PIRELLI/ Dal Cda nuove “munizioni” finanziarie per aiutare la crescita

- La Redazione

Il Consiglio d’amministrazione ha riportato a 1 miliardo di euro l’autorizzazione a emettere obbligazioni per cogliere, tempestivamente, nuove finestre di mercato favorevoli alla crescita. 

gomme_pirelli_formula_1_lapresse_2017
Streaming Formula 1 - Lapresse

PIRELLI. Il Consiglio d’amministrazione della Pirelli ha riportato a 1 miliardo di euro l’autorizzazione ad emettere obbligazioni che era stata data a dicembre 2017 ed era stata utilizzata nella misura di 200 milioni. Ora, il gruppo potrà emettere – entro il 31 dicembre 2019 – uno o più prestiti obbligazionari di nuova emissione da collocare presso investitori istituzionali, appunto, fino a un importo massimo di 1 miliardo di euro.

Le eventuali emissioni consentiranno di cogliere, tempestivamente, favorevoli finestre di mercato e avverranno nell’ambito del programma EMTN (Euro Medium Term Note) da complessivi 2 miliardi di euro, adottato in data 21 dicembre 2017. A oggi i prestiti obbligazionari già emessi a valere su tale programma ammontano complessivamente a 800 milioni di euro.

Il Cda ha inoltre deliberato la sottoscrizione di un finanziamento della categoria “Schuldschein” con scadenze fino a 7 anni. Quest’operazione è destinata a rimborsare debito esistente, ottimizzandone ulteriormente la struttura e controllandone il costo in un contesto di mercato del credito volatile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori