SPREAD & MERCATI/ Il gioco sporco della Germania e le balle sul debito

- Giovanni Passali

Lo spread, i risparmi, il debito sono state ragioni addotte per bloccare la nascita del Governo Conte. Sul differenziale tra Btp e Bund GIOVANNI PASSALI ha più di un’osservazione da fare

Trader_Borsa_pensieroso_Lapresse
(LaPresse)

Dopo il no del presidente Mattarella al nascente governo Conte, in particolare il no al professor Savona come ministro per l’Economia, vi sono mille considerazioni da fare e che i politici dei maggiori partiti stanno già facendo. Io però, dopo aver ascoltato le motivazioni di Mattarella, vorrei porre l’accento su alcuni punti in particolare, punti di natura economica citati dallo stesso Capo dello Stato. La prima impressione che ho avuto, dopo le sue parole, è stata di un grande sconcerto, poiché Mattarella ha addotto motivazioni di natura economica (l’aumento dello spread e il calo delle Borse) che possono certamente essere motivo di preoccupazione, ma non fino al punto di negare la formazione di un governo che in parlamento avrebbe certamente avuto la maggioranza. Le motivazioni di tipo economico e finanziario non sono certo di competenza del Presidente della Repubblica. Oltretutto, non essendo la sua materia, rischia di prendere delle cantonate, come in effetti è avvenuto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori