FINANZA E POLITICA/ Le tre E per raggiungere la vera ripresa

- Alfonso Ruffo

Più di tre anni fa venne realizzato un documento, chiamato il Manifesto delle 3E, con indicazioni molto utili all’inizio di un 2018 con non poche incertezze. ALFONSO RUFFO

operai_turbina_industria_lapresse
Lapresse

Nel giugno del 2014 un gruppo di accademici, imprenditori e giornalisti (non ve ne scappate, abbiate la pazienza di seguire) accettò l’invito del Denaro e della Fondazione Matching Energies di vedersi a Ischia in un lungo fine settimana per confrontarsi e riassumere in un documento le loro idee su come favorire la crescita del Paese e del Mezzogiorno. Ne venne fuori un Manifesto che battezzammo delle 3E perché concordammo sul fatto che solo agendo insieme sui tasti dell’Economia, dell’Etica e dell’Estetica si sarebbe potuto creare quel poco di energia vitale utile a venir fuori da una crisi che al tempo sembrava non dovesse finire mai. Tre sfere da far muovere all’unisono per uscire dallo stallo e dalla rassegnazione.

All’incontro parteciparono una quarantina di persone sotto il coordinamento di quattro amici autorevoli come Domenico De Masi, Luigi Nicolais, Dominick Salvatore e Paolo Savona. Il documento fu poi sottoscritto e condiviso da un paio di centinaia di lettori che hanno continuato a seguire nel tempo i convegni e i seminari che ne scaturirono.

All’inizio di un anno che appare critico per le sorti dell’Italia – continueremo a crescere? ci fermeremo? torneremo indietro? – vale la pena di rispolverare quei principi e quei suggerimenti se non altro come cornice dentro la quale collocare le azioni concrete da sviluppare per raggiungere l’obiettivo condiviso di alimentare il benessere di imprese e famiglie.

Sul fronte dell’Economia, il Manifesto suggerisce di agire sulle due leve delle esportazioni e delle costruzioni. Nel primo caso le politiche dei governi che si sono succeduti hanno fornito un contributo importante. Nel secondo si è fatto assai poco e, anzi, la normativa che avrebbe dovuto rilanciare il settore – il codice degli appalti – ha funzionato tragicamente da freno.

La dimensione Estetica funziona su di un doppio binario: attribuisce ai beni e ai servizi “un valore economico aggiuntivo rispetto a quello sostanziale” (ribadendo in pratica la forza del Made in Italy) e conferisce decoro “inteso come presa di coscienza del proprio valore e come difesa della propria identità”. Insomma, il bello e consapevole come guida sicura alle nostre scelte.

L’Etica gioca sul piano dei bisogni quantitativi di ricchezza e di potere e su quello dei bisogni qualitativi di amicizia, gioco e convivialità la cui soddisfazione non ha neanche ricadute di carattere venale. Qualità, prevedibilità e affidabilità “rappresentano il valore massimo del lavoro e dei suoi prodotti”. “Essere galantuomini torna ad essere un vantaggio competitivo”.

Per garantire il risultato atteso di una mobilità sociale basata su merito, qualità ed eguaglianza di opportunità e tutele – questo l’assunto – e attaccare con decisione il male della disoccupazione, soprattutto giovanile, che è alla base della maggiore insoddisfazione sociale, occorre avere l’abilità di non dimenticare nessun passaggio perché l’uno è funzionale all’altro.

Distillata per Napoli, ma valida per l’intero territorio nazionale, la raccomandazione finale invitava a guardarsi da quindici difetti capitali: pressappochismo, infantilismo, incompetenza, arroganza, familismo, clientelismo, rozzezza, trasformismo, provincialismo, disfattismo, sospetto, dietrologia, irriconoscenza, individualismo, rassegnazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori