BORSA ITALIANA OGGI/ Chiusura a -0,13%, Buzzi a -4,2% (5 dicembre 2018)

Borsa italiana news. Piazza Affari chiude in lieve calo. Tra i titoli in rialzo si fa notare Diasorin. Male Buzzi che cede oltre il 4%. Gli aggiornamenti sulle azioni più importanti

05.12.2018, agg. alle 17:42 - Lorenzo Torrisi
mercati_borsa_trader_crollo_lapresse_2018
Lapresse

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in calo dello 0,13% e sul listino principale troviamo in rialzo A2A (+0,4%), Atlantia (+0,42%), Banco Bpm (+0,79%), Bper (+1,86%), Campari (+0,87%), Diasorin (+3,58%), Enel (+0,67%), Fineco (+1,44%), Intesa Sanpaolo (+0,8%), Italgas (+1,26%), Mediobanca (+0,21%), Moncler (+2,01%), Poste Italiane (+1,32%), Snam (+0,59%), Telecom Italia (+0,35%), Terna (+0,58%), Ubi Banca (+1,75%), Unicredit (+1,18%) e UnipolSai (+0,73%). Azimut, invece, chiude la seduta in parità. I ribassi più ampi sono quelli di Banca Generali (-0,95%), Buzzi (-4,2%), Cnh Industrial (-0,93%), Eni (-0,86%), Exor (-1,54%), Fca (-1,55%), Ferrari (-1,88%), Generali (-0,84%), Leonardo (-1,07%), Prysmian (-2,18%), Saipem (-1,65%), Stm (-3,24%) e Tenaris (-1,89%). Fuori dal listino principale Trevi chiude con un +16,79%, mentre Visibilia cede l’8,48%. Il cambio euro/dollaro si attesta a quota 1,135, mentre lo spread tra Btp e Bund scende sotto i 280 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:50

La Borsa italiana si trova in sostanziale pareggio (+0,02%) e sul listino principale troviamo in rialzo A2A (+1,1%), Atlantia (+0,5%), Banco Bpm (+1,3%), Bper (+2,6%), Brembo (+0,4%), Campari (+1,1%), Cnh Industrial (+0,3%), Diasorin (+3,3%), Enel (+1%), Fineco (+1,6%), Intesa Sanpaolo (+0,8%), Italgas (+1,7%), Mediaset (+0,3%), Mediobanca (+0,6%), Moncler (+3%), Pirelli (+0,3%), Poste Italiane (+1%), Recordati (+0,4%), Snam (+1,3%), Telecom Italia (+0,7%), Terna (+0,9%), Ubi Banca (+1,9%), Unicredit (+1,3%) e UnipolSai (+0,9%). Azimut e Banca Mediolanum, invece, si trovano in parità. I ribassi più ampi sono quelli di Buzzi (-3,7%), Eni (-1,3%), Exor (-1,5%), Fca (-1,5%), Ferrari (-2,2%), Generali (-0,8%), Leonardo (-1,2%), Prysmian (-2,2%), Saipem (-1,7%), Stm (-1,8%) e Tenaris (-1,7%). Fuori dal listino principale Trevi sale del 19,3%, mentre Visibilia cede il 7,3%. Il cambio euro/dollaro resta sotto quota 1,135, mentre lo spread tra Btp e Bund scende sotto i 281 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 10:25

La Borsa italiana cede lo 0,7% e sul listino principale troviamo in rialzo A2A (+0,7%), Campari (+2,5%), Cnh Industrial (+0,3%), Diasorin (+1,4%), Enel (+0,1%), Fineco (+0,3%), Italgas (+0,8%), Moncler (+0,1%), Pirelli (+0,3%) e Terna (+0,1%). Brembo, invece, si trova in parità. I ribassi più ampi sono quelli di Azimut (-0,9%), Bper (-1,3%), Buzzi (-2,3%), Eni (-1,4%), Exor (-1%), Fca (-1,2%), Ferragamo (-0,8%), Ferrari (-0,9%), Generali (-1%), Intesa Sanpaolo (-0,9%), Leonardo (-1%), Poste Italiane (-0,8%), Prysmian (-1,4%), Saipem (-2,1%), Stm (-1,9%), Tenaris (-1%), Unicredit (-1,2%), Unipol (-1,5%) e UnipolSai (-1%). Fuori dal listino principale Juventus sale del 4,9%, mentre Biancamano cede il 3,8%. Il cambio euro/dollaro si trova sotto quota 1,135, mentre lo spread tra Btp e Bund scende a 286 punti base.

PIAZZA AFFARI OGGI SENZA WALL STREET

La giornata macroeconomica odierna sarà scandita principalmente dagli indici PMI dei servizi (mese di novembre) che verranno diffusi in mattinata con riferimento a Italia, Germania, Francia e Gran Bretagna. Lo stesso dato sarà diffuso anche a livello europeo, insieme al PMI composito. In mattinata verrà resa nota anche la produzione industriale spagnola relativa al mese di ottobre. Non ci saranno invece dati dagli Stati Uniti, dove tra l’altro Wall Street resterà chiusa nel giorno di lutto nazionale per la morte dell’ex Presidente George Bush. In giornata ci saranno anche emissioni di titoli di Stato in Spagna e in Grecia.

Ieri Piazza Affari ha chiuso in calo dell’1,37% a 19.353 punti. Pochi i titoli che sul listino principale hanno chiuso in rialzo, tra cui l’ultimo arrivato sul Ftse Mib, Diasorin (+0,5%). Chi ha fatto meglio è stata Campari con un +0,8%. Tra i ribassi, hanno perso più del 2% Azimut, Brembo, Buzzi, Cnh Industrial, Intesa Sanpaolo, Leonardo, Moncler, Pirelli, Prysmian, Stm, Ubi Banca e Unicredit. Lo spread tra Btp e Bund è arrivato poco sotto i 290 punti base.