizi disponibili già nel portale “Fatture e Corrispettivi” del sito internet dell’Agenzia.

SPESOMETRO 2018, LE NOVITÀ SULLA SEMPLIFICAZIONE

Le novità previste con la semplificazione dello Spesometro non finiscono qui. Stando a quanto previsto dalla bozza, i termini per l’invio della comunicazione vengono allineati a quelli della comunicazione obbligatoria. Anche chi esercita l’opzione potrà decidere se inviare con cadenza trimestrale o semestrale le comunicazioni delle fatture relative alle operazioni di quest’anno. La scadenza del 28 febbraio per la comunicazione dei dati delle fatture del secondo semestre dell’anno scorso è stata spostata al sessantesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del provvedimento definitivo, consentendo così agli operatori di usufruire di un periodo di consultazione delle nuove regole e garantendo il rispetto delle norme dello Statuto del Contribuente. La semplificazione della procedura è frutto del tavolo istituito dal ministero dell’Economia e coordinato dal viceministro Luigi Casero, dopo l’esame delle nuove norme relative all’invio dei dati delle fatture. La semplificazione delle comunicazioni, inoltre, segue le indicazioni del direttore delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, fornite alla Commissione Finanze della Camera nel corso di un’audizione dell’ottobre scorso per rendere light lo spesometro e semplificare così le operazioni e le procedure per imprese e intermediari.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori