Fattura elettronica obbligatoria/ Si parte anche dai benzinai. Via libera Ue per evitare evasione Iva

- Lorenzo Torrisi

La fatturazione elettronica obbligatoria arriva in Italia. Il nostro Paese, infatti, è stato autorizzato dall’Ue per contrastare l’evasione dell’Iva. Coinvolti anche i benzinai

agenziaentrate_finanza_lapresse_2017
Lapresse

FATTURA ELETTRONICA OBBLIGATORIA AL VIA

La fatturazione elettronica obbligatoria arriva in Italia. Il nostro Paese, infatti, è stato autorizzato dall’Ue “a introdurre la ‘misura speciale di deroga’ agli articoli 218 e 232 della direttiva 2006/112/Ce relativa al sistema comune dell’Iva”. A questo punto, per la misura introdotta con la legge di Bilancio 2018 relativa all’obbligo di fatturazione tra i privati, arriva anche il semaforo verde europeo. L’autorizzazione europea ha effetto dal 1° luglio 2018 al 31 dicembre 2021. Se lo ritenesse necessario, l’Italia potrà chiedere una proroga della deroga, estendendone la durata. “Fisco Oggi”, la rivista telematica dell’Agenzia delle Entrate, fa quindi sapere che “per l’omissione della fattura elettronica tra privati si applica la sanzione amministrativa prevista in caso di violazione degli obblighi relativi alla documentazione, registrazione e individuazione delle operazioni soggette a Iva (dal 90 al 180% dell’imposta, con un minimo di 500 euro ovvero in misura fissa, da 250 a 2mila euro, se la violazione non incide sulla corretta liquidazione del tributo)”.

FATTURA ELETTRONICA OBBLIGATORIA, SI PARTE ANCHE DAI BENZINAI

Va detto che sono esonerati “dall’obbligo della fatturazione elettronica coloro che applicano il regime forfetario (cfr articolo 1, commi da 54 a 89, legge 190/2014) o il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità (cfr articolo 27, commi 1 e 2, Dl 98/2011)”. Fisco Oggi fa sapere che l’introduzione della fatturazione elettronica obbligatoria è anticipata al 1° luglio 2018 per le fatture relative: alle cessioni di benzina o di gasolio destinati a essere utilizzati come carburanti per motori; alle prestazioni rese da soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese, nel quadro di un contratto di appalto di lavori, servizi o forniture stipulato con una pubblica amministrazione”. Quindi i benzinai saranno tra coloro che dovranno attrezzarsi per tempo per evitare le sanzioni. L’obiettivo principale della fatturazione elettronica obbligatoria è, come si può immaginare, cercare di contrastare l’evasione dell’Iva, oltre che cercare di semplificare il sistema di riscossione delle imposte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori