FCA AI SINDACATI/ Nove modelli verranno prodotti in Italia. Ma non si sa quali

La direzione di Fca ha incontrato i sindacati, spiegando che nove degli undici modelli previsti nel piano industriale saranno prodotti in Italia. Non si sa però quali

11.07.2018 - Bruno Zampetti
lavoro_operaio_1_fabbrica_auto_lapresse_2017
Lapresse

FCA, NOVE MODELLI VERRANNO PRODOTTI IN ITALIA

La direzione di Fca ha incontrato il Comitato aziendale europeo, ovvero i rappresentanti dei sindacati dei lavoratori del gruppo in Europa, non solo in Italia. Nell’occasione, secondo quanto viene riportato sia da La Stampa che da Leggo, l’azienda ha confermato che produrrà nel nostro Paese nove degli undici modelli previsti nel piano industriale europeo. Ciò consentirà, nei piani aziendali, di poter arrivare alla piena occupazione degli impianti italiani prima della scadenza degli ammortizzatori sociali. Non è stato tuttavia specificato quali saranno i modelli a essere sfornati dagli stabilimenti del nostro Paese. I sindacati hanno in questo senso lamentato una scarsa chiarezza dell’azienda. La critica più dura è arrivata dalla Fiom, mentre la Fim ha specificato che Fca ha fatto sapere che entro un anno Mirafiori e Pomigliano avranno un nuovo modello, ora che l’Alfa Mi.To e la Panda non ci saranno più.

LE PAROLE DEI SINDACALISTI

“L’azienda ha confermato che non presenterà un piano industriale complessivo, ma procederà step by step con l’annuncio dei singoli modelli”, ha detto Michele De Palma, responsabile auto della Fiom. Federico Bellono, Segretario generale della Fiom torinese, ha ricordato che i contratti di solidarietà a Mirafiori e Grugliasco scadranno a settembre. Entro tale termine, quindi, l’azienda potrebbe far sapere, almeno questa è la speranza del sindacalista, cosa intende precisamente fare. “Quello che occorre chiarire sono le tempistiche e i dettagli di assegnazione delle nuove produzioni in Italia che auspichiamo possano dare una prospettiva positiva a tutti i lavoratori, superando le aree di cassa integrazione e di utilizzo degli ammortizzatori sociali”, ha detto Roberto Di Maulo, Segretario generale della Fismic.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori